Viaggio in Cile e nel deserto più arido del mondo, organizziamo il viaggio

Santiago biały pejzaż miejski

Cosa sapere prima di partire

Panoramica della storia del Cile o come capire il paese

L’epoca precolombiana

Il Cile è un Paese con una storia indubbiamente lunga e ricca. Le origini della regione possono essere fatte risalire a molte migliaia di anni fa, quando la zona iniziò a essere colonizzata dai primi nativi americani. Le prove archeologiche suggeriscono che l’insediamento in queste zone sia iniziato già 10.000 anni fa.

È interessante notare che esistono due teorie sulle modalità di insediamento del Cile. Una suggerisce che la popolazione si sia spostata verticalmente, da nord a sud, mentre l’altra ipotizza un movimento orizzontale dall’area del Pacifico.

Le comunità indigene in Cile variavano notevolmente nei loro modelli economici. Un gruppo era specializzato nella pesca e nella caccia, un altro nell’agricoltura e un altro ancora nell’artigianato.

Il gruppo più numeroso era quello degli Araucani, che viveva nelle zone centrali e meridionali dell’attuale Cile. Nel nord del Paese, invece, c’era l’impero Inca prima dell’arrivo degli spagnoli. Quando gli spagnoli arrivarono in Cile negli anni ’30 del XVI secolo, la popolazione araucana poteva essere al massimo di 1,5 milioni. Tuttavia, un secolo di conquiste europee ed epidemie di malattie ne ridussero drasticamente il numero.

araucarias and llaima volcano, "conguillío" national park
araucarias and llaima volcano, “conguillío” national park, licencja: shutterstock/By cavanimages

L’era coloniale

Le origini dell’epoca coloniale nella zona sono legate alla figura di Pedro de Valdivia, compagno di Francisco Pizarro e fondatore di molte città, tra cui la capitale Santiago. Vale la pena ricordare, tuttavia, che Valdivia, in qualità di conquistador, era un entusiasta e un promotore dell’encomienda, un sistema che schiavizzava la popolazione indigena e ne controllava il lavoro nei possedimenti coloniali.

Nonostante i loro sforzi, gli spagnoli non riuscirono a sottomettere completamente le popolazioni che vivevano nel sud del Cile.

I primi anni dell’indipendenza

Il governatorato del Perù, che operava in dipendenza dal Vicereame del Perù, durò fino al 1818, otto anni dopo la dichiarazione di indipendenza del Cile. Uno dei padri del Cile indipendente fu Bernardo O’Higgins, capo di Stato dal 1817 al 1823.

Governo conservatore e liberale

Dopo il rovesciamento di O’Higgins e il periodo di instabilità associato ai brevi regni di vari politici, la scena politica cilena ha subito cambiamenti significativi a partire dal 1830. I conservatori hanno assunto il predominio. Il dominio dei cosiddetti pelucones durò fino agli anni Settanta del XIX secolo, quando iniziò a formarsi una nuova realtà politica, caratterizzata dall’egemonia dei cosiddetti pipiolos, politici più liberali.

Durante il periodo di governo dei pipiolos, il cui regno coincise, tra l’altro, con la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta del XIX secolo, il Cile fu coinvolto in un conflitto internazionale, noto nella storiografia come Guerra del Pacifico. Il Cile, a seguito di aspri combattimenti, riuscì a sconfiggere le forze combinate di Bolivia e Perù, guadagnando così un migliaio di chilometri di costa a spese dei Paesi sconfitti.

Negli anni Ottanta del XIX secolo, i governanti consolidarono il loro potere nella zona dell’Araucania, abitata dagli indios. Inoltre, in seguito a un trattato con l’Argentina del 1881, il Cile ottenne il controllo di parte della Terra del Fuoco e annetté anche l’Isola di Pasqua.

L’era parlamentare

I decenni successivi, fino agli anni Venti, furono caratterizzati da governi relativamente stabili di politici economicamente liberali. Da notare che in Cile, che era un fenomeno in America Latina con una presidenza tradizionalmente forte, il parlamento aveva allora poteri significativi. Inoltre, la corsa agli armamenti navali tra Cile e Argentina vide uno sviluppo dinamico delle flotte di entrambi i Paesi.

Gli anni dal 1925 al 1973

A partire dall’introduzione della costituzione approvata dal presidente Arturo Alessandri Palma nel 1925, il Cile si trovò in un periodo talvolta definito come era presidenziale, che durò fino alla caduta del governo di Salvador Allende nel 1973. Durante questo periodo, il Paese attraversò un periodo di intensa industrializzazione e i governanti perseguirono politiche economiche relativamente protezionistiche.

Statue of Salvador Allende Gossens with a chilean flag in Santiago, capital of Chile. In the sign on the back says "Department of Justice and Human Rights".
Statue of Salvador Allende Gossens with a chilean flag in Santiago, capital of Chile. In the sign on the back says “Department of Justice and Human Rights”., licencja: shutterstock/By RocioSantar

Il governo di Pinochet

L’impopolare presidenza di Salvador Allende, che governava per conto della coalizione di sinistra Unidad Popular, fu associata a gravi problemi economici, caratterizzati tra l’altro da un’elevata inflazione e da scioperi prolungati. Le tensioni sociali ed economiche portarono al rovesciamento di Allende con un colpo di Stato nel 1973. Il nuovo regime, frutto di un putsch attuato dalla giunta militare, era guidato dal generale Augusto Pinochet.

La dittatura militare di Pinochet è stata un periodo di numerose repressioni contro gli oppositori politici, di regolari violazioni dei diritti umani e di introduzione di privatizzazioni, deregolamentazione e liberalizzazione dell’economia. Ancora oggi, la valutazione delle politiche di Pinochet da parte degli storici è piuttosto ambivalente. Sebbene il suo governo sia stato caratterizzato da metodi brutali di sorveglianza, da alti livelli di corruzione e dalla presenza di forti disuguaglianze sociali, Augusto Pinochet ha lasciato in Cile un modello economico relativamente stabile che ha contribuito a mantenere uno degli standard di vita più alti di tutta l’America Latina.

Il Cile dopo il referendum del 1988

Nel 1990, dopo la sconfitta del governo militare nel referendum nazionale del 1988, Augusto Pinochet cedette il potere e il politico democristiano Patricio Aylwin divenne il nuovo presidente del Cile. Questo evento storico aprì un’era di governo democratico e il moderato Aylwin si impegnò a sradicare i livelli di povertà e disuguaglianza del Paese. Per raggiungere questo obiettivo, incrementò la spesa pubblica per i programmi sociali, aumentò il salario minimo e le prestazioni pensionistiche e familiari. Allo stesso tempo, ha portato avanti le politiche di libero mercato che sono diventate un segno distintivo del suo governo e di quelli successivi.

