Alla ricerca dell’avventura – un tour esplorativo negli angoli straordinari del Perù

The Flag of Peru on the World Map.

Il Perù è certamente un luogo che, grazie alla sua ricca storia e alla sua natura, seduce con la sua diversità e il suo straordinario fascino. Un tour di questo Paese può quindi essere un’ottima opzione per gestire il tempo libero e trascorrerlo in un’atmosfera originale. Tuttavia, un viaggio di questo tipo richiede una buona preparazione e un piano che ci permetta di visitarlo in modo ordinato. In questo articolo leggerete una guida del Perù, presentata sotto forma di un viaggio di andata e ritorno di oltre tre settimane. L’itinerario qui proposto è stato scritto per coloro che apprezzano le guide dettagliate. Include informazioni non solo sulle attrazioni, ma anche su questioni logistiche, alloggi o prezzi da tenere presenti durante il viaggio.

Prima settimana del tour

Primo giorno

Trasferimento dall’aeroporto di Lima-Jorge Chávez all’hotel Iberostar Selection Miraflores

Il primo giorno del nostro tour in Perù inizia con una visita alla sua capitale, l’affascinante Lima. La nostra avventura nel Paese inizierà all’aeroporto internazionale più grande del Perù, l’aeroporto di Lima-Jorge Chávez. Dopo un volo così lungo, saremo sicuramente ansiosi di un trasferimento rapido e confortevole verso la nostra sistemazione finale, l’Hotel Iberostar Selection Miraflores. Poiché Lima è una città con un’infrastruttura di trasporti piuttosto estesa, abbiamo diverse opzioni tra cui scegliere per un viaggio confortevole.

Navetta aeroportuale QuickLlama

Una delle opzioni più popolari è quella di viaggiare con il furgone QuickLlama Airport Shuttle. Questo comodo mezzo di trasporto ci porterà direttamente dall’aeroporto di Lima al quartiere del nostro hotel, Miraflores. È comodo e relativamente economico: costa solo cinque dollari. Quindi, se cerchiamo comfort e velocità, questa è sicuramente una buona opzione.

Gli autobus

Oltre alla navetta aeroportuale QuickLlama, esistono altre opzioni di trasporto aeroporto-hotel con tempi di percorrenza simili (circa un’ora). È possibile raggiungere l’hotel Iberostar Selection Miraflores anche con gli autobus urbani, come le linee EO35, IM18 o IO06. Tuttavia, quando si utilizzano questi mezzi di trasporto, bisogna prevedere un cambio di autobus, che potrebbe allungare il viaggio. Tuttavia, il costo del viaggio su questi autobus è notevolmente inferiore. Si pagherà al massimo un dollaro per l’intero viaggio.

Young latin couple wearing protective face mask and carrying guitar case looking at the bus, sitting at bus stop. New normal in public transport.
Young latin couple wearing protective face mask and carrying guitar case looking at the bus, sitting at bus stop. New normal in public transport., licencja: shutterstock/By Ladanifer
Taxi

L’itinerario in questione può essere percorso anche in taxi. Il viaggio dall’aeroporto all’hotel con questo mezzo di trasporto non dovrebbe costare più di venti dollari. Si tratta quindi di un’alternativa piuttosto interessante, soprattutto se si viaggia in un gruppo numeroso e si desidera un trasporto veloce (il viaggio in taxi dura venti minuti).

Iberostar Selection Miraflores (prenota qui)

Il primo hotel in cui trascorreremo parte del nostro tempo durante il tour del Perù è stato pensato per gruppi di viaggiatori diversi. Infatti, qui potremo prenotare sia suite per coppie con un grande letto matrimoniale sia camere più grandi con un letto aggiuntivo o un divano letto, ideali per famiglie in viaggio e gruppi di amici. In loco sono disponibili anche tre ristoranti dell’hotel, che servono cucina peruviana e mediterranea a colazione, pranzo e cena. Per quanto riguarda i servizi, l’Iberostar Selection Miraflores dispone di una piscina all’aperto gratuita sul tetto, dove troverete accessori da spiaggia e un bar. L’hotel vanta anche un ampio centro benessere, che offre accesso a massaggi, sauna, sala fitness e vari trattamenti di bellezza (tra cui terapia della luce, scrub e impacchi per il corpo).

Santuario e Monastero di Las Nazarenas

Il complesso che comprende il Santuario e il Monastero di Las Nazarenas, noto anche come Santuario y Monasterio de Las Nazarenas, è un sito notevole di Lima, costruito nel 1771 in stile rococò, ed è un importante punto di riferimento associato alla tradizione cattolica peruviana.

Nel 1746, Lima fu colpita da un grave terremoto che causò la morte di molte persone e rase al suolo gran parte degli edifici della capitale peruviana. Tuttavia, una statua sul muro della chiesa, raffigurante il Señor de los Milagros, il Signore dei Miracoli, sopravvisse al cataclisma. Questo evento è stato la genesi della nascita della tradizione cattolica di tenere una delle processioni più importanti del Paese, che si svolge all’interno del complesso del tempio nel mese di ottobre. L’immagine del Señor de los Milagros si trova oggi sull’altare del santuario.

Il sito merita una visita sia per motivi religiosi che architettonici. Il santuario emana un’incredibile atmosfera di tranquillità e riflessione spirituale, che permette di immergersi in un pensiero profondo, nella contemplazione o nella preghiera. Qui potremo anche osservare da vicino i dettagli architettonici, che possono interessare gli amanti della storia della chiesa e dell’arte del XVIII secolo. Se ci rechiamo in questo luogo durante una processione, avremo sicuramente l’opportunità di incontrare pellegrini provenienti da tutto il mondo. L’incontro con gli stranieri può essere estremamente stimolante.

Il modo migliore per raggiungere il Santuario y Monasterio de Las Nazarenas dal nostro hotel è prendere l’autobus della linea 301, con destinazione Barranco do Rímac. Anche se il viaggio su questa linea durerà circa cinquanta minuti, ci permetterà di raggiungere questo sito storico senza problemi, senza dover cambiare autobus. Vale la pena notare che l’ingresso alla chiesa è gratuito.

Magnificent Las Nazarenas Church in Lima, Peru
Magnificent Las Nazarenas Church in Lima, Peru , licencja: shutterstock/By CMFerrer16

Basilica e convento di San Francisco de Lima

La Basílica y Convento de San Francisco de Lima è un affascinante complesso architettonico costruito in stile neoclassico e situato nel centro storico di Lima. È composta da un convento e da due chiese, Nuestra Señora de la Soledad e del Milagro, che arricchiscono questo complesso storico.

Prima di delineare la storia di questo complesso templare, è opportuno spendere qualche parola sulle origini di Lima stessa e sulla storia dell’assegnazione dei terreni della città. Francisco Pizarro, quando fondò la capitale dell’attuale Perù nel 1535, creò un piano della città e assegnò dei lotti di terreno agli ordini religiosi. Uno di questi fu assegnato a un francescano, padre Francisco de la Cruz, che vi costruì una piccola cappella. Tuttavia, non passò molto tempo prima che questo terreno venisse assegnato ai domenicani a causa della mancanza di francescani nella zona. Il nuovo appezzamento di terreno fu concesso ai francescani nel luogo in cui oggi sorge la Chiesa del Milagro. Nel 1546, Francisco de Santa Ana arrivò a Lima e costruì qui una modesta chiesa.

Nei decenni successivi il complesso fu ampliato e sottoposto a numerosi restauri. Purtroppo, il 4 febbraio 1655, un terremoto colpì Lima e rovinò il convento francescano, distruggendo i preziosi monumenti raccolti nel corso dei secoli. Tuttavia, già nel 1672 fu inaugurato un nuovo convento nello stesso luogo.

Oggi la Basílica y Convento de San Francisco de Lima è aperta al pubblico. Trattandosi di un vero e proprio gioiello architettonico della città, molti turisti vi si recano ogni anno. Tuttavia, per ammirare la bellezza del complesso templare, è necessario pagare una piccola tassa (prezzo per adulto – quattro dollari).

Per quanto riguarda i trasporti, è possibile raggiungere il sito a piedi in venti minuti dal già citato santuario.

Il sito tiqets.com offre anche un tour organizzato di Lima, che include una visita al Monastero di San Francesco. Se siete interessati, cliccate qui per saperne di più.

17th century Church and Monastery of San Francisco  (Basílica y Convento de San Francisco), Lima, Peru.
17th century Church and Monastery of San Francisco (Basílica y Convento de San Francisco), Lima, Peru., licencja: shutterstock/By SzymonBarylski
Catacombe della Basilica e del Convento di San Francisco de Lima

Tra i luoghi di interesse, vanno sicuramente menzionate anche le catacombe della Basílica y Convento de San Francisco de Lima. Durante l’epoca coloniale, servivano come cimitero sotterraneo ed erano il luogo di riposo di molti abitanti della città. Il sito fu utilizzato fino al 1810 e si stima che potesse contenere i resti di fino a settantamila persone.

Oggi, questi spazi sotterranei contengono ossa classificate coscienziosamente dagli antropologi, disposte in una composizione che conferisce all’ossario un’espressione artistica. Si può quindi affermare che questo luogo riveste una grande importanza per l’identità degli abitanti di Lima, che hanno a cuore la memoria dei defunti.

È interessante notare che le catacombe in questione sono anche fonte di numerose ipotesi e misteri. Si ipotizza che alcuni degli ingressi che conducono agli inferi possano collegarsi a corridoi che conducono ad altre chiese o addirittura alla Casa de Pizarro, sede del Presidente della Repubblica del Perù. La conferma di questa ipotesi indicherebbe il ruolo estremamente importante delle catacombe nella storia della città, che forse un tempo fungevano da rifugi segreti.

Vale anche la pena di notare che la scoperta di queste catacombe è stata relativamente recente, nel 1951. Di conseguenza, la loro storia è ancora oggetto di intense indagini da parte di esperti specialisti. Chissà, forse in futuro ne sapremo di più sullo scopo di questi misteriosi sotterranei della Basílica y Convento de San Francisco de Lima. Per ora una cosa è certa. Una visita a queste catacombe è un’ottima occasione per conoscere l’affascinante storia della città e immergersi nel misterioso mondo dei cimiteri sotterranei.

Medieval bones in the basement of St. Francis Monastery in Lima
Medieval bones in the basement of St. Francis Monastery in Lima , licencja: shutterstock/By Yury+Birukov

Secondo giorno

Fortaleza del Real Felipe

Il secondo giorno del tour di Lima sarà dedicato in parte alla Fortaleza del Real Felipe, un complesso militare risalente al XVIII secolo. Un tempo tormentato dagli attacchi dei pirati, oggi è visitato dai turisti interessati alla storia militare e alla storia del Perù.

Prima di parlare della turbolenta storia della fortezza, vale la pena dedicare qualche parola alle origini del forte e del suo nome. È interessante notare che nel XVII secolo esistevano già delle fortificazioni a Callao, il quartiere costiero di Lima, per proteggere il porto e creare un collegamento tra le colonie spagnole e la metropoli. Tuttavia, come già discusso nel contesto del Santuario y Monasterio de Las Nazarenas, il terremoto del 1746 demolì la maggior parte delle fortificazioni. Tuttavia, ci fu una rapida risposta al problema. Nel 1747 iniziò la costruzione di una nuova fortezza, intitolata al re Filippo V della dinastia dei Borbone, morto l’anno precedente.

La fortezza fu completata nel 1774. Nei decenni successivi fu regolarmente ampliata e modernizzata. Queste modifiche erano in gran parte strettamente legate agli anni turbolenti che caddero all’inizio del secolo successivo. Nei primi decenni del XIX secolo, la Fortaleza del Real Felipe affrontò gli attacchi della Marina britannica e fu teatro di intensi combattimenti durante la Guerra d’Indipendenza delle colonie spagnole.

Nei decenni successivi il forte svolse diverse funzioni. Tra le altre cose, ospitava una prigione. La Fortaleza del Real Felipe fu anche sede di varie istituzioni statali in diverse occasioni. Sebbene la fortezza abbia svolto la sua funzione difensiva originaria per l’ultima volta tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80 del XIX secolo, le fortificazioni hanno ospitato anche basi militari. Il sito è quindi un’incredibile testimonianza di come i complessi militari possano cambiare ruolo e significato nel corso degli anni.

Tasse di ammissione e di accesso

Oggi il sito della Fortaleza del Real Felipe è aperto ai turisti per le visite guidate. L’ingresso costa cinque dollari per un adulto che non sia cittadino peruviano. Si tratta di un costo relativamente contenuto se si considera la ricchezza di storia e cultura che si può scoprire qui. La Fortaleza del Real Felipe è un luogo che ci permette di avvicinarci al passato e di capire la sua influenza sulla formazione della Lima moderna.

La Fortaleza del Real Felipe è raggiungibile in autobus dall’hotel Iberostar Selection Miraflores in poco più di un’ora. Tenete presente, però, che il viaggio prevede almeno due trasferimenti. Esistono due percorsi che ci permetteranno di spostarci con relativa comodità. In entrambi i casi utilizzeremo inizialmente gli autobus EO35. Poi, nei pressi di Avenida 28 de Julio 398, cambieremo con OM28 o IM44, a seconda del percorso scelto.

Interior view of the Fortress of the Royal Felipe. was built over 250 years ago built to defend the Peruvian coast. Sunday, March 20, 2016, Callao Peru
Interior view of the Fortress of the Royal Felipe. was built over 250 years ago built to defend the Peruvian coast. Sunday, March 20, 2016, Callao Peru, licencja: shutterstock/By Milton+Rodriguez

Museo Arqueológico Rafael Larco Herrera

Il secondo giorno del vostro viaggio a Lima, dovreste visitare anche l’affascinante Museo Arqueológico Rafael Larco Herrera, un museo dedicato all’arte precolombiana.

Si trova nel pittoresco quartiere Pueblo Libre, abitato principalmente dalla classe media peruviana. È caratterizzato da un’abbondanza di parchi, università private e sedi di multinazionali. L’edificio del museo risale al XVIII secolo, quando il Perù era un vicereame, un’unità amministrativa imperiale amministrata dalla Spagna.