La Concertación, il partito da cui proveniva Aylwin, iniziò a dominare la scena politica cilena e mantenne la sua influenza per i due decenni successivi. Negli ultimi anni, il Cile è stato governato da presidenti più diversi in termini di affiliazione politica. Michelle Bachelet del Partito Socialista del Cile ha governato dal 2006 al 2010 e dal 2014 al 2018, mentre il politico conservatore-liberale Sebastián Piñera ha governato dal 2010 al 2014 e dal 2018 al 2022.

Dal 2022, Gabriel Boric del gruppo politico Convergencia Social è il capo di Stato. È il presidente più giovane nella storia del Paese (ha 37 anni).

Sicurezza in Cile – informazioni chiave

Assicurazione

Prima di partire per il Cile, è bene assicurarsi di avere un’assicurazione adeguata che vi protegga in varie situazioni. È bene scegliere un pacchetto sanitario completo che includa, tra l’altro, l’assicurazione contro la cancellazione e l’interruzione del viaggio, le emergenze e la perdita o il ritardo dei bagagli. Le compagnie di assicurazione offrono una varietà di pacchetti, quindi vale la pena di verificare attentamente cosa copre la polizza scelta. Informazioni dettagliate sono disponibili sui siti ufficiali delle compagnie assicurative.

Financial concept, Chile inflation rate, store prices, Empty shopping cart and Chilean pesos money
Financial concept, Chile inflation rate, store prices, Empty shopping cart and Chilean pesos money, licencja: shutterstock/By Andrzej+Rostek

In caso di emergenza, conoscere i seguenti numeri di emergenza può essere fondamentale: polizia (133), vigili del fuoco (132) e ambulanza (131). Il Cile vanta eccellenti standard sanitari, ma il personale medico non sempre parla correntemente l’inglese. È quindi utile conoscere le frasi di base relative all’assistenza medica in spagnolo.

Rischi potenziali

I potenziali pericoli in Cile sono legati soprattutto al verificarsi di terremoti, che sono relativamente frequenti. In caso di tali situazioni, è importante mantenere la calma, evitare di trovarsi in prossimità di oggetti che potrebbero cadere e seguire le istruzioni di sicurezza. Sebbene i terremoti in Cile si verifichino ogni anno, è piuttosto raro che si verifichino scosse molto gravi con una magnitudo superiore a otto della scala Richter. L’ultimo terremoto così grave si è verificato a Illapel, nella parte centrale del Paese, nel 2015. In quell’occasione morirono sedici persone.

Cars under the rubble for an earthquake in Chile
Cars under the rubble for an earthquake in Chile, licencja: shutterstock/By erlucho

In termini di salute pubblica, vale la pena ricordare che, sebbene la minaccia della rabbia sia ormai minima, si raccomanda comunque di vaccinarsi contro questa pericolosa malattia. Il rischio di infezione aumenta quando si viene morsi da animali selvatici, soprattutto pipistrelli.

Sebbene il Cile sia generalmente un Paese sicuro (soprattutto rispetto ad altri Paesi dell’America Latina), è importante essere consapevoli che qui esiste un certo rischio di criminalità. Si tratta principalmente di piccoli borseggi, a cui i turisti possono essere vulnerabili, soprattutto nelle aree affollate delle grandi città come Santiago. Tuttavia, con la vigilanza e le precauzioni di base, è possibile godersi il soggiorno in Cile in tutta sicurezza.

L’acqua del rubinetto è generalmente potabile.

Disponibilità di assistenza medica

Di seguito sono indicate le strutture mediche presenti nelle città che avremo l’opportunità di visitare durante il nostro viaggio o che si trovano vicino alle attrazioni presentate nella guida.

Santiago
  • Ospedale Luis Calvo Mackenna (indirizzo: Antonio Varas 360, Santiago, Providencia, Región Metropolitana, telefono: +56225755800)
  • Ospedale San Juan de Dios (indirizzo: Huérfanos 3255, Santiago, Región Metropolitana, telefono: +56229770732)
  • Ospedale San Juan de Dios – CDT Asistencial Docente (indirizzo: Chacabuco 210-224, Santiago, Región Metropolitana)
  • Hospital de Urgencia Asistencia Pública (indirizzo: Curicó 345, Santiago, Estación Central, Región Metropolitana, telefono: +56225681100)
  • Hospital Clínico San Borja Arriarán (indirizzo: Av. Sta. Rosa 1234, Santiago, Región Metropolitana, telefono: +56225749000)
Hanga Roa
  • Hospital Hanga Roa (indirizzo: Hanga Roa, Isola di Pasqua, Valparaíso, telefono: +56322578360)
Calama
  • Ospedale Dr. Carlos Cisternas de Calama (indirizzo: Av. Almte. Grau 1490, 1392382 Calama, Antofagasta, telefono: +56552599628)
  • Ospedale Del Cobre (indirizzo: Av. Chorrillos 689, 1395454 Calama, Antofagasta, telefono: +56552320130)
3d world health day Chile flag rendering right view
3d world health day Chile flag rendering right view, licencja: shutterstock/By Dwiangga

Condizioni meteorologiche in Cile – quando andare in Cile in termini di condizioni meteorologiche

Quando si pianifica un viaggio in Cile, è necessario prendere una decisione fondamentale in relazione alla scelta del periodo giusto in cui andare. Tuttavia, non è certo facile. Le condizioni climatiche del Paese sono infatti estremamente varie. Il Cile comprende almeno sette diversi sottotipi climatici secondo la classificazione di Köppen. A partire dal deserto del nord, alle montagne e ai ghiacciai dell’est e del sud-est, alle foreste pluviali tropicali dell’Isola di Pasqua, al clima oceanico del sud e al clima mediterraneo della parte centrale del Paese, il Cile offre una straordinaria diversità climatica.

Nonostante le numerose differenze climatiche, nella maggior parte del territorio cileno si possono distinguere le seguenti stagioni: estate (dicembre-febbraio), autunno (marzo-maggio), inverno (giugno-agosto) e primavera (settembre-novembre). Per chi preferisce piogge relativamente scarse e temperature elevate, il periodo ideale per viaggiare è quello che va da novembre a marzo. Da giugno a ottobre, invece, le condizioni climatiche sono favorevoli agli sport invernali, soprattutto nelle regioni montuose.