Il Museo Archeologico Rafael Larco Herrera attira l’attenzione non solo per il suo ambiente storico, ma anche per le sue ricche collezioni di arte precolombiana. La Galleria dell’Oro e dell’Argento espone un’impressionante collezione di gioielli utilizzati da importanti governanti del Perù precolombiano. Qui avremo l’opportunità di ammirare numerose corone, orecchini, ornamenti per il naso, pezzi di abbigliamento, maschere o vasi, intricatamente realizzati in oro ornato e decorati con pietre semipreziose.

Nella Galleria delle Culture, invece, i visitatori del museo potranno immergersi nella ricca storia precolombiana peruviana di diecimila anni. Grazie alla presentazione cronologica della collezione, è possibile ricostruire come la cultura materiale della regione si sia formata nei secoli precedenti l’arrivo degli spagnoli. L’arte indigena qui conservata e custodita permette ai visitatori di conoscere la vita quotidiana e le tradizioni di queste antiche comunità.

Prezzi d’ingresso

I prezzi d’ingresso al museo sono i seguenti. Gli adulti pagano otto euro e mezzo per visitare le mostre. Gli anziani, oltre i sessant’anni, poco più di sette euro, e gli studenti dai nove ai diciassette anni quattro euro. I bambini sotto gli otto anni entrano gratuitamente.

Dall’hotel Iberostar Selection Miraflores, il modo migliore per raggiungere il museo è l’autobus OM19, che in meno di cinquanta minuti ci porterà direttamente davanti all’edificio del Museo Arqueológico Rafael Larco Herrera. Per prendere questo autobus, tuttavia, dobbiamo prima percorrere ottocento metri a piedi fino alla fermata di Avenida José Larco 310.

Se riusciamo a visitare il museo subito dopo aver visitato la Fortaleza del Real Felipe, possiamo utilizzare i collegamenti in autobus disponibili per rendere il viaggio confortevole. L’autobus IO100, pur impiegando quaranta minuti, ci consentirà un viaggio senza cambi e senza lunghe camminate.

Terzo giorno

Casa de Pizarro

Il terzo giorno del tour di Lima offrirà un’occasione unica per scoprire la Casa de Pizarro, sede del governo peruviano e residenza ufficiale del Presidente del Perù. È interessante notare che la posizione stessa del complesso governativo testimonia l’esistenza di un’antica tradizione legata all’esercizio del potere in questo luogo. Infatti, situata sulle rive del fiume Rímac, la Casa de Pizarro occupa l’area di un’enorme huaca, o “oggetto venerato”, dove un tempo sorgeva il tempio di Taulichusco, l’ultimo curacao, il governatore indigeno di Lima.

Il primo palazzo del governo fu costruito nel 1535 su iniziativa di Francisco Pizarro, governatore della Nuova Castiglia. Nel 1542, dopo l’istituzione del Vicereame del Perù, il palazzo divenne la sede del viceré e il centro amministrativo. Le ultime modifiche all’edificio risalgono agli anni ’30 del Novecento. È interessante notare che i lavori di ristrutturazione della Casa de Pizarro furono supervisionati, tra gli altri, da Ricardo de Jax Malachowski, un architetto polacco-peruviano. Il suo progetto per la facciata neobarocca fu realizzato nel 1938.

Sala d’oro

Il complesso della Casa de Pizarro comprende numerose sale formali e diversi cortili interni. Una delle più magnifiche è il Salón Dorado, o Sala Dorata, che risale agli anni Venti. È qui, nella sala principale di ricevimento, che i membri del Consiglio dei Ministri prestano giuramento al Presidente. Questa sala è stata ispirata dalla famosa Sala degli Specchi della Reggia di Versailles in Francia. Tutto nel Salón Dorado è maestoso, dagli alti specchi ai rilievi dorati sulle pareti e al soffitto dorato, con motivi indigeni ed europei.

La Sala Grande

Entrando dalla Puerta de Honor, decorata con un dipinto di Francisco Pizarro, i visitatori si trovano nella Sala Grande (Gran Hall) a due piani, un altro spazio straordinario della Casa de Pizarro. Questa sala emana monumentalità, con colonne, decorazioni a fogliame e rilievi dipinti. Il pavimento in marmo è decorato con dettagli locali e la scala di accesso è fiancheggiata dai busti dei grandi liberatori Simón Bolívar e José de San Martín. Sopra la scalinata si trova un soffitto a cupola con vetrate di ispirazione Art Nouveau.

Una visita a questo luogo permette di immergersi in un’architettura affascinante e stimolante, che combina le tradizioni delle culture indigene con le influenze europee. Questo conferisce al luogo un’atmosfera unica che tutti gli amanti dell’arte sincretica apprezzeranno.

Per quanto riguarda il trasporto dal nostro hotel alla Casa de Pizarro, l’opzione più comoda sembra essere quella di prendere l’autobus 301. Dovremo prima camminare fino alla fermata di Avenida José Larco, a mezzo chilometro dall’Iberostar Selection Miraflores. Poi prendiamo l’autobus con destinazione la stazione di Barranco a Rímac fino all’Avenida Tacna S/N. Da lì si va di nuovo a piedi, direttamente al complesso. L’ultimo tratto del percorso si percorre in un quarto d’ora.

Lima, Peru: Pałac rządowy, rezydencja prezydenta, znany jako dom Pizarro w historycznym centrum Lima, wpisany na Listę Światowego Dziedzictwa UNESCO,
Lima, Peru: Pałac rządowy, rezydencja prezydenta, znany jako dom Pizarro w historycznym centrum Lima, wpisany na Listę Światowego Dziedzictwa UNESCO,, licencja: shutterstock/By Atosan

Parco della Riserva

Il Parque de la Reserva, situato nel cuore di Lima, è uno dei luoghi ricreativi più famosi e visitati della città. In particolare, affascina i visitatori con la sua ricca serie di attrazioni, una delle più spettacolari delle quali è El Circuito Mágico del Agua.

Il già citato Circuito Mágico del Agua è un singolare insieme di installazioni acquatiche, inaugurato nel 2007. Offre ai visitatori uno spettacolo incredibile, una composizione mozzafiato di acqua e luce. Inoltre, essendo il più grande complesso di fontane al mondo in un parco pubblico, El Circuito Mágico del Agua è stato inserito nel Guinness dei primati.

Infatti, El Circuito Mágico del Agua ospita ben tredici fontane diverse, molte delle quali interattive. Quando cala la notte, l’intero complesso acquatico si trasforma in un magico micromondo di luci, colori e suoni. Illuminate da luci che cambiano dinamicamente, le fontane danzano al ritmo di musica classica e peruviana, mostrando motivi e forme uniche. Si tratta di uno spettacolo incredibilmente coinvolgente per i visitatori, che crea un’atmosfera indimenticabile.

Le installazioni del complesso El Circuito Mágico del Agua

La maggiore attrazione del Parque de la Reserva è l’impressionante Fontana Magica (Fuente Mágica), che sgorga un getto d’acqua a più di ottanta metri di altezza. Nel parco si trovano anche altre affascinanti fontane, che rispondono alle diverse esigenze dei visitatori. Tra le altre, la Fuente Túnel de las Sorpresas, una fontana a forma di tunnel lungo trentacinque metri, il cui getto d’acqua scorre sopra le teste dei turisti di passaggio. Inoltre, c’è la Fuente de los Niños o fontana Fantasia, dedicata ai bambini, dove si tengono regolarmente spettacoli di luce colorati e spettacolari.

Nel complesso, il Parque de la Reserva è un luogo straordinario, grazie alla sua notevole combinazione di natura, tecnologia e arte. Oltre a svolgere una funzione ricreativa, il parco offre a tutti i visitatori un’esperienza multisensoriale unica.

Dal complesso della Casa de Pizarro, il parco è raggiungibile con la linea di autobus IO33B. Per prima cosa bisogna camminare fino alla fermata Sitio del Patrimonio Mundial Centro histórico de Lima – Avenida Tacna. Lì prendiamo i mezzi pubblici e scendiamo alla fermata Avenida Iquitos 1038, poi percorriamo cinquecento metri lungo Avenida Isabel la Católica e siamo arrivati. Dovremmo percorrere l’intero percorso in mezz’ora.

Colorful illuminated water fountains light art installation Circuito magico del Agua in Parque de la Reserva Lima Peru South America
Colorful illuminated water fountains light art installation Circuito magico del Agua in Parque de la Reserva Lima Peru South America, licencja: shutterstock/By maphke

Quarto giorno

Noleggiare un’auto a Lima

Per poter girare il Perù in modo efficiente e garantirci la possibilità di fare molto durante il nostro tour del Perù, dovremo noleggiare un’auto. Questo perché non potremo arrivare dappertutto né in treno né in autobus. Tuttavia, prima di prenotare, assicuratevi che l’agenzia da cui volete noleggiare un’auto sia affidabile e abbia recensioni positive da parte di clienti soddisfatti. Di seguito troverete le 3 migliori agenzie di noleggio che troverete nella capitale del Perù.

Hertz Salaverry

Le recensioni di chi ha utilizzato questa società di noleggio attestano l’ottimo servizio e la disponibilità di veicoli moderni. I clienti sottolineano l’ammirevole impegno del personale, che si rivolge a ogni cliente con cortesia e professionalità. Grazie alla fiducia dei suoi clienti, è una delle società di noleggio più consigliate a Lima.

GO PERU RENT A CAR

Anche i clienti che hanno usufruito dei servizi di questa società di noleggio hanno avuto un’esperienza positiva di autonoleggio. Il processo di prenotazione presso GO PERU RENT A CAR è semplice e veloce e i veicoli sono mantenuti in ottime condizioni. La pulizia e la manutenzione regolare delle auto fanno sì che i clienti si sentano sicuri di viaggiare con le auto noleggiate qui. L’intero processo è ulteriormente facilitato dalla flessibilità degli orari di ritiro e restituzione.

Alamo / Enterprise / National

Alamo / Enterprise / National è apprezzata per la trasparenza delle condizioni di noleggio e la chiarezza dei prezzi. Questa società di noleggio ha la reputazione di essere professionale, reattiva nei confronti dei clienti ed estremamente equa. È un’opzione eccellente se siete particolarmente interessati alla flessibilità dei prezzi e delle opzioni di noleggio.

Prezzi medi per il noleggio auto a Lima

Per prepararsi al meglio al viaggio, è bene conoscere anche i prezzi medi del noleggio auto. Questo ci aiuterà a pianificare meglio il nostro budget di viaggio e ad evitare delusioni finanziarie.

Le auto compatte e di classe economica possono essere noleggiate a partire da soli quattordici dollari al giorno. Le auto di fascia media per viaggi più confortevoli sono disponibili a partire da venti dollari. Se siete interessati a un SUV, che combina le caratteristiche di un’auto e di un fuoristrada, dovrete fare i conti con costi di noleggio dell’ordine di 40 dollari.

Si noti che i prezzi qui presentati sono medi e possono variare a seconda della società di noleggio, della stagione e della disponibilità dei veicoli. Inoltre, controllate sempre le condizioni del veicolo che desiderate noleggiare e verificate attentamente i termini e le condizioni del contratto di noleggio auto.

Viaggio da Iberostar Selection Miraflores all’Hotel Villarma di Alis

All’inizio del nostro viaggio, percorriamo la Highway 1S, che è il tratto peruviano della Carretera Panamericana intercontinentale. Questa meraviglia di infrastruttura autostradale collega le due Americhe, estendendosi per trentamila chilometri.

Durante il viaggio, vale la pena notare i cancelli all’uscita dell’autostrada a Cerro Azul, che sono parte integrante del sistema di pedaggio del Perù. Dopo aver lasciato l’autostrada 1S, ci si dirige verso est, seguendo l’autostrada 24, che va da Cañete a Huancayo. Guidando dritti verso la vostra destinazione, avrete l’opportunità di passare attraverso la riserva naturale Bosque de protección Aledaño a la Bocatoma del Canal Nuevo Imperial, tra le altre. Lungo il percorso si trova anche il sito archeologico di Incahuasi, non lontano dal parco. Qui sono presenti i resti architettonici di una città inca.

Situato sulla strada per Huancayo, l’Hotel Villarma di Alis è raggiungibile, dal punto di partenza, in circa sei ore (lunghezza del percorso – trecento chilometri).

Village of Alis in Nor Yauyos Cochas nature reserve, Peru.
Village of Alis in Nor Yauyos Cochas nature reserve, Peru., licencja: shutterstock/By estivillml

Hotel Villarma ad Alis (prenota qui)

L’Hotel Villarma si trova all’interno della riserva naturale Reserva Paisajística Nor Yauyos-Cochas, che visiteremo il quarto e il quinto giorno del nostro tour. Per quanto riguarda gli appartamenti disponibili qui, è possibile prenotare, tra l’altro, camere doppie con un grande letto matrimoniale. Possiamo anche scegliere suite con due letti singoli e camere familiari con un letto singolo e uno matrimoniale. Il nostro appetito, invece, sarà soddisfatto dal ristorante Mama Culi, che serve cucina peruviana per qualsiasi ora del giorno. Il menu del ristorante comprende anche opzioni vegane. Durante la permanenza in hotel, potrete anche rilassarvi completamente nel centro benessere. Il bagno all’aperto vi permetterà di rigenerare le forze per proseguire le visite turistiche. L’Hotel Villarma offre anche la connessione Wi-Fi e il parcheggio privato gratuiti.

Cascadas de Cabracancha

Il quarto giorno del nostro viaggio saremo nella riserva naturale Reserva Paisajística Nor Yauyos-Cochas per scoprire una delle sue attrazioni più belle, le Cascadas de Cabracancha. Date le difficoltà logistiche del percorso da Lima ad Alis, che ha richiesto sei ore di cammino, vale la pena di trascorrere il resto della giornata in tranquillità. Questo ci permetterà di recuperare e di godere appieno della bellezza di questo luogo magico. Il quarto giorno della spedizione, quindi, visiteremo solo le cascate della riserva.

Le Cascadas de Cabracancha sono cascate pittoresche, a un’ora di macchina dal nostro hotel di Alis. Numerosi turisti della zona le trovano ideali per scattare foto e visitarle con la famiglia o gli amici.

Bisogna però tenere presente che le condizioni climatiche sono piuttosto rigide. È quindi consigliabile essere preparati alle raffiche di aria fredda e assicurarsi di indossare indumenti caldi. Tuttavia, questi piccoli inconvenienti non possono mettere in ombra i vantaggi di Cascadas de Cabracancha.

Quinto giorno

Laguna di Piquecocha

Guidando verso le cascate visitate il giorno precedente, a meno di nove chilometri a nord dell’Hotel Villarma ci imbatteremo nella laguna di Piquecocha.

La visita alla laguna di Piquecocha è un’ottima occasione per ammirare la bellezza della fauna locale e la sua diversità. Molti viaggiatori si stupiscono della presenza di anatre tuffatrici, della possibilità di fare una crociera in barca a pagamento o della moltitudine di punti pittoreschi, ideali per scattare foto. Inoltre, nella zona della laguna si possono incontrare adorabili alpaca che, probabilmente abituati alla presenza dei turisti, si lasciano fotografare volentieri.

I visitatori del sito apprezzano anche la disponibilità di servizi igienici e la presenza di negozi intorno alla laguna. Questi negozi vendono, tra l’altro, acqua, snack e prodotti locali come formaggio e miele.

C’è anche un ristorante su una piccola piattaforma vicino alla laguna, che serve piatti a base di prodotti locali. Qui mangeremo, ad esempio, una zuppa locale, una trota fritta o il più comune pollo con riso. Grazie all’uso di spezie caratteristiche della regione nella preparazione dei cibi, la cucina qui è eccezionalmente gustosa e originale.

Cañon de Uchco

Nella zona della laguna, dopo averla esplorata, vale la pena di recarsi in uno dei canyon della zona. Il più vicino è il Cañon de Uchco, situato a 17 chilometri a est della laguna. Per arrivarci, bisogna guidare prima verso sud sulla Route 120 e poi, vicino a Tinco, proseguire verso est sulla Route 24.

Sebbene le escursioni nel Cañon de Uchco richiedano tempo e un po’ di abilità, valgono sicuramente la pena per lo splendido scenario. Le formazioni rocciose qui sedurranno non solo gli appassionati di Instagram con le loro forme irregolari, ondulate e surreali.

Uchto canyon in Nor Yauyos-Cochas nature reserve, Peru
Uchto canyon in Nor Yauyos-Cochas nature reserve, Peru, licencja: shutterstock/By estivillml

Viaggio a Huancayo con Alis

Il quinto giorno del nostro viaggio, lasciamo Alis per Huancayo, a centodiciassette chilometri a est. Il viaggio dura poco meno di tre ore e prevede di percorrere la Route 24 per la maggior parte del tempo.

Sesto giorno

Soggiorno a Huancayo – punti salienti e breve storia della città

Huancayo è la prima e più grande città del nostro tour in Perù dopo Lima, con una popolazione di oltre quattrocentomila abitanti. È quindi la quinta città più popolosa del Paese, nonché il centro culturale e commerciale dell’intera area delle Ande centrali peruviane.

La storia di questa città risale al periodo precolombiano. In origine, l’area dell’attuale Huancayo era abitata da una delle tribù Ketchua, gli Huanca. Il nome stesso della città deriva quindi da questo popolo e significa “luogo con roccia sacra” nella loro lingua. Intorno al 500 a.C. Huancayo fu incorporata nell’impero Tiwanaku-Wari. Nonostante gli sforzi per difendere la propria indipendenza, la tribù Huanca fu infine conquistata dai Pachacuteca nel 1460 e incorporata nell’impero Inca. Nel 1572 vi fu fondata ufficialmente una città coloniale con il nome di “Santísima Trinidad de Huancayo”, che operava nell’orbita di influenza spagnola. Dopo che il Perù ottenne l’indipendenza dalla Spagna, la città iniziò a svilupparsi rapidamente. Per questo motivo, tuttavia, pochi edifici coloniali sono sopravvissuti fino ad oggi. Oggi gli edifici moderni dominano il paesaggio urbano.

Hotel de Turistas Huancayo – Hotel Asociado Casa Andina (prenota qui)

Uno degli hotel più frequentemente consigliati a Huancayo è l’Hotel de Turistas Huancayo – Hotel Asociado Casa Andina. Qui sono disponibili fondamentalmente due tipi di appartamenti in cui prenotare un soggiorno. Una camera con un grande letto matrimoniale è dedicata alle coppie in viaggio. È anche possibile soggiornare in questo hotel in una suite con due letti singoli. È presente anche il ristorante MAIZAL CLASSIC RESTAURANT, che offre cucina locale e internazionale per colazione, pranzo e cena. I servizi dell’hotel includono anche la connessione Wi-Fi gratuita.

Parco dell’Identità Huanca

Un’attrazione apprezzata da molti turisti e abitanti di Huancayo è il Parque de la Identidad Huanca. Questo parco, costruito negli anni ’90, ospita numerosi canali, statue e portali che fanno riferimento a figure rappresentative della regione (tra cui musicisti e compositori che hanno creato la musica popolare peruviana e andina). Inoltre, il parco è circondato da uno spazio verde con diverse piante. È interessante notare che i progettisti che hanno realizzato il parco si sono ispirati al giardino di Park Güell, situato a Barcellona e progettato dall’architetto catalano Antoni Gaudí. Questo parco, come il Parque de la Identidad Huanca che ne è il modello, è caratterizzato dalla presenza di molti elementi architettonici.

Park in Huancayo; Peru
Park in Huancayo; Peru, licencja: shutterstock/By ethylalkohol

Torre Torre

Torre Torre è un complesso di formazioni geologiche a un chilometro e mezzo dal centro di Huancayo. Qui si trovano, formate da terreno argilloso, una sorta di torri (torre in spagnolo) formate dall’azione erosiva di vento e pioggia. Possono raggiungere i trenta metri di altezza. Ricordiamo però che, sebbene lo stato attuale delle torre sia descritto come buono, l’erosione colpisce costantemente queste strutture geomorfologiche, trasformandole quotidianamente. Vale quindi la pena, quando si è a Huancayo, visitare questo sito e approfittare delle condizioni ancora relativamente buone del complesso.

Geological Formation Torre Torre in Huancayo - Peru
Geological Formation Torre Torre in Huancayo – Peru, licencja: shutterstock/By jcfotografiape

Altre informazioni su Huancayo

Le altre attrazioni di Huancayo

Se abbiamo ancora un po’ di tempo dopo aver visitato il Parque de la Identidad Huanca e la Torre Torre, vale la pena di approfittarne per visitare le altre attrazioni turistiche della città. Tra le più famose possiamo sicuramente annoverare la Catedral de Huancayo. Si trova in Plaza de la Constitución, proprio nel centro della città. A un chilometro di distanza dal tempio, invece, si trova il Museo Salesiano Vicente Rasetto, situato nella scuola Colegio Salesiano Santa Rosa. Ospita mostre di archeologia, storia naturale, tessuti ed entomologia. Molto popolare la domenica è anche il mercato della Feria Dominical de Huancayo, lungo più di due chilometri, situato sull’Avenida Huancavelica. Vi si possono trovare una varietà di oggetti di artigianato, abbigliamento e anche bancarelle di verdure locali.

La scena gastronomica della città

Grazie alla sua posizione nella valle del fertile fiume Mantaro, Huancayo offre una varietà di cucina locale. Uno dei piatti più popolari in questa parte del Paese è la pachamanca, preparata con una varietà di carni e verdure. A Huancayo si usa soprattutto l’agnello per preparare la pachamanca.

In,The,Pachamanca,Ceremony,,Lamb,,Alpaca,,Pork,And,Beef,Are
In,The,Pachamanca,Ceremony,,Lamb,,Alpaca,,Pork,And,Beef,Are

Un punto interessante è il processo di arrostimento. La preparazione del piatto inizia riscaldando le pietre sul fuoco. La carne viene poi posta su di esse e il fuoco viene coperto con erba e terra. Il forno così ottenuto viene aperto dopo circa due ore.

Un altro piatto interessante è il papa a la huancaína, o letteralmente patate alla Huancayo. Si tratta di un tipo di antipasto, preparato con patate bollite in una salsa Huancaína piccante e cremosa a base di formaggio bianco e peperoni peruviani mirtilli fritti o grigliati, oltre a cipolle rosse e aglio. Il Papa a la huancaína viene solitamente servito freddo come antipasto con foglie di lattuga, olive nere, chicchi di mais e quarti di uova sode. È un piatto la cui popolarità ha superato Huancayo e si è diffusa in tutto il Perù. Oggi il papa a la huancaína è un punto fermo della cucina quotidiana e festiva di tutto il Paese.

Altri piatti popolari a Huancayo e dintorni sono il picante de cuy, il chicharrón colorado, il mondongo o la sopa verde.

Settimo giorno

Viaggio da Huancayo ad Ayacucho

Ci sono diversi itinerari per andare da Huancayo ad Ayacucho in auto. Il più favorevole sembra essere quello che prevede di percorrere l’autostrada 3S. Per percorrerla occorrono poco più di sei ore (260 chilometri).

Soggiornare ad Ayacucho – punti salienti e breve storia della città

Ayacucho è una città abbastanza grande, anche se più del doppio di Huancayo in termini di popolazione. È anche la prima del nostro viaggio situata nettamente a sud di Lima.

Ayacucho è una città ricca di storia, che risale alla preistoria. A venticinque chilometri a nord di Ayacucho si trova il sito archeologico di Pikimachay, dove sono stati scoperti resti di insediamenti umani risalenti a più di 15.000 anni fa. Nella seconda metà del primo millennio d.C., la regione della città era associata, come Huancayo, alla cultura Wari, la civiltà pre-Inca di più rapido sviluppo. Successivamente, fino alla conquista Inca, la cosiddetta “confederazione Chanka” dominò la zona. I governanti dell’impero Inca, che governavano qui dal XV secolo, non godettero però a lungo della loro nuova acquisizione territoriale.

Ayacucho, allora conosciuta come Huamanga, fu conquistata e trasformata in una città coloniale amministrata dal Vicereame spagnolo del Perù. Negli anni successivi fu colonizzata da spagnoli provenienti da Lima e Cusco. Per decreto reale, le fu persino conferito il titolo di città più nobile e fedele, la più alta designazione nella gerarchia spagnola dei nomi delle città. Il secolo successivo portò ad Ayacucho sviluppi nel campo dell’istruzione superiore. Il 3 luglio 1677 fu fondata in città un’università (Universidad Nacional de San Cristóbal de Huamanga). In generale, durante l’epoca coloniale Ayacucho fu un importante centro amministrativo e una tappa strategica tra Lima e Cusco.

Il 15 febbraio 1825 Simón Bolívar, leader della lotta per la liberazione del Sudamerica dal dominio spagnolo, noto anche come El Libertador (Il Liberatore), ribattezzò la città Ayacucho. In questo modo, fece riferimento alla storica battaglia che ebbe luogo il 9 dicembre 1824 e che fu l’ultimo scontro armato tra l’esercito spagnolo e gli indipendentisti durante la guerra d’indipendenza peruviana. Il nome della città è un composto di due parole della varietà locale della lingua ketchua. La prima ”aya” significa morto e la seconda ”kuchu” significa corno.

Gli ultimi decenni e il presente

Sebbene la città sia stata massicciamente popolata nei decenni successivi, violenti disordini politici (causati dalle attività delle organizzazioni terroristiche di sinistra negli anni ’80) hanno destabilizzato la regione e costretto molte persone a migrare.

Oggi Ayacucho è un importante centro urbano con un’industria leggera sviluppata e una base turistica a livello locale. Tra le altre cose, la città è famosa per le trentatré chiese costruite in epoca coloniale, dedicate a ogni anno della vita di Gesù. Nonostante lo sviluppo industriale, Ayacucho si trova ancora in una delle regioni più povere del Perù, dominata dall’agricoltura.

Hotel Santa Rosa (prenota qui)

L’Hotel Santa Rosa è una struttura situata nel cuore del centro città, appena fuori dalla famosa Plaza de Armas di Ayacucho. Qui sono disponibili diverse tipologie di camere, adatte a diversi gruppi di turisti in visita. È possibile prenotare un soggiorno in un appartamento con uno, due o tre letti singoli o un letto matrimoniale. La camera più grande contiene due letti singoli e un letto matrimoniale. Per quanto riguarda i servizi, sono disponibili la connessione Wi-Fi pubblica e gratuita e un parcheggio privato in loco. È presente anche un centro benessere che comprende un bagno pubblico. Il cortile, su cui si affacciano le camere dell’hotel, è una delle principali attrazioni.

The Plaza de Armas with the cathedral in the background in Ayacucho, Peru
The Plaza de Armas with the cathedral in the background in Ayacucho, Peru, licencja: shutterstock/By jkraft5

Museo Arqueológico Hipólito Unanue

Dato il viaggio di sei ore di quel giorno, concluderemo la prima settimana con un’attrazione turistica. Si tratta di uno dei musei più famosi di Ayacucho: il Museo Arqueológico Hipólito Unanue.

Ci vogliono otto minuti in auto per raggiungerlo dall’Hotel Santa Rosa e venticinque a piedi, dirigendosi a nord verso l’Universidad Nacional de San Cristóbal de Huamanga.

Il museo riunisce collezioni che costituiscono il patrimonio materiale del Perù precolombiano. Vi si trovano molti manufatti in pietra, tessuto e ceramica. Particolare attenzione è riservata alla cultura Wari, le cui rovine della capitale si trovano a venticinque chilometri a nord del centro di Ayacucho. Inoltre, all’esterno dell’edificio si trova il giardino botanico Parque xerofito de Ayacucho, che raccoglie imponenti cactus.

Il museo stesso prende il nome da Hipólito Unanue (1755-1833), medico peruviano e primo ministro delle Finanze del Perù indipendente.