Majestatyczne szczyty Los Kuernos nad jeziorem Pehoe. Na polnej drodze warto guanaco - Lama. Park Narodowy Torres del Paine, Patagonia, Chile
Majestatyczne szczyty Los Kuernos nad jeziorem Pehoe. Na polnej drodze warto guanaco – Lama. Park Narodowy Torres del Paine, Patagonia, Chile, licencja: shutterstock/By kavram

Voli dall’Europa al Cile – informazioni chiave

Quando si pianifica un viaggio in Cile dall’Europa, è fondamentale farsi un’idea delle opzioni di volo disponibili. Madrid sta emergendo come una delle destinazioni più strategiche da cui vengono offerti voli regolari e relativamente convenienti per il Cile. Su questa rotta sono disponibili voli diretti a partire da millequattrocento zloty a tratta (marzo risulta essere il mese con le tariffe più interessanti).

Oltre a Madrid, la compagnia aerea cilena LATAM Airlines offre collegamenti con altre grandi città europee. Tuttavia, la maggior parte di questi voli richiede una coincidenza, ad esempio a San Paolo, in Brasile. Tra le città europee che offrono collegamenti convenienti con il Cile si possono annoverare Londra, Francoforte, Roma e Parigi. Tuttavia, vale la pena tenere d’occhio la disponibilità di voli su rotte specifiche, poiché la situazione dei collegamenti aerei può cambiare.

La piattaforma skyscanner può essere estremamente utile nella ricerca di collegamenti aerei, consentendo di verificare diverse opzioni e di confrontare i prezzi dei biglietti. Grazie a questo strumento, i viaggiatori possono adattare i loro piani alle offerte attuali e trovare le rotte aeree ottimali. Vale la pena essere flessibili e tenersi aggiornati sulle novità del mercato dell’aviazione per scegliere l’opzione di viaggio più conveniente per questo affascinante Paese alla fine del mondo.

Aerial View of the Andes as Seen from Airplane Window During the Flight from Santiago de Chile to the Northern Region, Chile, South America
Aerial View of the Andes as Seen from Airplane Window During the Flight from Santiago de Chile to the Northern Region, Chile, South America, licencja: shutterstock/By lovelypeace

Problemi linguistici

Imparare a conoscere le questioni linguistiche in Cile è un aspetto affascinante per svelare i segreti della variegata cultura di questo meraviglioso Paese. Insieme all’honduregno, la varietà cilena di spagnolo è considerata da alcuni linguisti una delle più divergenti rispetto alle altre varietà di spagnolo. Sebbene non vi siano molte differenze evidenti tra lo spagnolo parlato nelle regioni settentrionali, centrali e meridionali del Paese, coloro che parlano lo spagnolo come seconda lingua possono incontrare difficoltà nella comprensione dei dialetti cileni. Questo può essere particolarmente problematico quando si soggiorna in città più piccole dove si parlano varietà linguistiche più isolate. La comunicazione in questi luoghi può essere difficile, anche per chi parla spagnolo con esperienza.

Nei grandi centri urbani, come Santiago, la conoscenza dell’inglese dovrebbe essere abbastanza diffusa, soprattutto tra i più giovani e tra coloro che lavorano nell’industria del turismo. A titolo di interesse, vale la pena ricordare che il Cile ha un numero relativamente elevato di discendenti di espatriati dall’Inghilterra, che costituiscono circa il 5-6% della popolazione del Paese. Tra gli altri, gli antenati dell’ex presidente cileno Patricio Aylwin provenivano dalle isole britanniche (Galles e Irlanda). Inoltre, circa il 5% della popolazione cilena è costituito da discendenti di immigrati tedeschi, soprattutto quelli che si sono stabiliti nella parte meridionale del Paese, vicino a località come Valdivia, Osorno e Llanquihue. Vale la pena ricordare che, a seguito di queste migrazioni, in Cile e in altre parti dell’America Latina dove si sono stabiliti i tedeschi si è sviluppata una lingua mista, l’Alemañol, risultante da una combinazione di tedesco e spagnolo.

Fatti interessanti sul Cile

Le mummie cilene

Il Cile nasconde segreti affascinanti e curiosità uniche, che gli conferiscono un carattere unico. Una delle scoperte più intriganti è il ritrovamento delle mummie più antiche del mondo (circa 5050 a.C.), molto prima dei primi corpi mummificati egiziani (circa 3000 a.C.). Monumenti di questo tipo sono spesso identificati con la cultura Chinchorro, che copre la costa del Pacifico e i margini del deserto di Atacama.

oldest mummy in the world in conservation room
oldest mummy in the world in conservation room, licencja: shutterstock/By cristianzenon

Gran Torre Costanera

Il Cile ospita anche l’edificio più alto del Sud America. Si tratta, ovviamente, del grattacielo Gran Torre Costanera, simbolo dello sviluppo della civiltà, del progresso e della modernità, situato a Santiago. L’altezza totale della struttura è di trecento metri.

Il deserto più arido del mondo

Il Cile ospita anche il deserto più arido del mondo, il deserto di Atacama. Si estende su una striscia di terra di 1.600 chilometri a ovest delle Ande e copre una superficie di 105.000 chilometri.

A dry riverbed landscape in the arid Moon Valley of the driest desert on earth, Atacama Desert, Chile.
A dry riverbed landscape in the arid Moon Valley of the driest desert on earth, Atacama Desert, Chile., licencja: shutterstock/By SL-Photography

La bandiera

Un aspetto interessante è la somiglianza tra la bandiera del Cile e quella del Texas, uno degli Stati Uniti. Entrambe le bandiere hanno uno schema di colori e una disposizione identica, anche se la bandiera del Cile non è completamente riempita di blu a sinistra, a differenza di quella del Texas. Vale la pena di ricordare che, secondo una teoria, entrambe le bandiere sono state progettate per assomigliare da lontano alla bandiera degli Stati Uniti. Anche il simbolismo dei colori della bandiera del Cile è interessante: il bianco si riferisce alla neve delle Ande, il rosso al sangue versato nella lotta per l’indipendenza, mentre la stella simboleggia il progresso, l’onore e l’indipendenza.

Terremoto del 1960

Una data memorabile nella storia del Cile è sicuramente il 22 maggio 1960. Fu allora che la città di Valvidia fu colpita da un tragico terremoto che causò la morte di molte persone e ingenti danni materiali, lasciando milioni di persone senza casa. Questa fortissima scossa, di magnitudo 9,5, è considerata la più potente scossa tettonica nella storia delle misurazioni sismiche. Ha ucciso 1.655 persone e ha lasciato 2 milioni di persone senza casa. Il sisma ha causato anche gigantesche onde di tsunami che hanno colpito le coste sudamericane e hanno attraversato l’intero Oceano Pacifico, raggiungendo le Hawaii, il Giappone e le Filippine. Le perdite materiali dovute al terremoto e allo tsunami sono state di circa 550 milioni di dollari in Cile, 75 milioni di dollari alle Hawaii e 50 milioni di dollari in Giappone.