Per quanto riguarda i prezzi d’ingresso al museo, gli adulti pagano 1,46 euro, gli studenti 0,73 euro e gli alunni 0,24 euro. I prezzi sono stati ricavati dal sito web ”Museos en Línea”. Vi si trovano anche informazioni su altri musei del Paese e reportage dal mondo della cultura, tra le altre cose.

Luoghi alternativi da visitare a Ayacucho

Se non abbiamo voglia di visitare i reperti del Museo archeologico Hipólito Unanue, o se vogliamo vedere qualcos’altro, possiamo visitare, tra l’altro, i famosi templi della città: la Catedral de Ayacucho e il Templo de Santo Domingo de Huamanga.

La prima risale alla seconda metà del XVII secolo ed è stata riconosciuta nel 1972 come patrimonio storico culturale del popolo peruviano. Costruito in stile barocco in pietra rosa e grigia, si fonde in modo interessante con l’antistante Plaza de Armas. È anche il tempio principale e più grande della città, considerato da molti il più bello del Perù. La sua popolarità è dovuta soprattutto ai suoi interni, decorati nello stile noto come churriguerismo. Si tratta di una specifica variante spagnola del barocco, caratterizzata da un eccesso di elementi ornamentali e da una straordinaria abbondanza di dettagli scultorei.

Trecentocinquanta metri a nord della cattedrale si trova il Templo de Santo Domingo de Huamanga. Come quello precedentemente discusso, fu costruito in epoca coloniale, tra il XVI e il XVII secolo. Gli elementi più caratteristici dell’edificio sono i tre archi nella parte inferiore della facciata e le due torri. È interessante notare che il tempio è un esempio dell’uso dello stile mudéjar nell’architettura di Ayacucho, che si è sviluppato dalla combinazione di elementi islamici e cristiani (romanici e gotici).

Museo della Memoria “Para que no se repita” e Santuario storico della Pampa di Ayacucho

Il Museo de la Memoria “Para que no se repita” (Perché non si ripeta) è un altro luogo interessante nella mappa delle attrazioni di Ayacucho. A differenza del museo archeologico Hipólito Unanue descritto in precedenza, espone in quattro sale fotografie, dipinti, resti di abiti e altri oggetti legati alla guerra civile del Perù, che risale al 1880. Questo complesso si trova a settecentocinquanta metri dal Museo archeologico Hipólito Unanue, in via Jirón Libertad 1365.

A un’ora di auto da Ayacucho, vicino alla città di Quinua, si trova anche l’area protetta del Santuario histórico de la Pampa de Ayacucho. Questo sito commemora la battaglia combattuta in quel luogo il 9 dicembre 1824, già menzionata in precedenza. La caratteristica più evidente della riserva naturale è l’obelisco di marmo dedicato ai comandanti che combatterono durante la battaglia. Sul gradino della struttura si trovano statue di bronzo alte tre metri che raffigurano i generali. Inoltre, un bassorilievo ovale con l’immagine di Simón Bolívar li sovrasta.

ayacucho, culture, obelisk pampa de la quinoa
ayacucho, culture, obelisk pampa de la quinoa, licencja: shutterstock/By Jeff_Ersoh

Ayacucho – i migliori ristoranti della città

Intorno alla Plaza de Armas si concentrano numerosi ristoranti e caffè che meritano una visita quando si è ad Ayacucho. Uno di questi, il ViaVia Cafe Ayacucho, serve ottimi piatti locali a prezzi estremamente convenienti. In particolare, i piatti a base di quinoa soddisfano i gusti dei turisti in visita. Anche la vista dalle terrazze del ristorante sulla piazza e l’arte di servire il cibo sono molto apprezzate.

Per una serata fuori, invece, El Nino è un ottimo posto. Questo ristorante si trova di fronte alla chiesa Templo de Santo Domingo de Guzmán, accanto al parco Plazoleta de Luis Carranza. Oltre ai classici piatti peruviani, vi si possono gustare anche piatti più internazionali, come la pizza. Il tutto in un ampio giardino, accompagnato dalla musica di gruppi locali.

C’è anche un Sukre Cocina Peruana, situato accanto al già citato ristorante ViaVia Cafe Ayacucho. Si tratta di un locale con cucina peruviana che delizia i visitatori con porzioni abbondanti e splendidi paesaggi nell’area del ristorante.

Buffet lunch table Peruvian cuisine traditional dishes comfort food
Buffet lunch table Peruvian cuisine traditional dishes comfort food, licencja: shutterstock/By NatRocfort

Seconda settimana del tour

Primo giorno

Viaggio da Ayacucho ad Abancay

Dedicheremo il primo giorno della seconda settimana del tour del Perù interamente al viaggio da Ayacucho ad Abancay e al recupero presso El Peregrino Apart Hotel. Il tragitto che percorreremo è lungo trecentottanta chilometri e richiederà più di otto ore per essere completato.

Hotel El Peregrino Apart (prenota qui)

All’El Peregrino Apart Hotel si possono affittare appartamenti con due camere da letto (ognuna con un letto matrimoniale). Tra i servizi interessanti dell’hotel ci sono sicuramente la connessione internet gratuita e un bagno pubblico. In termini di posizione, la struttura si trova a mezzo chilometro dal centro di Abancay.

Santuario nazionale di Ampay

Anche se, come già detto, non abbiamo intenzione di visitare i luoghi degni di nota nei dintorni al nostro arrivo ad Abancay, è opportuno menzionare il Santuario Nazionale di Ampay, nelle immediate vicinanze. Si tratta di una riserva naturale piuttosto nota, situata a pochi chilometri a nord del nostro hotel. L’elemento più importante della zona è il lago Upaccocha, situato a 3750 metri sul livello del mare. In loco sono disponibili anche infrastrutture per il campeggio e l’escursionismo. Inoltre, sono presenti anche campeggi designati dalle autorità della riserva. Si prega di notare che la visita al sito del Santuario Nazionale di Ampay è solo un’attrazione alternativa. Se non siete interessati a una visita al sito, potete considerare questo paragrafo come una curiosità che può ispirarvi a saperne di più sulla flora e la fauna locali, nonché sulla gestione ambientale in Perù.

On a trekking in Ampay National Sanctuary
On a trekking in Ampay National Sanctuary, licencja: shutterstock/By WSWagner

Secondo giorno

Viaggio da Abancay a Cuzco

Il viaggio in auto da Abancay a Cuzco durerà circa quattro ore e mezza.

Attrazioni lungo il percorso Abancay-Cuzco

Sayhuite

L’itinerario che percorreremo passerà per molti luoghi di interesse, nei quali può valere la pena fermarsi. Dopo soli quarantacinque chilometri, potremo vedere l’importante sito archeologico di Sayhuite. Si tratta di un sito considerato il centro di un culto religioso incaico dell’acqua.

L’attrazione più caratteristica di questo sito è il monolite con numerose figure geometriche e zoomorfe scolpite su di esso. È interessante notare che, sebbene lo scopo specifico della pietra non sia del tutto noto, si ritiene che il monolite fungesse da modello, utilizzato per progettare, sviluppare, testare e documentare il flusso dell’acqua per i progetti di approvvigionamento idrico. Potrebbe anche aver avuto una funzione didattica e aver insegnato agli antichi, futuri ingegneri.

Va inoltre sottolineato che la presenza di un monolite così ben conservato nell’area offre agli scienziati una visione della cultura delle popolazioni precolombiane. Gli archeologi hanno stabilito che il sito era un importante centro religioso Inca dove si svolgevano rituali e cerimonie incentrati sul culto dell’acqua. Forse le sezioni scolpite del monolite con terrazze fluviali, canali di irrigazione e animali selvatici come i puma sono una rappresentazione simbolica della valle. Sebbene non sia ancora noto il significato che la pietra aveva per gli Inca, certamente il monolite fa parte della loro cultura materiale e ci avvicina al ricco patrimonio culturale delle popolazioni indigene. Inoltre, tali scoperte contribuiscono a migliorare la nostra comprensione delle civiltà precolombiane in generale. Infatti, permettono di trovare collegamenti tra le culture latinoamericane.

Peru Peruvian coin 1 one sol 2012, Inca religious site Sayhuite, carved stone in front, ruins behind, shield with lama, tree and horn of plenty flanked by sprigs, date below,
Peru Peruvian coin 1 one sol 2012, Inca religious site Sayhuite, carved stone in front, ruins behind, shield with lama, tree and horn of plenty flanked by sprigs, date below,, licencja: shutterstock/By Yaroslav+N.+Novik
Killarumiyoq

Dopo circa centocinquanta chilometri, ci troviamo nei pressi del villaggio di Ancahuasi, dove si trova il parco archeologico di Killarumiyuq. Il nome di questo sito, come molti altri del genere in Perù, deriva dalla lingua ketchua ed è composto da tre elementi. Killa” significa luna e “rumi” significa pietra. Combinata con il suffisso -yuq, che indica proprietà, la parola può essere tradotta come “quello con la pietra di luna”.

Killarumiyuq è un sito affascinante, anche se poco conosciuto. La pietra incisa qui presenta probabilmente una rappresentazione della luna, che potrebbe anche aver avuto una funzione cultuale.

Soggiornare a Cuzco: i punti salienti e una breve storia della città

Cuzco è probabilmente una delle città più famose del Perù e deve la sua popolarità al suo patrimonio precolombiano.

Le prime tracce della presenza di civiltà andine nella zona risalgono all’incirca al primo millennio dopo Cristo. Si tratta della cultura Killke, i cui rappresentanti costruirono le prime fortificazioni nella zona della fortezza di Sacsayhuamán, poi ampliata dagli Inca. Ai suoi margini sono stati portati alla luce anche i resti di un tempio, che indica l’uso religioso e militare del sito.

Negli anni successivi, Cuzco fu fortemente influenzata dalla cultura incaica. Dalla fine del XII alla prima metà del XVI secolo, la città fu la capitale dello Stato Inca, ma anche testimone della turbolenta storia dell’impero. Comunemente, Pachacuteca è considerato uno dei sovrani più importanti dello Stato Inca. In qualità di Sapa Inca, che in ketchua significa “unico signore”, contribuì senza dubbio all’espansione della città e alla sua ascesa a centro principale del potente impero Inca.

Negli anni immediatamente precedenti l’invasione dei conquistadores spagnoli, l’Impero Tahuantinsuyu (letteralmente: Impero delle Quattro Parti) fu teatro della guerra civile tra i pretendenti al trono Inca: Huáscar e Atahualpa. Quest’ultimo, nel 1532, conquistò Cuzco e assunse il controllo dell’area per un breve periodo. Già nel 1533, infatti, fu imprigionato e assassinato a tradimento e le sue truppe sconfitte nella battaglia di Cajamarca. Il dominio spagnolo nella zona si completò con la vittoria dei conquistadores sulle truppe inca nella battaglia di Cuzco, il 14 novembre 1533. Il giorno seguente, Francisco Pizarro entrò ufficialmente in città. Nel 1534 nominò Manco Inca sovrano di uno Stato fantoccio, dipendente dagli spagnoli. Poco dopo, però, il sovrano inca si ribellò agli invasori e combatté una guerriglia contro di loro. Nel 1544, tuttavia, fu ferocemente assassinato senza mai tornare trionfalmente a Cuzco.

Cuzco, Peru: Panoramiczny widok na Rynek Główny i kościół katedralny.
Cuzco, Peru: Panoramiczny widok na Rynek Główny i kościół katedralny., licencja: shutterstock/By christianvinces
Una valutazione della politica coloniale a Cuzco e al giorno d’oggi

L’impatto del dominio coloniale spagnolo sulla situazione degli abitanti locali e sullo sviluppo di Cuzco può essere visto in modo ambivalente. Da un lato, a causa delle guerre e dei molti anni di colonizzazione spagnola di queste terre, gli indigeni morirono in massa a causa di epidemie di vaiolo. Si trattava di una malattia endemica, ben nota agli europei, ma molto pericolosa e mortale per gli indiani, che avevano una debole immunità al vaiolo. D’altra parte, però, gli spagnoli contribuirono allo sviluppo dinamico della città. Oltre ai templi cristiani, costruirono, tra l’altro, istituzioni educative, tra cui le università. Cuzco prosperò anche grazie all’agricoltura, all’allevamento del bestiame, alle miniere e al commercio con la Spagna metropolitana.

A partire dagli anni ’90, il turismo è diventato sempre più importante per la città. Questo fenomeno è in gran parte dovuto alla presenza di una delle sette meraviglie del mondo (Machu Picchu) nella zona. All’interno della città stessa, tuttavia, ci sono anche molte attrazioni interessanti, di cui parleremo più avanti in questo articolo.

Hotel Casona Plaza Cusco (prenota qui)

L’hotel è adattato in termini di alloggio a gruppi di due e quattro persone. È possibile prenotare suite doppie con un letto matrimoniale o due letti singoli, oppure suite quadruple con quattro letti singoli. Internet in loco è gratuito e accessibile al pubblico. È inoltre disponibile un parcheggio a pagamento nelle vicinanze.

Attrazioni a Cuzco

Il viaggio di oltre quattro ore da Abancay a Cuzco (senza includere la visita facoltativa alle pietre presenti lungo il percorso) non ci permetterà di visitare tutte le attrazioni della città il secondo giorno, la seconda settimana del tour del Perù. Consigliamo quindi di limitare il numero di luoghi da visitare a Cuzco a uno. Poiché il complesso di fortificazioni di Sacsayhuamán ci sembra l’attrazione più interessante, sarà trattato in modo più dettagliato. Tuttavia, il lettore che utilizzerà questa guida avrà anche l’opportunità di conoscere altri luoghi di interesse a Cuzco, che saranno presentati in modo simile alle attrazioni alternative discusse nelle città precedenti.

Sacsayhuamán

Sacsayhuamán è probabilmente l’attrazione turistica più nota di Cuzco, essendo un elaborato complesso archeologico a forma di cittadella. Come già accennato parlando della storia della città, le prime strutture del sito di Sacsayhuamán furono erette da costruttori identificati con la cultura Killke. Lo sviluppo dinamico della fortezza, invece, ebbe luogo nel XV secolo d.C., cioè negli anni del regno di Pachacutec e dei suoi successori.

Per quanto riguarda la costruzione delle mura di Sacsayhuamán, esse sono disposte a terrazze, a forma di edificio megalitico. Un aspetto interessante è quello relativo al trasporto della pietra grezza dalle cave e alla lavorazione dei massi. Le pietre utilizzate per costruire le strutture pesano diverse centinaia di chilogrammi o addirittura tonnellate (le più pesanti arrivano a 200 tonnellate!), per cui il trasporto dalle cave a diversi chilometri di distanza, in assenza di una sviluppata tecnologia di trasporto su ruote, è una questione di mistero. In effetti, gli animali da soma, di cui gli Inca si servivano per affrontare il difficile terreno montuoso, non erano in grado di trasportare tali carichi. Anche la forma dei massi con gli strumenti di pietra conosciuti dagli Inca e il loro inserimento preciso nella costruzione rimangono un mistero.

Esistono diverse teorie sulla costruzione delle mura megalitiche. Ci sono stati anche un paio di esperimenti che hanno testato diversi modi di trasportare le pietre. Un esperimento piuttosto riuscito è stato condotto trainando massi lungo i ciottoli spinti e tirati da diverse corde da più di cento persone.

Purtroppo l’ingresso al sito di Sacsayhuamán non è gratuito. Sebbene il biglietto d’ingresso costi trentadue euro, consente di visitare ben sedici diverse attrazioni del complesso.

Per quanto riguarda la posizione, Sacsayhuamán dista un chilometro e mezzo dal Casona Plaza Hotel Cusco, dove consigliamo di soggiornare nell’articolo.

Panoramic view of the walls of the complex of Sacsayhuaman, Cuzco, Peru.
Panoramic view of the walls of the complex of Sacsayhuaman, Cuzco, Peru., licencja: shutterstock/By Andreas+Wolochow

Luoghi alternativi da visitare a Cuzco

Non lontano dal nostro hotel a Cuzco, ci sono anche molti altri luoghi che vale la pena visitare. Uno di questi è la Plaza de Armas, la piazza principale della città. In epoca precolombiana, questo luogo era un importante centro amministrativo, religioso e culturale della capitale dell’impero Inca. Nonostante il declino dello Stato indiano e la ricostruzione architettonica della piazza, essa non ha perso la sua importanza. Oggi, oltre ai templi cattolici costruiti durante l’epoca coloniale, il luogo è pieno di ristoranti, agenzie di viaggio e gioiellerie.

Non lontano dalla piazza si trova anche il Coricancha, il tempio più importante dell’impero Inca. Dal punto di vista architettonico, simile alle mura di Sacsayhuamán, questo tempio monumentale fu costruito, tra l’altro, con grandi blocchi di pietra perfettamente aderenti. Dopo la conquista spagnola di Cuzco nel 1534, il Coricancha fu saccheggiato. I coloni spagnoli vi costruirono un monastero domenicano, demolendo il tempio e utilizzandone le fondamenta per costruire una cattedrale. A seguito di un terremoto nel 1950, il monastero fu distrutto. Grazie a questo evento, tuttavia, le mura dell’antico tempio furono portate alla luce nello stesso momento. Nelle vicinanze si trova un museo archeologico con interessanti reperti, tra cui mummie, tessuti e oggetti di culto inca. L’ingresso al complesso di Coricancha costa 3,60 euro.

Świątynia słońca lub „Qorikancha” w Cusco podczas Inti Raymi (stąd dysk słoneczny), Peru.
Świątynia słońca lub „Qorikancha” w Cusco podczas Inti Raymi (stąd dysk słoneczny), Peru., licencja: shutterstock/By SL-Photography

Chi è interessato alle spezie, alla frutta, alla verdura o all’artigianato locale, invece, dovrebbe visitare il Mercado Central de San Pedro. Si tratta del principale e più antico luogo di questo tipo a Cuzco, risalente agli anni Venti. Nel corso del tempo, il carattere del luogo ha iniziato a cambiare e il mercato è passato da essere un mercato di alimentari a diventare sempre più turistico. Oggi il mercato conta più di mille banchi di vendita e genera un notevole traffico commerciale nelle strade circostanti. Il suo spazio è organizzato in blocchi differenziati in base alle merci offerte. È interessante notare che qui sono molto popolari i prodotti legati allo sciamanesimo tradizionale andino.

Terzo giorno

Viaggio da Cuzco a Machu Picchu

Il viaggio a Machu Picchu da Cuzco richiede una certa preparazione organizzativa, poiché non esiste un servizio diretto su questa tratta. Il primo passo sarà quello di raggiungere la città di Ollantaytambo, situata a sessanta chilometri da Cusco. Possiamo arrivarci con l’autobus della compagnia Cusco Real Inka Car, con un’auto a noleggio o con un taxi. Un’opzione alternativa è quella di prendere prima un autobus ibrido fino alla stazione ferroviaria di Poroy e da lì prendere un treno diretto per Ollantaytambo. Da Ollantaytambo si parte in treno (PeruRail o Inca Rail) per Aguas Calientes. La più famosa città Inca può essere raggiunta da Aguas Calientes in autobus.

city of AGUAS CALIENTES, PERU Inca Rail train
city of AGUAS CALIENTES, PERU Inca Rail train, licencja: shutterstock/By Lopolo

Il viaggio da Cuzco a Machu Picchu dura in totale circa quattro ore, a seconda della scelta del mezzo di trasporto. Il costo del viaggio è ancora più vario. L’opzione più economica per un viaggio da Cuzco a Machu Picchu può costare circa settanta dollari. Molto dipende però dal tipo di vettore scelto, dalla classe che decidiamo di prendere quando viaggiamo in treno o dalla stagione. Il costo del viaggio su questa tratta può quindi essere facilmente superiore di diverse volte.

Il sito tiqets.com offre una serie di opzioni di viaggio che facilitano la pianificazione del viaggio in diverse fasi. Le opzioni disponibili su questo sito includono il trasporto da Cusco a Ollantaytambo, a Machu Picchu da Aguas Calientes o offerte con visite guidate e biglietti d’ingresso inclusi nel prezzo.

Per essere sempre aggiornati sui prezzi dei biglietti delle diverse modalità di trasporto o delle offerte di tour e per pianificare al meglio il vostro viaggio a Machu Picchu, è bene seguire regolarmente i siti ufficiali degli operatori di trasporto e i siti delle opzioni di tour.

Machu Picchu

Etimologia del nome

Nella lingua ketchua, ”machu” significa vecchio e la seconda parte del nome della città ”picchu” significa picco, o piramide. Pertanto, è possibile tradurre dalla lingua indiana ketchua il nome della città come una vecchia montagna o piramide.

Storia del sito
La storia iniziale del sito

Le origini della presenza umana a Machu Picchu risalgono alla prima metà del XV secolo. L’erezione di questo complesso può quindi essere attribuita ai costruttori del regno di Pachacutec e Tupac Yupanqui.

La città, dopo la caduta della nuova capitale dello Stato neoinca di Vilcabamba nel 1572, fu abbandonata. Durante l’epoca coloniale, la giungla che circondava Machu Picchu invase il sito e poche persone al di fuori delle immediate vicinanze sapevano dell’esistenza della città.

La scoperta di Machu Picchu

Il primo esploratore scientifico ad arrivare a Machu Picchu e a indagare sul sito fu il professore dell’Università di Yale Hiram Bingham. Grazie alle informazioni ottenute dagli abitanti del luogo durante la sua spedizione, riuscì a raggiungere il sito nel 1911. Negli anni successivi, effettuò degli scavi a Machu Picchu, scoprendo e depositando i reperti nel museo dell’università. Inizialmente il governo peruviano si dimostrò favorevole alle attività di Bingham, ma in seguito la stampa locale lanciò accuse e voci secondo cui i manufatti ritrovati sarebbero stati rubati dall’équipe di archeologi che lavorava a Machu Picchu. I peruviani cominciarono anche a sostenere che i continui scavi di Hiram Bingham e le relative esplorazioni avevano portato al deterioramento del sito e alla monopolizzazione della ricerca sulla città Inca, escludendo i ricercatori locali dall’acquisizione di conoscenze sulla propria storia. A seguito del deterioramento delle relazioni tra i ricercatori americani e le autorità locali, parte della collezione è stata restituita al Perù.

Va inoltre ricordato che, prima dell’arrivo di Hiram Bingham a Machu Picchu, il sito della città inca dimenticata potrebbe essere già stato esplorato. Le ricerche condotte dal ricercatore americano Paolo Greer indicano che Machu Picchu fu saccheggiata da Augusto Berns, un imprenditore tedesco. Egli avrebbe fondato una società, impegnata nella produzione di legname e nell’esplorazione industriale, oltre che nel commercio di oggetti preziosi rubati da tombe abbandonate. Questa procedura ebbe luogo negli anni Sessanta e Settanta dell’Ottocento, quindi più di quarant’anni prima che Hiram Bingham raggiungesse Machu Picchu. È interessante notare che questa attività di saccheggio da parte di Augusto Berns fu condotta con l’acquiescenza delle autorità peruviane, che ricevettero una percentuale dei profitti dell’esplorazione.

Agustín Lizárragra

Per concludere la discussione sulla scoperta di Machu Picchu, è opportuno spendere qualche parola su Agustín Lizárragra, il primo scopritore della città. Era un contadino e scoprì Machu Picchu per caso, mentre cercava nuovi terreni da coltivare. Dopo essersi imbattuto nelle strutture del complesso, fece un’iscrizione a carboncino su una delle pietre dell’edificio con il suo nome e l’anno della sua scoperta (1902). Hiram Bingham scoprì questo segno lasciato dal peruviano nel 1911 e ne ordinò la rimozione, adducendo motivi di conservazione. Poiché questa scoperta non ha avuto il carattere di esplorazione scientifica, quando si parla di come Machu Picchu sia stata raggiunta per la prima volta, la maggior parte dell’attenzione è rivolta a Hiram Bingham.

La vita quotidiana degli abitanti di Machu Picchu
Gruppi sociali a Machu Picchu

La maggior parte degli abitanti di Machu Picchu apparteneva al gruppo sociale degli “yanakuna”, che fungevano da personale di supporto. Erano principalmente responsabili dell’esecuzione di una serie di compiti più elevati nella gerarchia sociale Inca (sacerdoti e governanti). A differenza degli schiavi, tuttavia, non erano costretti a lavorare. Gli Yanakuna potevano possedere proprietà e persino fattorie e ranch propri. Per quanto riguarda le faccende quotidiane, si dedicavano all’artigianato, alla cura della casa per coloro che occupavano posizioni più elevate e alla pastorizia. Un altro gruppo importante era quello dei mayoc, ovvero lavoratori temporanei e specializzati. Un ruolo importante era svolto anche dai sacerdoti, la cui presenza probabilmente influenzò notevolmente l’organizzazione della vita sociale e culturale della città.

Le origini degli abitanti di Machu Picchu

Senza dubbio, una delle questioni più interessanti riguardanti Machu Picchu è quella relativa alla provenienza degli abitanti della città inca. Ebbene, gli studi sulle sepolture effettuate a Machu Picchu hanno dimostrato che i suoi abitanti erano immigrati dalle vicinanze della città e non vi avevano vissuto per tutta la vita. Ciò è indicato dall’assenza di marcatori osteologici e chimici, che certamente avrebbero avuto se fossero nati a Machu Picchu. La scoperta di danni alle ossa causati da parassiti specifici di altre zone del Perù avvalora la tesi che gli abitanti siano arrivati in città da regioni diverse.

Inoltre, l’analisi delle ossa ha rivelato la presenza di diversi fattori di stress osteologico e una diversa densità ossea, che potrebbero essere indicativi dei diversi stili di vita e delle diverse diete degli abitanti di Machu Picchu. Di certo, le diverse vite della comunità di Machu Picchu, intrise della ricchezza di tradizioni ed esperienze diverse dei suoi abitanti, potrebbero essere state di natura insolita e unica.

Panorama panoramiczny widok Machu Picchu lub Machu Pikchu w Peru. Machu Picchu to obiekt Inków położony w regionie Cusco w Peru. Machu Picchu jest jednym z Siedmiu Nowych Cudów Świata.
Panorama panoramiczny widok Machu Picchu lub Machu Pikchu w Peru. Machu Picchu to obiekt Inków położony w regionie Cusco w Peru. Machu Picchu jest jednym z Siedmiu Nowych Cudów Świata., licencja: shutterstock/By saiko3p
L’agricoltura tra le comunità di Machu Picchu

L’agricoltura a Machu Picchu era una parte essenziale della vita comunitaria e senza dubbio un aspetto chiave dell’economia locale. Parlando di questo tema, è impossibile non menzionare le numerose terrazze in cui veniva coltivata la maggior parte delle colture. Grazie alla loro elaborata progettazione da parte di eccellenti ingegneri inca, esse svolgevano sia una funzione agricola di base sia una funzione protettiva. Infatti, oltre a garantire un adeguato drenaggio e la fertilità del suolo, svolgevano anche un ruolo importante nel proteggere le montagne dall’erosione e dalle frane.

La sofisticata ingegneria incaica garantiva inoltre un’elevata produttività agricola, consentendo di ottenere abbondanti raccolti da una superficie limitata di terrazze coltivate. Nonostante ciò, lo spazio dedicato ai seminativi era troppo modesto e insufficiente per sfamare la numerosa popolazione di Machu Picchu. Per questo e per un altro motivo, legato alla limitata varietà di coltivazioni (le coltivazioni sulle terrazze consistevano principalmente in mais e patate), il cibo doveva essere importato in una certa misura dalle aree circostanti.

È interessante notare che le condizioni climatiche nell’area di Machu Picchu erano abbastanza confortevoli, favorevoli alla coltivazione. Le piogge, che superavano i 1.800 mm all’anno, erano così abbondanti che di solito non era necessaria un’irrigazione supplementare delle terrazze da parte dell’uomo. Inoltre, le terrazze sapientemente progettate consentivano un drenaggio efficiente dell’acqua in eccesso, fornendo condizioni ottimali per la crescita delle piante.