Pinguini in Cile

Il Cile è un Paese che vanta anche una grande varietà di fauna. Una delle popolazioni più affascinanti è quella dei pinguini, che vivono lungo tutta la costa del Paese. I pinguini di Humboldt, noti anche come pinguini peruviani, si trovano sulle coste del Cile e del Perù. Le coste centrali e meridionali del Paese sono invece abitate dai pinguini di Magellano.

pinguins in reservation punihuil on chiloe island in chilean patagonia
pinguins in reservation punihuil on chiloe island in chilean patagonia, licencja: shutterstock/By luciezr

Il vino

Un’altra curiosità sul Cile è la sua lunga storia di produzione di vino, che risale al XVI secolo. Gli immigrati francesi hanno certamente giocato un ruolo chiave nello sviluppo della cultura del vino. La loro vasta conoscenza della viticoltura ha certamente contribuito ad aumentare e diversificare la produzione della bevanda in questione. Inoltre, a metà del XIX secolo, vennero introdotte in Cile varietà di vino francesi come il Cabernet Sauvignon, il Merlot, il Carmenère e il Franc, che svilupparono ulteriormente l’industria vinicola del Paese. L’inculcazione delle idee enologiche francesi e l’avvento delle moderne tecnologie di vinificazione, tra cui i serbatoi di fermentazione in acciaio inox e le botti di rovere per l’invecchiamento del vino, hanno dato il via a una rinascita dell’industria vinicola cilena.

Il risultato di questi cambiamenti è stato un rapido aumento delle esportazioni e della produzione di vino di qualità. Il numero di aziende vinicole in Cile è aumentato in modo significativo, raggiungendo più di 70 nel 2005 rispetto alle sole 12 del 1995. Oggi il Cile occupa un posto di rilievo nel mondo del vino, essendo il quinto esportatore al mondo e il settimo produttore.

Prima settimana del tour

Primo giorno

Le opzioni alberghiere più interessanti a Santiago

I migliori hotel di Santiago a prezzi accessibili
Hotel CasaDeTodos (prenota qui)

Indirizzo: General Flores 120, Providencia, 7500537 Santiago

Disponibilità di camere: doppie e triple. Nell’ultima opzione è possibile scegliere, in base alla disponibilità, tra suite con un letto singolo e un letto matrimoniale e tre letti singoli.

Servizi:

  • trasferimento dall’aeroporto a pagamento
  • parcheggio privato gratuito in garage
  • Wi-Fi gratuito disponibile in tutta la struttura
  • accesso alla terrazza e al giardino

Prezzi a notte nel mese di luglio: a partire da 88 € (i prezzi nella guida sono indicati senza sconti per due persone in camera doppia)

Prezzi per notte a febbraio: da 88 €

Hotel Voila Londres (prenota qui)

Indirizzo: Londres 61, Santiago Centro, 6320000 Santiago

Disponibilità camere: suite con letto matrimoniale

Servizi:

  • Wi-Fi gratuito e pubblico
  • Trasferimento dall’aeroporto disponibile a pagamento

Prezzi a notte in luglio: da 50 €

Prezzi a notte in febbraio: da €50

Best Western Estacion Central (prenota qui)

Indirizzo: Avda. Libertador Bernando O’Higgins 3559 , 9161332 Santiago

Disponibilità camere: suite con due letti singoli o un letto matrimoniale

Servizi:

  • internet gratuito
  • parcheggio privato gratuito
  • presenza di un ristorante in loco specializzato in cucina internazionale per colazione, pranzo e cena
  • accesso a un bagno pubblico
  • possibilità di trasferimento dall’aeroporto a pagamento

Prezzi a notte in luglio: da 65 €

Prezzi a notte a febbraio: da 65 €

I migliori hotel di Santiago per famiglie con bambini
Boulevard Suites Ferrat (prenota qui)

Indirizzo: Av. Presidente Kennedy 5749, Las Condes, 7560356 Santiago

Disponibilità camere: camere con due letti singoli o un letto matrimoniale grande

Servizi:

  • presenza di un ristorante di cucina internazionale
  • piscina all’aperto gratuita
  • centro spa e benessere (accesso a sauna, jacuzzi, massaggi e trattamenti di bellezza, tra gli altri servizi)
  • internet gratuito
  • servizi per famiglie con bambini (servizio di babysitting, presenza di una sala giochi e di giochi da tavolo)

Prezzi a notte in luglio: da 124 €

Prezzi a notte a febbraio: da 136 €.

Departamento con Terraza R&M (prenota qui)

Indirizzo: Teatinos 690 – Región Metropolitana, Santiago Centro, 8340264 Santiago

Disponibilità camere: suite con un letto matrimoniale e un divano letto nel soggiorno e balcone o terrazza, e camere con un letto matrimoniale e un letto singolo in una camera da letto e un divano letto nel soggiorno.

Servizi:

  • accettazione di animali domestici senza costi aggiuntivi
  • trasferimento dall’aeroporto a pagamento
  • parcheggio privato a pagamento
  • Wi-Fi gratuito
  • accesso ai mobili da giardino

Prezzi a notte in luglio: da €52

Prezzi a notte in febbraio: da €54

City Express by Marriott Santiago Aeropuerto (prenota qui)

Indirizzo: Av. Américo Vespucio Oriente 1295, 8340422 Santiago

Disponibilità camere: suite con uno o due letti matrimoniali, nonché un letto matrimoniale e un divano letto

Servizi:

  • presenza di un centro fitness
  • accesso al bar e al ristorante in loco
  • parcheggio privato gratuito
  • Wi-Fi pubblico gratuito
  • trasferimento gratuito dall’aeroporto

Prezzi a notte in luglio: da € 111

Prezzi a notte a febbraio: da €123

I migliori hotel di lusso a Santiago
Hotel Magnolia Santiago (prenota qui)

Indirizzo: Paseo Huerfanos 539, Santiago Centro, 8320150 Santiago

Disponibilità camere: suite doppie con letto matrimoniale o due letti singoli

Servizi:

  • accesso a un ampio centro benessere, dove vengono offerti massaggi a diverse parti del corpo
  • presenza di una sala fitness
  • possibilità di trasferimento dall’aeroporto
  • serate a tema con cena
  • presenza di una terrazza solarium e di mobili da giardino
  • posizione nel centro della città

Prezzi a notte in luglio: da € 238

Prezzi a notte a febbraio: da € 376

The Ritz-Carlton, Santiago (prenota qui)

Indirizzo: Calle El Alcalde No. 15, Las Condes, 8320000 Santiago

Disponibilità camere: camere con un letto matrimoniale extra-large

Servizi:

  • presenza del ristorante Estro, aperto a pranzo e a cena
  • accettazione di animali domestici (a pagamento)
  • presenza di un punto vendita di skipass
  • parcheggio privato
  • centro benessere

Prezzi a notte in luglio: da 485 euro

Prezzi a notte in febbraio: da 375 euro

Hotel Boutique Le Reve (prenota qui)

Indirizzo: Orrego Luco 023 , Providencia, 7570000 Santiago

Disponibilità camere: una scelta di suite con un letto matrimoniale extra-large o due letti singoli

Servizi:

  • Wi-Fi gratuito e pubblico
  • trasferimento dall’aeroporto a pagamento
  • accesso al giardino e alla terrazza
  • possibilità di noleggiare biciclette
  • deposito sci

Prezzi a notte in luglio: a partire da 249 euro

Prezzi a notte in febbraio: da €260

I migliori ristoranti della città

Ristoranti a prezzi accessibili
Dominó

Indirizzo: Avenida Pedro de Valdivia # 28, Santiago 7510606

Cosa lo distingue:

  • panini gustosi
  • servizio cordiale e veloce
El Rápido

Indirizzo: Bandera 347 Santiago Centro, costado de la Corte Suprema, Santiago 8320298

Cosa lo distingue:

  • servizio veloce
  • deliziose empanadas fritte
Fuente Alemana

Indirizzo: Avenida Pedro de Valdivia 210, Santiago

Cosa lo distingue:

  • gustosi panini di manzo churrasco alla griglia
Ristoranti di fascia media
Ciudad Vieja

Indirizzo: Constitución 92 Barrio Bellavista, Santiago 8320000

Cosa lo distingue:

  • un’insolita sanguchería, specializzata nella preparazione di deliziosi panini e altri spuntini
  • un luogo ideale per un drink rinfrescante con gli amici
Galindo

Indirizzo: Dardignac 98, Santiago 8320000

Cosa lo distingue:

  • cucina tradizionale cilena; deliziosi ”pastel de choclo” (torta di mais ripiena di carne, olive e cipolle) e ”arrollado de huaso” (involtini di maiale)
  • posizione centrale nel quartiere Bellavista, una delle zone più frequentate di Santiago.
Scoperta del Vietnam

Indirizzo: Av Vitacura 4089 Barrio mañio, frente a supermercado Lider, Santiago 7630000

Cosa lo distingue:

  • uno dei migliori ristoranti vietnamiti della città
  • buon rapporto qualità/prezzo del cibo servito
Ristoranti esclusivi
Boragó

Indirizzo: Av. San José María Escrivá de Balaguer 5970, Santiago

Cosa lo distingue:

  • La capitale dell’alta cucina cilena
Donde Augusto

Indirizzo: San Pablo 967 Mercado Central, Santiago 8320009

Cosa lo distingue:

  • piatti deliziosi a base di pesce fresco
Baco Vino y Bistro

Indirizzo: Nueva de Lyon 113 Providencia, Santiago 7510054

Cosa lo distingue:

  • Ristorante francese nel quartiere di Providencia
  • una delle migliori carte dei vini

Storia di Santiago

Dalla preistoria all’epoca coloniale

La storia di Santiago, la capitale del Cile, risale alla preistoria, quando la zona del bacino di Santiago era abitata da gruppi di cacciatori-raccoglitori nomadi. Nella seconda metà del primo millennio d.C., i primi coloni permanenti iniziarono a formare comunità agricole lungo il fiume Mapocho. Coltivarono mais, patate, fagioli e allevarono lama.

Tra la fine del XV secolo e l’inizio del XVI, l’area dell’attuale Santiago subì l’influenza dell’Impero Inca. La fortezza Huaca de Chena e il santuario Inca sulla cima del Cerro El Plomo sono una testimonianza di quest’epoca. Tuttavia, il regno degli Inca fu interrotto dall’invasione dei conquistadores. Pedro de Valdivia, inviato nella zona dell’attuale capitale del Cile da Francisco Pizarro del Perù, fondò ufficialmente la città di Santiago del Nuevo Extremo il 12 febbraio 1541.

Gli inizi nelle nuove terre, tuttavia, furono difficili per gli spagnoli. I primi anni di Santiago furono segnati da gravi difficoltà, come la carenza di cibo e la scarsità di materie prime fondamentali. Gli indigeni locali, appartenenti al popolo Picunche, seguirono una strategia di abbandono dei terreni agricoli, che lasciò gli spagnoli isolati e li costrinse a mangiare tutto ciò che trovavano. La mancanza di vestiti portò alcuni spagnoli a doversi vestire con pelli di cani, gatti, leoni marini e volpi. Nonostante queste e altre difficoltà dovute agli attacchi degli indigeni, ai terremoti e alle inondazioni, la città cominciò a crescere rapidamente. Nel corso degli anni gli spagnoli riuscirono a migliorare le infrastrutture di trasporto di Santiago, ad erigere molti templi cattolici e ad espandere la città.

Il XIX secolo e la prima metà del XXI secolo

A partire dal XIX secolo, Santiago, come molte altre città sudamericane, ha vissuto un periodo di rapido sviluppo e modernizzazione. Dopo l’indipendenza, la città ha iniziato a costruire numerosi edifici chiave, oltre a istituzioni culturali e parchi cittadini. La rete ferroviaria che porta ad altre regioni del Paese è stata a sua volta notevolmente ampliata, fornendo ai residenti un efficiente trasporto pubblico.

L’afflusso di persone dalla campagna e di immigrati dall’Europa ebbe un enorme impatto sulla crescita demografica della capitale. Il censimento del 1920 stimò la popolazione di Santiago a 507.296 abitanti, pari al 13,6% della popolazione totale del Cile. Questo rappresenta un aumento del 52,5% rispetto al censimento del 1907. I decenni successivi videro un’ulteriore crescita della popolazione. Nel 1940 la città contava 952.075 abitanti, nel 1952 già 1.350.409 e, secondo il censimento del 1960, 1.907.378 abitanti.

Gli anni ’60 e ’70 e i primi anni dopo la transizione democratica

La Coppa del Mondo di calcio del 1962, tenutasi in Cile, contribuì ad aumentare il profilo e la popolarità di Santiago. Negli anni successivi si cercò di promuovere lo sviluppo sostenibile, prestando particolare attenzione al miglioramento delle condizioni di vita dei residenti svantaggiati. A tal fine, furono avviate le operazioni di sgombero delle baraccopoli e la costruzione di nuove abitazioni. Nel 1967 è stato inaugurato l’aeroporto internazionale Arturo Merino Benítez. In questo stesso periodo iniziò anche la costruzione della linea metropolitana. Gli eventi qui descritti sono stati pietre miliari nello sviluppo della città, contribuendo a rendere Santiago un importante centro politico, culturale, di comunicazione ed economico del Cile.