Descrizione del sito
Zone della città

Machu Picchu può essere suddivisa in diverse sfere con funzioni diverse e specifiche. In particolare, esiste una chiara divisione tra il settore urbano e quello agricolo, nonché tra la città alta e quella bassa.

Nella città alta si trovano imponenti templi, luoghi sacri e cerimoniali, e quindi strutture di eccezionale significato religioso per la popolazione di Machu Picchu. La città bassa, invece, concentrava soprattutto magazzini. Si può quindi ipotizzare che quest’area avesse una funzione più concreta, legata all’economia e allo stoccaggio delle provviste.

Miglioramenti architettonici a Machu Picchu

L’architettura di Machu Picchu si è adattata perfettamente al terreno montuoso. I circa duecento edifici sono disposti in ampie terrazze parallele che circondano la piazza centrale. Questa soluzione ha certamente facilitato l’organizzazione spaziale della città e ha garantito la sicurezza di cui abbiamo parlato in precedenza.

Un altro esempio di ingegneria incaica avanzata è rappresentato dalle scale di pietra nelle mura, che consentono l’accesso a diversi livelli. Oltre al suo valore pratico, legato all’efficienza degli spostamenti attraverso il terreno specifico, questa soluzione ha certamente creato un paesaggio urbano spettacolare.

Siti di rilievo nell’area di Machu Picchu
Intihuatana

Uno dei siti più affascinanti di Machu Picchu è senza dubbio l’Intihuatana. Questa struttura, realizzata in pietra, fungeva da osservatorio, probabilmente un orologio astronomico o un calendario. Le questioni etimologiche legate a questa struttura sono sicuramente interessanti e possono spiegare in parte il significato attribuito all’Intihuatana dagli Inca. Ebbene, il nome della pietra deriva dalla lingua ketchua ed è composto da tre parti. La prima ”inti” significa sole, ”wata” significa legare, o agganciare, e ”na” è un suffisso aggiunto ai sostantivi che indicano un luogo, o un dispositivo. Con un metodo di deduzione, quindi, Intihuatana può essere interpretato come un luogo o un dispositivo che aggancia il sole. Questa spiegazione può avere un senso, perché gli Inca credevano che la pietra mantenesse il sole al suo posto durante il suo viaggio annuale attraverso il cielo.

Intihuatana, sacred sun dial in Inca ruins Machu Picchu, Peru, South America
Intihuatana, sacred sun dial in Inca ruins Machu Picchu, Peru, South America, licencja: shutterstock/By huci
Torre del Sole (Torreón)

Un altro sito estremamente interessante di Machu Picchu è la Torre del Sole, nota anche come Torreón e, negli studi in lingua inglese, come ”Temple of the Sun”, o tempio del sole. Comunque si chiami il sito, è certo che il complesso fungeva da tempio dove si svolgevano cerimonie religiose, si facevano offerte e si rendeva omaggio al dio del sole chiamato Intim.

La Torre del Sole si distingueva non solo per la sua singolare funzione religiosa, ma anche per la sua notevole struttura architettonica. Infatti, sotto la torre si trovava una grotta che fungeva da tomba o mausoleo. Si trattava quindi certamente di un sito simbolico con un’insolita dimensione spirituale, che sottolineava il legame tra la vita e la morte, molto importante nella mitologia incaica.

Come l’edificio Intihuatana, di cui abbiamo parlato in precedenza, anche la Torre del Sole fungeva da osservatorio astronomico. Finestre strategicamente posizionate permettevano di osservare con precisione i movimenti del cielo, consentendo di determinare i momenti esatti dei solstizi e dei cambi di stagione.

Machu Picchu, Peru.
Machu Picchu, Peru., licencja: shutterstock/By Johnnykiehr
Il Tempio delle Tre Finestre

Il Tempio delle Tre Finestre è una testimonianza unica di tecniche di costruzione avanzate e di un’estetica Inca che riflette il loro profondo senso del gusto e della bellezza. Come il Tempio del Sole, il Tempio delle Tre Finestre presenta le finestre trapezoidali caratteristiche dell’architettura Inca, inserite in una composizione perfetta. La perfetta precisione strutturale di queste finestre potrebbe indicare un significato simbolico, rappresentando i tre regni della cosmologia inca: cielo, terra e inferi.

Anche le avanzate caratteristiche architettoniche di questo edificio sono certamente un elemento distintivo, che evidenzia l’alto livello di competenza ingegneristica degli Inca. Infatti, il Tempio delle Tre Finestre è costruito su una solida piattaforma leggermente inclinata, che consente un efficace drenaggio e garantisce la stabilità della struttura.

Quando si parla del Tempio delle Tre Finestre e dei suoi vari elementi architettonici, è impossibile non menzionare anche le pareti interne della struttura. Esse sono infatti decorate con nicchie intagliate, che forse un tempo erano utilizzate per conservare oggetti sacri. La presenza di nicchie nelle pareti e l’accostamento intenzionale delle finestre sottolineano certamente l’importanza di questo luogo di grande significato religioso.

Come le strutture precedentemente discusse, anche il Tempio delle Tre Finestre aveva l’importante funzione di osservatorio astronomico. La presenza di tali strutture in numero così elevato sottolinea l’interesse degli Inca per l’astronomia e la loro elevata competenza in questo campo scientifico. Spiritualità, arte e scienza si fondono in un complesso architettonico monumentale, a testimonianza della loro ampia visione del mondo e della realtà circostante.

Machu,Picchu,Temple,Of,The,Three,Windows
Machu,Picchu,Temple,Of,The,Three,Windows
Attività turistica e rischi associati

Essendo uno dei siti storici più importanti del mondo, Machu Picchu attrae un numero enorme di turisti, che porta sia benefici che sfide allo stato del complesso. Si stima che circa un milione e mezzo di persone lo visitino ogni anno, quasi il doppio del limite raccomandato dall’UNESCO. L’intenso traffico turistico pone delle sfide a Machu Picchu e ai suoi dintorni, sia in termini di conservazione delle rovine storiche che di protezione dell’ecosistema locale.

Il progetto di costruire un aeroporto internazionale a Chinchero, vicino a Cuzco, ha suscitato polemiche per il potenziale impatto sull’aumento del turismo a Machu Picchu. Nel 2019, il governo peruviano ha deciso di portare avanti il progetto, sollevando preoccupazioni circa l’impatto distruttivo sulle condizioni del sito archeologico e l’ulteriore degrado ambientale intorno al complesso.

Tuttavia, è importante ricordare che il Perù sta compiendo sforzi diretti allo sviluppo di un turismo sostenibile, cercando di rallentare lo sviluppo di infrastrutture rischiose, oltre a incarnare soluzioni per proteggere quest’area unica. Un incidente avvenuto nel 2020, durante il quale un gruppo di turisti ha causato danni alle rovine, ha evidenziato l’urgente necessità di ulteriori misure di sicurezza. In risposta all’incidente, sono state installate più di una dozzina di telecamere aggiuntive a Machu Picchu per monitorare e proteggere meglio l’area archeologica. Inoltre, per limitare gli effetti dannosi di un turismo eccessivo sul complesso, sono stati inseriti alcuni confini che limitano i gruppi di turisti. I visitatori sono tenuti a muoversi in gruppi di massimo sedici persone e a spostarsi solo lungo i sentieri designati. Inoltre, il tempo di visita è limitato. Tutto ciò ha lo scopo di ridurre al minimo l’impatto negativo del turismo eccessivo su Machu Picchu e di consentire ai turisti di godere di questo straordinario sito in modo sostenibile.

Ricordate che preservare il patrimonio unico di Machu Picchu e creare le condizioni per un turismo sostenibile permetterà alle generazioni future di godere di questo luogo unico.

Ristoranti da visitare a Cuzco

Cuzco vanta numerosi locali gastronomici che offrono un’esperienza culinaria unica. Possiamo essere certi che in questa città potremo gustare piatti all’altezza degli standard culinari dei ristoranti di alto livello in Europa. Inoltre, gli chef locali stanno sperimentando con i piatti tradizionali peruviani, creando sofisticate combinazioni di sapori della cucina fusion.

Inoltre, i piatti serviti nei ristoranti di Cuzco sono abbastanza accessibili, quindi cenare qui non deve gravare sul vostro budget.

Vale anche la pena di notare che, visitando Cuzco, non dovremo preoccuparci della mancanza di opzioni vegetariane, vegane o senza glutine nei menu dei ristoranti. Questa disponibilità può essere estremamente importante per le persone con particolari preferenze alimentari, che apprezzeranno sicuramente l’approccio inclusivo dei ristoratori.

Un elenco di ristoranti da visitare a Cuzco:

  • Rucula Cusco
  • Pachapapa cocina cusqueña y más
  • Kusykay Peruvian Craft Food
  • Hanz Craft Beer & Restaurant
  • Inkazuela Restaurant
Ceviche from at a expensive restaurant in Peru. One of the best restaurants in the Peru, serving an inventive tasting menu of Peruvian-Japanese bites.
Ceviche from at a expensive restaurant in Peru. One of the best restaurants in the Peru, serving an inventive tasting menu of Peruvian-Japanese bites., licencja: shutterstock/By Grovic

Quarto, quinto e sesto giorno

Visita al Parco nazionale del Manú

Il Parco Nazionale del Manú, situato al confine tra le Ande settentrionali e la pianura amazzonica, è sicuramente una delle destinazioni più affascinanti per gli amanti della natura in Perù. Da Cuzco, porta d’accesso a quest’area unica di biodiversità, vengono regolarmente organizzate diverse escursioni che offrono esperienze indimenticabili in una giungla selvaggia e incontaminata dall’intervento umano.

Gli organizzatori di tour da Cuzco al Parco Nazionale Manú offrono escursioni di almeno tre giorni in cui i turisti hanno l’opportunità di immergersi in una delle riserve più ricche di biodiversità del mondo. Questa esperienza unica comprende una serie di attività, come l’esplorazione di grotte affascinanti, crociere panoramiche in barca sul fiume e, soprattutto, preziose osservazioni della ricca flora e fauna della giungla tropicale.

In questi tour, le guide esperte svolgono un ruolo fondamentale. Coloro che accompagnano i visitatori attraverso il Parco Nazionale Manú hanno spesso un’esperienza pluriennale che consente loro non solo di garantire la sicurezza del gruppo, ma anche di fornire informazioni affascinanti sulla natura, la storia e la cultura di questa straordinaria area.

Se state pensando di prendere parte a un’affascinante avventura nel Parco Nazionale Manú con i tour operator di Cuzco, dovrete considerare il costo di un’esperienza così unica. I prezzi per queste spedizioni partono da circa quattrocento dollari a persona. Ricordate, però, che questi costi comprendono un’ampia gamma di attrazioni e servizi che rendono il viaggio sicuro, confortevole ed emozionante. Oltre alle attrazioni già citate, gli organizzatori forniscono ai turisti partecipanti l’alloggio incluso, il trasporto in veicoli con aria condizionata e i pasti per ogni momento della giornata. Ricordiamo che i costi delle spedizioni non coprono solo l’organizzazione del viaggio, ma contribuiscono anche alla protezione di questo ambiente naturale unico, per cui partecipare a una spedizione di questo tipo è anche un investimento nel futuro della fauna selvatica e nella conservazione di aree straordinarie della riserva.

Jaguar relaksuje się na pniu drzewa nad brzegiem rzeki Tambopata, w peruwiańskiej Amazonii
Jaguar relaksuje się na pniu drzewa nad brzegiem rzeki Tambopata, w peruwiańskiej Amazonii, licencja: shutterstock/By markgreen
Fatti interessanti sulla riserva
  • Il Parco nazionale di Manú si estende su una superficie di oltre diciassettemila chilometri quadrati
  • il parco è una riserva della biosfera dell’UNESCO dal 1977 e un sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 1987
  • il parco ospita diverse migliaia di specie animali, tra cui molti uccelli e mammiferi in via di estinzione
  • il parco è suddiviso in diverse aree: una zona a uso limitato (con foreste vergini e comunità indigene, a cui hanno accesso solo i ricercatori), una zona ristretta (per la ricreazione e la ricerca), una zona di restauro (per ripristinare le aree danneggiate dall’attività umana) e una zona culturale (per gli insediamenti umani e la maggior parte delle attività, compreso il turismo naturalistico)
  • l’area del parco è abitata da diverse popolazioni indigene che vivono in isolamento volontario (Amahuaca, Mashco-Piro, Machiguenga)
  • all’interno del Parco Nazionale Manú si trova anche un vasto sito archeologico (petroglifi di Pusharo), che contiene aree ancora inesplorate e poco conosciute con arte rupestre
Roseate spoonbill in lagoon about to fly
Roseate spoonbill in lagoon about to fly, licencja: shutterstock/By jocrebbin

Settimo giorno

Visita ai siti archeologici intorno a Cuzco come parte di un pacchetto turistico

Dopo il ritorno dall’affascinante Parco Nazionale Manú, dedicheremo il giorno successivo del nostro viaggio in Perù all’esplorazione dei misteriosi siti archeologici situati nelle immediate vicinanze di Cuzco, che, insieme a Machu Picchu, si trovano nella Valle Sacra degli Inca, un tempo nucleo del loro impero. In questa sede ci soffermeremo su una delle offerte proposte dall’ufficio turistico Inkayni Peru Tours, che comprende un itinerario per la visita di siti come Moray, Salinas de Maras e Chinchero.

Informazioni di base sul tour

Il tour prevede la visita di siti nel raggio di 50 chilometri da Cuzco. Il viaggio è accompagnato da una guida qualificata che verrà a prendervi al vostro alloggio a Cuzco.

Il tour dura circa otto ore. I prezzi di prenotazione dei posti a sedere, invece, partono da cento dollari.

Descrizione dei siti visitati durante il tour

Moray

Moray è sicuramente uno dei siti più interessanti della zona di Cuzco, stupendo per la sua struttura unica, che ricorda un antico anfiteatro. I resti della presenza incaica in questo sito consistono principalmente in diverse depressioni circolari terrazzate, le più grandi delle quali raggiungono una profondità di circa trenta metri.