A causa del colpo di Stato militare del 1973 e dell’instaurazione di un regime militare, i cambiamenti significativi nella pianificazione urbanistica di Santiago iniziarono a concretizzarsi solo negli anni ’80, quando il nuovo governo democratico introdusse un modello economico neoliberale. Nel 1979, il piano regolatore fu modificato, con conseguente espansione dell’area urbana. Purtroppo, il 3 marzo 1985 un forte terremoto colpì la città, lasciando molte persone senza casa e distruggendo molti edifici storici.

Con l’avvento della transizione politica nel 1990, la popolazione di Santiago è aumentata a quattro milioni. Negli anni successivi, alcune zone della capitale sono diventate un’attrattiva per numerose aziende e società finanziarie. Questo processo ha dato vita a un centro commerciale moderno e fiorente, noto come Sanhattan. Purtroppo, la città ha dovuto affrontare anche problemi di sviluppo disorganizzato. Durante i mesi invernali, l’inquinamento atmosferico raggiungeva livelli critici, con uno strato di smog che ricopriva l’intera città. In risposta a queste sfide, le autorità hanno attuato misure legislative per ridurre l’inquinamento industriale e imposto restrizioni all’uso dei veicoli. Per migliorare la situazione dei trasporti, la rete metropolitana è stata sottoposta a un’importante espansione.

Cityscape skyscrapers view of sanhattan, a modern financial district of santiago de chile city.
Cityscape skyscrapers view of sanhattan, a modern financial district of santiago de chile city., licencja: shutterstock/By danflcreativo
La modernità

Entrando nel XXI secolo, Santiago ha continuato il suo rapido sviluppo. L’inizio di questo secolo è caratterizzato dalla presenza di una tendenza alla costruzione di edifici alti. Nel 2010 è stato costruito il Titanium La Portada, il secondo grattacielo più alto del Cile, e nel 2013 è stata completata la struttura più alta dell’America Latina, il grattacielo Gran Torre Costanera. Il 27 febbraio 2010, tuttavia, Santiago è stata colpita da un altro potente terremoto che ha causato danni ingenti. Molti edifici più vecchi hanno subito danni e alcune strutture moderne sono risultate inabitabili. L’evento ha scatenato accesi dibattiti sulla necessità di introdurre norme antisismiche obbligatorie nell’architettura moderna della città.

Museo della Memoria e dei Diritti Umani (facoltativo)

Se ne abbiamo la possibilità, al nostro arrivo a Santiago possiamo visitare il Museo della Memoria e dei Diritti Umani (Museo de la Memoria y los Derechos Humanos).

Come raggiungere il museo?

Uno dei mezzi di trasporto più comodi per raggiungere rapidamente il museo da molte parti della città è la metropolitana. Proprio accanto al Museo de la Memoria y los Derechos Humanos si trova la stazione della metropolitana Quinta Normal. L’area intorno al museo è raggiungibile anche in autobus.

Storia del museo

La storia del Museo de la Memoria y los Derechos Humanos di Santiago è fortemente legata al coinvolgimento personale dell’allora presidente del Cile, Michelle Bachelet. Nel 2007, Bachelet annunciò il progetto di costruire un museo della memoria e lanciò un concorso di progettazione architettonica. La prima pietra del museo è stata posata personalmente da lei, che è stata vittima di torture durante la dittatura di Augusto Pinochet.

Al termine dei lavori di costruzione, il 3 dicembre 2009 è stato nominato il consiglio di amministrazione del museo. Michelle Bachelet ha avuto l’onore di inaugurare il museo l’11 gennaio 2010, solo due mesi prima della fine del suo mandato. Il suo coinvolgimento come ex prigioniera politica ha conferito al museo una dimensione e un significato speciali.

Le collezioni

Le collezioni presenti nel museo comprendono una varietà di oggetti che commemorano le vittime del regime della giunta militare che ha governato il Cile. Si tratta di opere e manufatti creati dalle stesse vittime, oggetti di artigianato carcerario e ricordi personali. Inoltre, il museo raccoglie il patrimonio materiale e i resti, presentando la realtà e gli eventi delle stanze in cui le vittime furono detenute, le torture, le sepolture e altri memoriali. La collezione comprende anche oggetti legati a manifestazioni e proteste.

Il Museo de la Memoria y los Derechos Humanos possiede anche una ricca collezione di documenti d’archivio che riflettono la storia delle violazioni dei diritti umani e le azioni di difesa intraprese da individui, organizzazioni sociali e istituzioni per i diritti umani.

Le mostre
Mostre temporanee

All’interno del Museo de la Memoria y los Derechos Humanos di Santiago, anche le mostre temporanee svolgono un ruolo importante, costituendo una parte tematicamente diversa delle esposizioni del museo, spesso riferite a questioni sociali contemporanee e a questioni più contestuali. Uno dei progetti più recenti di questo tipo è ”Las palabras… ¡NO! (parole… NO!), un progetto tessile collettivo che si svolge da quattro anni per commemorare il 25 novembre, Día Internacional por la Eliminación de la Violencia contra la Mujer (Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne).

Un’altra iniziativa interessante è la mostra “Mujeres en la Resistencia” (Donne nella Resistenza), che presenta più di sessanta fotografie scattate dall’AFI (Asociación de Fotógrafos Independientes Histórica – associazione di fotografi storici indipendenti). Queste fotografie mostrano l’eroica resistenza e la lotta delle donne tra il 1973 e il 2023, creando un quadro commovente del loro coinvolgimento nella resistenza e della loro ricerca di giustizia.

”Lo que nos queda por hablar” (Quello di cui dobbiamo ancora parlare) è un altro progetto che è un dialogo di memorie sulle dittature in Spagna e in Cile. Questa mostra è di particolare importanza perché si svolge in un momento chiave per il Cile, legato al 50° anniversario del colpo di Stato, e per la Spagna, che sta lavorando all’attuazione della Legge sulla Memoria Storica. Questo progetto fornisce una piattaforma per discutere di argomenti difficili e costruire una comprensione comune delle esperienze storiche di entrambi i Paesi.

Il link a tutte le mostre temporanee del museo, in corso e archiviate, è disponibile cliccando qui.

Mostre itineranti e permanenti

Il Museo de la Memoria y los Derechos Humanos, in quanto istituzione nazionale, porta attivamente le sue collezioni in varie località del Paese, consentendo così al grande pubblico di accedere ad archivi documentari e manufatti relativi agli eventi del periodo della dittatura. Per informazioni sulle mostre itineranti, è possibile visitare il sito web, disponibile qui.

Tra le mostre permanenti del complesso museale, vi sono anche opere artistiche che fanno parte integrante e permanente dell’esposizione. Una di queste è La Geometria de la Conciencia (La geometria della coscienza) di Alfredo Jaar, opera del 2010, un’installazione artistica sotterranea che offre uno spazio unico. Grazie alla sua specifica costruzione, si respira un’atmosfera insolita che permette al visitatore di accedere a un’esperienza unica. È bene ricordare, tuttavia, che l’ingresso nello spazio chiuso richiede un certo adattamento percettivo da parte del visitatore del museo, in modo che la vista dello spettatore possa sperimentare i cambiamenti di intensità della luce in modo fluido e non invasivo. Questa transizione tra luce e buio può avere una dimensione metaforica insolita, stimolando varie associazioni e riflessioni incentrate sui temi della presenza, della scomparsa e della memoria, a seconda dell’esperienza individuale di ciascun visitatore. Cosa nascondono gli spazi sotterranei? Il modo migliore per scoprirlo è visitare il museo di persona.

Inoltre, il complesso museale presenta un murale di Jorge Tacla, ispirato a una recente poesia del poeta e attivista sociale cileno Víctor Jara. L’opera, situata all’ingresso principale del museo, è stata realizzata in collaborazione con artisti e saldatori, riunendo gruppi professionali diversi e stabilendo un rapporto trasversale tra loro.

I valori educativi del museo

Il Museo della Memoria e dei Diritti Umani svolge un ruolo importante anche nel campo dell’educazione, collaborando con molti istituti didattici e fornendo a insegnanti ed educatori preziosi materiali didattici. L’istituzione organizza anche corsi di formazione e laboratori partecipativi, ponendo l’accento sulla riflessione e sul dialogo tra i partecipanti. Il suo lavoro di promozione della consapevolezza dei diritti umani e del ricordo si manifesta con l’utilizzo del museo come una ricca risorsa educativa per sensibilizzare, riflettere e dialogare sui crimini commessi durante la dittatura e sulla lotta per i diritti umani, affrontando anche questioni sociali attuali.

Secondo lo studio del 2021 sull’impatto del museo sui visitatori, gli studenti cileni che hanno visitato il museo hanno mostrato un maggiore sostegno alle istituzioni democratiche e una maggiore propensione a rifiutare le istituzioni associate al periodo della repressione. È stato inoltre rilevato un maggiore sostegno alle iniziative volte a migliorare le politiche di giustizia sociale, indipendentemente dalle loro radici ideologiche. La ricerca ha anche dimostrato la persistenza di questi effetti per sei mesi dopo la visita al museo. Si suggerisce inoltre che l’impatto emotivo del museo possa influenzare i cambiamenti negli atteggiamenti civici, che a loro volta possono avere importanti conseguenze sui processi di riconciliazione.

Orari di apertura

Il museo è aperto dal martedì alla domenica dalle 10:00 alle 18:00.

Prezzi dei biglietti

L’ingresso al museo è gratuito.

Contatti

Indirizzo e-mail: visitaguiadas@mmdh.cl

Whatsapp: +56942918742

Secondo giorno

Sky Costanera

Landscape of Santiago de Chile from the Sky Costanera Observatory - Santiago de Chile, Chile
Landscape of Santiago de Chile from the Sky Costanera Observatory – Santiago de Chile, Chile, licencja: shutterstock/By Bernard_Barroso
Come accedere alla Sky Costanera?

L’accesso alla SkyCostanera è estremamente facile. I viaggiatori possono utilizzare diverse comode opzioni di trasporto pubblico, tra cui gli autobus. Le fermate si trovano proprio di fronte al complesso e permettono di raggiungere una delle attrazioni più famose di Santiago da molte parti della città. La vicinanza di due stazioni della metropolitana, Los Leones e Tobalaba (L1-L4), aumenta la comodità di raggiungere il sito. Da entrambe le stazioni è possibile raggiungere SkyCostanera a piedi in soli sei minuti.

Che cos’è Sky Costanera?

SkyCostanera è un punto di osservazione, situato al 61° e 62° piano dell’imponente grattacielo Gran Torre Costanera, che offre ai turisti una straordinaria esperienza visiva. Il punto di osservazione, situato agli ultimi piani dell’edificio più alto del Sud America, offre ai visitatori una vista panoramica a 360 gradi, che comprende, tra l’altro, il Parque Metropolitano de Santiago e le Ande. Ammirare la città da questa incredibile prospettiva sarà sicuramente un piacere per molti amanti della natura.

Servizi
Bar e caffè Sky 300

La SkyCostanera offre ai suoi ospiti non solo una straordinaria esperienza visiva, ma anche strutture di ristorazione uniche. Parte di questo complesso unico è lo Sky 300 Bar & Coffee, un locale elegante dove gli amanti dei sapori esclusivi possono gustare cocktail esclusivi e piatti deliziosi disponibili nell’ampio menu del ristorante. Il tutto a un’impressionante altitudine di trecento metri, che offre una vista indimenticabile sulla campagna di Santiago.

Opportunità organizzative

Inoltre, SkyCostanera offre ai visitatori spazi per organizzare vari tipi di eventi, più o meno formali.

Suggerimenti per pianificare la visita

Quando si pianifica la visita alla SkyCostanera, è sicuramente opportuno verificare le condizioni meteorologiche, poiché il tempo ha un impatto estremamente importante sulla visibilità dalla terrazza. Per informazioni meteorologiche aggiornate, vale la pena visitare il sito ufficiale di SkyCostanera.

Prezzi dei biglietti

I biglietti di SkyCostanera hanno prezzi variabili. L’ingresso per un adulto (sopra i tredici anni) costa circa 16 euro, per i bambini di età compresa tra i 4 e i 12 anni costa 6 euro, mentre i bambini sotto i tre anni entrano gratis.

Orari di apertura

L’attrazione è aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 22.00, consentendo ai visitatori di pianificare la propria visita con la massima flessibilità.

Contatti

Telefono: +56 2 2916 9269

Parco Araucano

Come arrivare al Parque Araucano?