L’area di Moray era probabilmente strettamente legata all’agricoltura. Le indagini sugli strati superficiali del sito hanno dimostrato che i tipi di suolo presenti sono stati portati dalle regioni circostanti per coltivare i diversi livelli delle terrazze.

Unikalne starożytne Inków okrągłe tarasy w Moray (rolnicza stacja eksperymentalna), Peru, Ameryka Południowa
Unikalne starożytne Inków okrągłe tarasy w Moray (rolnicza stacja eksperymentalna), Peru, Ameryka Południowa, licencja: shutterstock/By valon
Salinas de Maras

A meno di cinque chilometri a est di Moray si trova Salinas de Maras. Si tratta probabilmente del complesso di saline più famoso del Paese, ovvero luoghi in cui il salgemma viene prodotto facendo evaporare l’acqua dalla salamoia che proviene, in questo caso, da bacini salini. È interessante notare che gli Inca ne scavarono più di seimila qui agli albori dell’Impero Inca e che sono ancora sfruttate dagli indigeni.

Vale la pena ricordare che i villaggi di Maras e Urubamba si trovano vicino alle saline. Qui si trovano mercati, alcuni negozi di souvenir e un paio di ristoranti, la cui visita può essere un interessante diversivo durante la visita ai siti archeologici.

View of the natural salt pools in Las Salineras de Maras in the Sacred Valley of Cusco. Peru
View of the natural salt pools in Las Salineras de Maras in the Sacred Valley of Cusco. Peru, licencja: shutterstock/By ErikGonzalez
Chinchero

A trenta chilometri a sud-est di Salinas de Maras si trova Chinchero, un tempo centro delle strade di attraversamento della Valle Sacra degli Inca. Chinchero è principalmente associato al decimo re Inca, Tupac Yupanqui, che qui commissionò la costruzione di numerosi acquedotti e terrazze agricole, molte delle quali sono ancora in funzione.

Come nel caso di Moray, il suolo, considerato a Chinchero uno dei più fertili della zona, ha svolto un ruolo importante nel sito. Ha reso possibile la coltivazione di patate, olluco, oci, quinoa e fagioli, tra le altre colture.

Terza settimana di tour

Primo giorno

Viaggio da Cuzco a Puno

Iniziamo la nuova settimana lasciando Cuzco per raggiungere Puno, a quasi quattrocento chilometri di distanza, situata sul lago Titicaca. Il viaggio sull’autostrada 3S durerà circa sette ore.

Sebbene lungo il percorso verso Puno si trovino numerose attrazioni più o meno popolari, non abbiamo intenzione di fermarci a visitarle più a lungo durante il viaggio. Ciò è dovuto, ovviamente, alla lunghezza del viaggio.

Quaranta chilometri prima di entrare nel centro di Puno si trova la città di Juliaca, che conta 300.000 abitanti. Sebbene le sue dimensioni possano far pensare a un gran numero di attrazioni, non ci sono molti siti di spicco che non abbiamo già visitato in precedenza. Molte delle attrazioni di questa città sono chiese costruite durante il periodo coloniale e altri edifici religiosi.

Los Uros Lago Titicaca (prenota qui)

Nel Lago Titicaca, al largo di Puno, si trovano una serie di isole artificiali, costruite dagli indigeni indiani Uru, che oggi sono una delle principali attrazioni turistiche. Qui si trova anche una vasta infrastruttura alberghiera che offre alloggio in un’atmosfera straordinaria. Uno degli hotel della zona è proprio quello conosciuto su booking.com come Los Uros Lago Titicaca. Qui è possibile prenotare un soggiorno, tra l’altro, in suite con un letto matrimoniale e uno singolo e una terrazza. Le camere più grandi, le Superior e le Suite, hanno due letti matrimoniali e sono più grandi di quelle precedentemente descritte (vanno da 40 a 120 m²). Il ristorante in loco offre ai viaggiatori una cucina peruviana adatta a qualsiasi ora del giorno.

Ristoranti degni di nota a Puno

Come a Cuzco e in altre località del Perù, anche a Puno ci sono molti locali dove è possibile mangiare bene a prezzi accessibili. Il costo di un pasto in questi locali è di solito al massimo di una dozzina di dollari, e stiamo parlando di ristoranti di alto livello.

Per quanto riguarda i tipi di cucina, molti locali sono specializzati in piatti locali preparati con ingredienti freschi. Tuttavia, a Puno si trovano anche ristoranti dove si possono mangiare piatti tradizionali della cucina giapponese (sushi) o italiana (pizza), per esempio.

Un elenco di ristoranti da visitare a Puno:

  • Alma Bar Restaurante
  • Valeria Restaurant
  • Balcones de Puno
  • Tulipan’s Restaurant & Pizzeria
  • Mojsa Restaurante
  • Sushi Ten Bento
  • Remix Pizzeria Resto Cafe & Bar

Secondo giorno

Visita alla Riserva Nazionale del Titicaca

La Riserva Nazionale del Titicaca è senza dubbio una delle maggiori attrazioni della zona di Puno. Come il complesso di siti archeologici della Valle Sacra degli Incas o il Parco Nazionale di Manú, quest’area sarà visitata nell’ambito di una visita guidata organizzata.

Informazioni di base sul tour

Il sito tiqets.it propone un’escursione a Puno che permette di scoprire il lago più grande del Sud America e di conoscere le popolazioni indigene delle isole. Per il prezzo del tour, i cui biglietti possono essere prenotati su tiqets.it a partire da soli trentasette dollari, avremo accesso alle seguenti attività:

  • una crociera in barca sul lago
  • visita all’isola di Taquile
  • conoscere la storia e le leggende legate al lago Titicaca.

Il tour dura circa undici ore. Se siete interessati a questa offerta, potete trovare informazioni più dettagliate cliccando qui.

Wyspa Uros w jeziorze Titicaca, Peru
Wyspa Uros w jeziorze Titicaca, Peru, licencja: shutterstock/By StanislavBeloglazov

Terzo giorno

Visita di Sillustani

La prima attrazione del nostro terzo giorno a Puno è Sillustani, un luogo di sepoltura pre-Inca sul lago Umayo. Il viaggio da Puno dura circa quaranta minuti.

Sillustani è un complesso con sepolture di defunti in tombe di famiglia, destinate all’élite del popolo Kolla, costruite sotto forma di torri chiamate ”chullpas”. Sebbene strutture di questo tipo si trovino in tutta la regione dell’Altiplano, è a Sillustani che si trova il cimitero meglio conservato di questo tipo.

L’ingresso a Sillustani è a pagamento. Per entrare nel complesso è necessario pagare una tassa di quattro dollari.

Chullpas in Archaeological Center of Sillustani, Puno Peru.
Chullpas in Archaeological Center of Sillustani, Puno Peru., licencja: shutterstock/By Milton+Rodriguez
Descrizione di tombe e costruzioni simili in altre parti del mondo

Per quanto riguarda la sepoltura, il cadavere in ogni tomba era solitamente collocato in posizione embrionale. Inoltre, gli effetti personali del cadavere, compresi, ma non solo, gli abiti, erano spesso collocati accanto al defunto.

Vale la pena ricordare che le tombe trovate a Sillustani sono talvolta decorate con ornamenti elaborati. Molte ”chullpas” presentano rappresentazioni di lucertole, considerate dai popoli che vivevano nell’area all’epoca come simboli di vita. Ciò è legato alla capacità delle lucertole di rigenerare la coda.

È interessante notare che a volte si suggerisce che strutture in pietra molto simili sull’Isola di Pasqua, note come “tupa”, siano strettamente correlate ai “chullpas”.

Visita al muro di Aram

Dopo aver visitato Sillustani, ci dirigiamo a sud verso Aramu Muru. Dato che il percorso passerà per Puno, possiamo fermarci nella città in cui abbiamo alloggiato e pranzare in uno dei ristoranti consigliati nell’articolo.

Il viaggio verso Aramu Muru da Sillustani durerà circa due ore e mezza (centotrentasette chilometri). Percorreremo la maggior parte del tragitto sull’autostrada 3S, che già conosciamo.

Aramu Muru è un sito famoso per la sua scultura in pietra, interpretata come un portale. Si ritiene che il sito, scoperto all’inizio del 1900, sia un progetto di costruzione Inca abbandonato.

Il sito è una meta di pellegrinaggio frequente per chi crede nei fenomeni paranormali. Secondo una leggenda, un sacerdote inca in possesso di un disco d’oro (che si suppone sia caduto dal cielo insieme al resto) lo pose in una piccola cavità della “porta” (si riferisce a una nicchia scavata nella roccia), provocando l’apertura della porta.

Se siamo interessati a una visita organizzata, sono disponibili online numerose visite guidate sia per Sillustani che per Aramu Muru.

Aramu Muru's gate near Titica lake in Peru
Aramu Muru’s gate near Titica lake in Peru, licencja: shutterstock/By fabrimanios

Quarto giorno

Viaggio da Puno a Chivay

Il quarto giorno, la terza settimana del nostro tour in Perù, lasciamo Puno e ci dirigiamo verso Chivay, una città a ovest della prima. Durante il viaggio (che durerà più di quattro ore), attraverseremo l’area protetta Reserva nacional de Salinas y Aguada Blanca. Questo luogo ospita molte specie di animali e piante, per cui durante il viaggio potremo sicuramente fermarci in un bel punto e scattare foto straordinarie.

Per quanto riguarda le attrazioni della giornata, ci limiteremo a possibili soste lungo il percorso, all’interno della riserva. Vale sicuramente la pena di fermarsi lungo il percorso presso i siti di formazioni coniche di pietra (Bosque de Piedras Imata, Bosque de Piedras de Puruña). Inoltre, non lontano dal Bosque de Piedras de Puruña si trovano le acque termali di Aguas Termales de Sumbay e, nei pressi dell’allevamento di alpaca lungo il percorso, le grotte Cuevas de Sumbay, dove sono presenti pitture rupestri.

Casa Andina Standard Colca (prenota qui)

L’hotel in cui soggiorneremo a Chivay è dotato di tre tipi di suite. La prima, con un grande letto matrimoniale, è dedicata alle coppie, mentre le altre due hanno rispettivamente due e tre letti singoli. Il ristorante dell’hotel ”Sama” serve pasti a pranzo e a cena. Per quanto riguarda i servizi, è disponibile un parcheggio privato gratuito in loco (è necessario prenotare un posto).

Quinto giorno

Attrazioni del Canyon del Colca

Dedicheremo il quinto giorno del nostro viaggio all’esplorazione dell’area del Canyon del Colca, uno dei più profondi al mondo, rivaleggiato solo dal Canyon di Cotahuasi, situato leggermente più a nord.

View of Colca Canyon in Peru. It is one of the deepest canyons in the world. Beautiful nature in latin America.
View of Colca Canyon in Peru. It is one of the deepest canyons in the world. Beautiful nature in latin America., licencja: shutterstock/By romeovip_md
Cruz del Condor

Una delle attrazioni più emozionanti della zona è osservare il volo dei grandi condor sulle pareti del canyon. Il punto panoramico da cui osservare queste splendide creature che planano nell’aria si trova a quaranta chilometri a ovest di Chivay (per arrivarci seguite la strada segnata 109).

Grotte di Mollepunko

Nella zona di Chivay si trovano anche le Grotte di Mollepunko, note per le pitture rupestri presenti. Queste sono state realizzate da individui appartenenti a popolazioni pre-Inca e raffigurano, tra l’altro, il primo addomesticamento dei lama. Le grotte in questione erano probabilmente utilizzate anche per i rituali in epoca pre-Inca e come luoghi di sepoltura. È interessante notare che nella zona sono stati effettuati diversi scavi che indicano che nelle vicinanze delle grotte si svolgevano cacce al tesoro. Queste potrebbero essere state motivate da una leggenda inca in circolazione, secondo la quale qui sarebbe stato sepolto un tesoro d’oro.

Per raggiungere le grotte si deve percorrere la strada 111; la distanza tra Chivay e Mollepunko è di quarantacinque chilometri.

Choqueshisha

Non lontano dalle grotte (nel villaggio di Callalli, otto chilometri a nord di Mollepunko), invece, si trova un sito rituale chiamato Choqueshisha. Qui le donne locali fanno offerte di grasso di lama, mais e altri prodotti locali a Pachamama, la dea inca che assicura la fertilità dei campi e la fecondità.

Banos Termales de Inca

Tornando a Chivay, si può andare a Banos Termales de Inca, un complesso termale situato tra i villaggi di Callalli e Sibayo.

Altre attrazioni

Lungo la strada tra Callalli e le grotte di Mollepunko si trovano formazioni rocciose monumentali note come “castelli incantati” (“Castillos” Encantados de Callalli).

Se abbiamo voglia di un’esperienza un po’ più estrema, possiamo goderci un viaggio in treno tirolese sopra il canyon.

Viaggio verso Arequipa

Poiché le attrazioni lungo il Canyon del Colca si trovano a breve distanza l’una dall’altra, potremo visitare tutti i luoghi menzionati in un tempo abbastanza breve. Questo ci permetterà di raggiungere in giornata Arequipa, a centosessanta chilometri da Chivay.

Plaza Central (prenota qui)

Il Plaza Central è un hotel situato proprio nel centro di Arequipa, nella piazza principale della città, Plaza de Armas Arequipa. Gli appartamenti sono adatti a diversi gruppi di viaggiatori. Ci sono opzioni con uno o due letti matrimoniali e camere familiari con due letti matrimoniali e uno singolo. Un indubbio vantaggio di questi appartamenti è la vista sulla cattedrale più famosa della città, la Basílica Catedral, risalente al XVII secolo. Un soggiorno confortevole ad Arequipa è garantito anche dalla connessione Wi-Fi gratuita disponibile in tutta la struttura.

La cucina di Arequipa

Arequipa, come Cuzco, è famosa per i suoi locali gastronomici chiamati “picantería”, che servono birra di mais “chicha de jora”, accompagnata da piatti di peperoni rocoto regionali. Inoltre, in questo tipo di ristoranti vengono spesso servite zuppe, stufati o stufati. Tra i piatti che vale la pena assaggiare quando si è ad Arequipa ci sono:

  • Chupe de Camarones (zuppa di gamberi, spesso servita con un uovo in camicia e mais)
  • Ocopa Arequipeña (una salsa morbida aromatizzata con menta huacatay, una pianta originaria di Arequipa. Viene servita calda come condimento per le patate bollite o come accompagnamento alle uova sode fredde)
  • Rocoto Relleno (peperoni ripieni di carne, uova, verdure e formaggio)
  • Adobo arequipeño (carne di maiale marinata, solitamente servita con un pane speciale – pan de tres puntas – che viene intinto nella salsa)
  • Solterito de Queso (insalata di fave, cipolle, pomodori, mais, formaggio a cubetti, peperoni rocoto, aceto di vino, olio d’oliva, olive e prezzemolo)
  • Cuy Chactado (porcellino d’India fritto. Inoltre, di solito vengono servite patate bollite, fave o mais)
  • Chairo (stufato o brodo di agnello o montone, servito con patate secche (chuño) e verdure. Questo piatto è popolare anche in Bolivia e nel nord del Cile)
  • Pebre (piatto a base di coriandolo, prezzemolo, cipolle tritate, olio, peperoni ají e pomodori a pezzi)
  • Queso helado (un tipo di gelato. Ogni quarta domenica di gennaio, nella Plaza de Armas di Arequipa, si celebra il “Día del queso helado arequipeño”, associato a questo dolce)
The Adobo de Chancho arequipeño consists of a marinated pork meat dish that is accompanied by vegetables and seasonings cooked in a clay pot
The Adobo de Chancho arequipeño consists of a marinated pork meat dish that is accompanied by vegetables and seasonings cooked in a clay pot, licencja: shutterstock/By leckerstudio

Sesto giorno

Arequipa – luoghi da visitare

Arequipa è la seconda città del Perù per numero di abitanti. Per questo motivo, non mancano le attrazioni sotto forma di monumenti o infrastrutture per un’atmosfera divertente.

Oltre alla cattedrale citata nel contesto dell’hotel, Arequipa è famosa per i suoi altri edifici religiosi. Tra gli altri, il Monasterio de Santa Catalina de Siena, patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, è molto popolare in città.

Inoltre, Arequipa è sede di numerosi musei che ospitano ricche collezioni legate al patrimonio culturale locale. Tra i più famosi, possiamo annoverare il museo accanto alla cattedrale (Museo de la Catedral) e il museo di arte contemporanea (Museo de Arte Contemporáneo). Quest’ultimo ospita collezioni di dipinti e fotografie di alcuni dei più illustri artisti peruviani, tra cui l’eminente pittore e scultore di origine polacca Fernando de Szyszlo. Merita una visita anche il Museo Santuarios Andinos. Si tratta di un museo archeologico il cui reperto più famoso è la mummia congelata di Juanita, una giovane ragazza sacrificata sulle Ande nel XVI secolo.

Se siete interessati a visitare Arequipa e i suoi dintorni con un tour organizzato, potreste essere interessati all’offerta di tiqets.com. L’offerta offre la possibilità di visitare il centro storico della città, i punti panoramici della campagna circostante e la zona delle Andenes de Paucarpata. Il prezzo del biglietto parte da soli sedici euro.

Plaza de Armas Arequipa, Peru. Ameryka Południowa.
Plaza de Armas Arequipa, Peru. Ameryka Południowa., licencja: shutterstock/By Stephanie+van+Deventer

Da Arequipa a Camaná

Dopo aver visitato i luoghi più interessanti di Arequipa, lasciamo la città e ci dirigiamo verso Camaná, una città affacciata sull’oceano. Dovremmo raggiungere la nostra destinazione da Arequipa in tre ore (distanza: centosettantacinque chilometri).

La Posada de Valdez (prenota qui)

All’Hotel La Posada de Valdez di Camaná è possibile prenotare un soggiorno in appartamenti con letti singoli (da uno a tre letti di questo tipo), con un letto matrimoniale o in una camera familiare con un letto matrimoniale e un letto singolo. La connessione Wi-Fi è gratuita e disponibile nelle camere. È presente anche un parcheggio privato gratuito.

Settimo giorno

Viaggio da Camaná a Nazca

L’ultimo giorno della terza settimana di viaggio in Perù, lasciamo il villaggio di Camaná per raggiungere Nazca, a quasi quattrocento chilometri a nord. Il percorso prevede di percorrere quasi interamente la Highway 1S, che si estende per gran parte del tragitto lungo l’oceano.

A causa del lungo viaggio, che può durare fino a sette ore, non prevediamo di visitare la città di Nazca o i suoi dintorni in questa giornata.

Hotel Alegria Nasca (prenota qui)

Come per gli altri hotel precedentemente menzionati, ci sono suite di varie dimensioni per soddisfare un gruppo di viaggiatori diversi. È possibile prenotare un soggiorno in una camera con uno o tre letti singoli, oppure con un letto singolo e uno matrimoniale. L’Hotel Alegria Nasca dispone anche di un ristorante che serve piatti della cucina locale a qualsiasi ora del giorno. Per quanto riguarda i servizi, è presente una piscina all’aperto. L’hotel vanta anche un centro benessere, che comprende un bagno pubblico a pagamento. All’Hotel Alegria Nasca, invece, internet e il parcheggio privato sono gratuiti.

Quarta settimana

Primo giorno

Esplorazione delle Lineas de Nazca

A meno di trenta chilometri a nord di Nazca, sulla Highway 1S, si trova un punto panoramico (Mirador De Las Líneas De Nazca) che permette di ammirare da un’alta piattaforma gli affascinanti geoglifi, disegni di grandi dimensioni sul terreno.

Drawings, Nazca lines ( lineas de nazca ) in the desert of nazca - Peru.
Drawings, Nazca lines ( lineas de nazca ) in the desert of nazca – Peru. , licencja: shutterstock/By Bitenkav2

La scoperta dei disegni

Il primo riferimento scritto ai geoglifi è contenuto nel libro “Cronaca del Perù” del conquistador Pedro Cieza de León nel 1553.

Una scoperta più scientifica può essere attribuita all’antropologo peruviano Toríbio Mejía Xesspe, che ne annunciò la presenza nel 1927.

Il primo studio sui geoglifi, invece, è stato realizzato dallo storico americano Paul Kosok.

Descrizione dei geoglifi
Informazioni di base

I geoglifi di Lineas de Nazca sono un affascinante capolavoro della cultura Nazca, la cui creazione è datata tra il 300 a.C. e il 900 d.C.

Metodo di realizzazione

Per realizzare questi disegni, gli indiani Nazca rimossero la ghiaia rossa dalla superficie del deserto, esponendo il terreno più chiaro, giallo-bianco. Le linee luminose risultanti erano ben visibili da una grande altezza sullo sfondo scuro del terreno circostante i disegni.

Le caratteristiche

Sull’altopiano di Nazca sono presenti numerosi geoglifi, che raffigurano sia collezioni di varie figure geometriche sia immagini di animali e piante. Le più famose raffigurazioni di animali di Nazca sono i disegni di un colibrì, un condor, una scimmia, una balena, una formica, un cane e un airone.

Drawings, Nazca lines ( lineas de nazca ) in the desert of nazca - Peru. High quality photo
Drawings, Nazca lines ( lineas de nazca ) in the desert of nazca – Peru. High quality photo, licencja: shutterstock/By Bitenkav2
Interpretazioni

I geoglifi di Nazca sono stati oggetto di intense ricerche e dibattiti tra gli studiosi in merito alla loro interpretazione. La varietà di teorie evidenzia certamente la misteriosità di questo antico patrimonio culturale e suscita l’interesse di molti.

Una delle interpretazioni è quella legata all’idea che i geoglifi funzionino come un enorme calendario astronomico. La matematica peruviana Maria Reiche, nota per le sue ricerche sulle linee di Nazca, ha adottato l’ipotesi archeoastronomica dell’antropologo americano Paul Kosok. Secondo questa teoria, alcune linee, lunghe centinaia di metri, coincidono con il movimento orbitale delle stelle. Le gigantesche sagome degli animali, invece, riflettono fedelmente le costellazioni. I collegamenti tra i disegni e le costellazioni corrispondono a date importanti del calendario agrario, associate alla semina e al raccolto. I motivi zoomorfi, a loro volta, dovevano riflettere la rappresentazione zodiacale del cosmo.

Un’altra interpretazione è legata alle pratiche rituali delle comunità locali. Secondo questa interpretazione, i geoglifi potrebbero essere stati manifestazioni delle esperienze spirituali di sciamani che partecipavano a pratiche magiche sotto l’influenza di sostanze allucinogene. Alcune delle droghe assunte durante i rituali potrebbero aver fatto sì che i partecipanti avessero la sensazione di fluttuare nell’aria, il che potrebbe spiegare perché i disegni sono stati progettati per essere visibili dal cielo.

Un concetto intrigante è stato avanzato anche da Henri Stierlin, uno storico dell’arte svizzero, che nel 1983 ha pubblicato una teoria che collega le corde di Nazca alla produzione di tessuti antichi. Stierlin sosteneva che le persone potrebbero aver usato corde e trapezi come telai giganti e primitivi per produrre le lunghissime corde e i larghi pezzi di tessuto tipici della zona. Sebbene questa teoria non sia ampiamente accettata, alcuni studiosi hanno notato alcune somiglianze tra i motivi dei tessuti locali e le linee di Nazca.

The astronaut , Nazca lines ( lineas de nazca ) in the desert of nazca - Peru
The astronaut , Nazca lines ( lineas de nazca ) in the desert of nazca – Peru, licencja: shutterstock/By GustavoPostal

Viaggio da Nazca a Ica

Dopo aver visitato i disegni di Nazca, ci recheremo a Ica, una città a centoquaranta chilometri a nord di Nazca. Percorreremo il tragitto tra le due città percorrendo l’autostrada 1S.

La durata del viaggio in auto è di due ore e mezza.

Hotel Villa Jazmin (prenota qui)

L’Hotel Villa Jazmin è una delle strutture più lussuose della città di Ica, situata a cinque chilometri e mezzo a nord-ovest del centro storico del paese. L’hotel offre suite adatte a diversi gruppi di viaggiatori. Ci sono suite con uno o due letti matrimoniali, tre letti singoli o suite ibride in varie configurazioni. Quest’ultima categoria può includere camere familiari con due letti singoli e un letto matrimoniale e un bungalow familiare con tre letti matrimoniali in due camere e un divano letto nel soggiorno. I servizi dell’Hotel Villa Jazmin includono l’accesso a due piscine all’aperto, un centro benessere con sala fitness e un bagno pubblico. Inoltre, gli ospiti dell’hotel possono usufruire gratuitamente della connessione Wi-Fi e del parcheggio privato.

Tour dell’oasi di Huacachina

Huacachina è un villaggio costruito intorno a una piccola oasi, circondato da incantevoli dune di sabbia, a nove chilometri dal nostro hotel.

Oasis Huacachina in Peru
Oasis Huacachina in Peru, licencja: shutterstock/By IURII+BURIAK
Gli effetti curativi dell’acqua e del fango dell’oasi

Molti abitanti e turisti credono che l’acqua e il fango dell’oasi siano in grado di curare diversi disturbi. Molte persone si recano nella zona per fare il bagno nelle acque locali o per ricoprirsi di fango, credendo nei poteri curativi di queste risorse naturali. Si attribuisce loro l’effetto di alleviare il dolore e la sofferenza causati da artrite, reumatismi, asma o bronchite.

Attrazioni associate alle attività all’aria aperta

Tuttavia, la popolarità dell’oasi di Huacachina non è legata solo ai presunti potenziali benefici per la salute. Un’attrazione piuttosto comune tra i turisti che giungono nella zona è il sandboarding, ovvero la discesa su dune di sabbia che in alcune zone raggiungono i cinquecento metri di altezza. Un passatempo popolare qui è anche l’emozionante giro sulle dune in buggies, che sono veicoli ricreativi leggeri dotati di grandi ruote con pneumatici grassi.

Secondo giorno

Visita alla Reserva Nacional de Paracas

A ottanta chilometri da Ici si trova la Riserva Nazionale di Paracas (Reserva Nacional de Paracas), che copre l’area della baia e della penisola di Paracas e l’arcipelago delle Isole Ballestas.

Questo luogo è sicuramente interessante per la ricca fauna che vi si trova. Oltre agli animali che abbiamo incontrato finora durante il viaggio, come i condor giganti, il parco ospita albatri, pinguini peruviani, cormorani e leoni marini, caratteristici dell’ecosistema oceanico.

Sulla penisola di Paracas, all’interno della riserva, si trova anche un geoglifo gigante, chiamato il Candelabro di Paracas. Misura centonovanta metri di altezza ed è stato scolpito nel terreno pietroso, sul fianco di una scogliera costiera. Si ritiene che il geoglifo potesse avere una funzione di navigazione e aiutare i marinai ad attraversare le acque della baia di Paracas. Sebbene sia comunemente indicato come un candelabro, non si sa esattamente cosa rappresenti.

Come i geoglifi di Nazca, anch’esso è stato oggetto di varie teorie pseudoscientifiche che collegano la presenza di questo tipo di strutture all’influenza di esseri extraterrestri. Uno dei più noti autori che hanno promosso tali concetti è Erich von Däniken.

 the Candelabra geoglyph is unknown, archaeologists have found pottery around the site dating to around 200 BCE. This pottery likely belonged to the Paracas people.
the Candelabra geoglyph is unknown, archaeologists have found pottery around the site dating to around 200 BCE. This pottery likely belonged to the Paracas people. , licencja: shutterstock/By BETO+SANTILLAN

Terzo giorno

Viaggio da Ica a Lima

L’ultimo giorno del nostro viaggio in Perù sarà dedicato al viaggio verso Lima, che abbiamo lasciato all’inizio del viaggio per esplorare questo straordinario Paese.

Il viaggio sulla Highway 1S da Ica durerà quattro ore (distanza: trecento chilometri).