Il Parque Araucano, il parco più famoso della capitale cilena, è facilmente raggiungibile dal centro di Santiago. Il mezzo di trasporto più comodo è la metropolitana: prendendo la linea Línea 1, ci si ferma alla stazione di Manquehue e da lì si arriva direttamente al parco (la passeggiata dura circa quindici minuti). In alternativa, potete prendere gli autobus della compagnia di trasporti Red Metropolitana de Movilidad. Si tenga presente, tuttavia, che questa opzione può comportare dei trasferimenti, che possono aumentare notevolmente il tempo di percorrenza. È consigliabile controllare di persona i dettagli dei percorsi specifici degli autobus, ad esempio su Google Maps. Questo ci permetterà di pianificare bene il nostro percorso e di concordare la nostra destinazione con il nostro punto di partenza.

parque araucano in santiago de chile
parque araucano in santiago de chile, licencja: shutterstock/By milua
Le attrazioni

Il Parque Araucano è un importante centro culturale, situato nella parte occidentale della zona di Las Condes, che è un importante centro economico sia per Santiago che per l’intero Paese. Il luogo ospita numerosi festival ed eventi culturali, che lo rendono attraente per i locali e i turisti. Per i più piccoli, un’attrazione interessante è sicuramente KidZania, un centro di intrattenimento ed educativo per bambini, che offre esperienze interessanti e informazioni preziose in vari campi. Per saperne di più sulle attrazioni disponibili e per pianificare una visita, visitate il sito ufficiale di KidZania, disponibile a questo link.

Il parco Araucano dispone anche di aree gioco standard, skatepark, pista di pattinaggio, campi da tennis e aree picnic. Una caratteristica architettonica interessante è la scultura “Ofrenda” di María Angélica Echavarri del 2012. Questa imponente installazione artistica è un omaggio al popolo Mapuche. La forma della scultura fa chiari riferimenti alla loro cultura, compresi gli strumenti a percussione e il motivo del cerchio. La scultura fa anche riferimento al numero simbolico 4, che ha un significato per gli indigeni della regione in termini di numero di stagioni e fasi lunari. Al centro dell’installazione, tra le figure in acciaio, si trova una fontana, che aggiunge fascino a questo luogo unico.

I dintorni del parco

Il Parque Araucano è un luogo circondato da varie attrazioni che possono rendere più interessante una visita a Santiago. Accanto al parco si trova un grande centro commerciale, il Mall Parque Arauco, inaugurato nel 1982. Si tratta di uno dei più antichi centri commerciali di questo tipo in Cile e di un luogo ideale per gli amanti dello shopping, che offre una vasta gamma di negozi.

Direttamente adiacente al Parque Araucano si trova un altro parco, separato solo dalla strada Avenida Manquehue Norte: il Parque Juan Pablo II. Il nome di questo parco si riferisce, ovviamente, al Papa polacco Giovanni Paolo II, ben noto a tutti. A parte questo, è un luogo ideale per fare una passeggiata e rilassarsi in uno spazio verde e in un’atmosfera tranquilla.

Museo Chileno de Arte Precolombino (facoltativo)

Come raggiungere il museo?

L’accesso al Museo Chileno de Arte Precolombino è garantito, tra l’altro, dagli autobus. Se percorrete via Compañía de Jesús, le linee 504, 505, 508 o 514 vi permetteranno di raggiungere il museo. Altri percorsi includono la via Santo Domingo, dove linee di autobus come 303, 307, 314, 315, 214 assicurano un viaggio agevole fino alla destinazione. Inoltre, percorrendo l’arteria San Antonio, si possono utilizzare le seguenti linee: 404, 517, B02, B30, B31, 307, 203, 206, 207, 208, 214, 226, 230. Buoni collegamenti con il museo sono assicurati anche dalle stazioni della metropolitana vicine al Museo Chileno de Arte Precolombino, come Plaza de Armas (L5-L3) e Universidad de Chile (le informazioni sulle linee degli autobus e sulle stazioni della metropolitana sono state verificate sul sito ufficiale del museo).

Collezione di mostre

Il Museo Chileno de Arte Precolombino ha una collezione impressionante, incentrata principalmente su reperti provenienti da aree di culture precolombiane. La sua collezione comprende più di tremila manufatti, che rappresentano quasi cento gruppi etnici diversi. Vale la pena ricordare che la collezione del museo è estremamente diversificata dal punto di vista geografico, coprendo aree che vanno dal Messico all’Ecuador e al Perù, fino al Cile e all’Argentina. I reperti provenienti da ogni regione testimoniano l’incredibile diversità della cultura materiale dei popoli che abitavano l’America Latina nel periodo precolombiano. I manufatti esposti illustrano inoltre i diversi aspetti della vita quotidiana, delle credenze e dell’arte delle comunità indiane.

Mostre temporanee

Sin dalla sua nascita, all’inizio degli anni Ottanta, il museo è stato regolarmente coinvolto nell’organizzazione di mostre temporanee. Sebbene la maggior parte di esse si concentri sulla valorizzazione del patrimonio delle civiltà indiane, in passato sono state organizzate anche mostre più esotiche, da una prospettiva indigena. Nel 1993, il museo ha sorpreso il pubblico con una presentazione di arazzi provenienti dalla Romania, la cui esposizione aveva a che fare con la visita ufficiale del presidente di quel Paese in Cile. In questo modo, il museo non solo espone il patrimonio precolombiano, ma promuove anche lo scambio culturale internazionale e il dialogo tra società diverse.

Corsi e laboratori

Il Museo Chileno de Arte Precolombino non è solo uno spazio espositivo, ma anche un centro educativo che offre ai visitatori l’accesso a corsi e laboratori stimolanti.

Nell’ambito della sua offerta educativa, il Museo Chileno de Arte Precolombino organizza regolarmente laboratori, tra i quali particolarmente apprezzati sono i corsi di modellazione della ceramica. Durante questi, i partecipanti hanno l’opportunità di scoprire aspetti meno noti dell’arte precolombiana attraverso un’esperienza pratica, che sicuramente aumenta il fascino di una visita al museo.

Inoltre, il museo ospita regolarmente eventi che coinvolgono i visitatori attraverso installazioni interattive. Queste mostre partecipative creano un’atmosfera unica e consentono ai partecipanti di assumere un ruolo attivo nella scoperta della storia e dell’arte precolombiana.

Materiale didattico in forma digitalizzata

Il museo si impegna inoltre ad accedere a materiale didattico in forma digitalizzata. Cliccando qui, i visitatori avranno accesso a un ampio archivio contenente, tra l’altro, materiale audiovisivo sulla popolazione indigena, sul lavoro del museo e splendide fotografie che ritraggono gli indigeni, i paesaggi locali e l’architettura precolombiana. Inoltre, sono disponibili registrazioni dei suoni emessi dagli strumenti precolombiani conservati nel museo, oltre a canzoni popolari tradizionali.

Negozio

Il Museo Chileno de Arte Precolombino dispone anche di un negozio online che offre un’ampia gamma di prodotti legati al patrimonio della popolazione locale. L’offerta comprende, tra l’altro, cataloghi dedicati all’arte precolombiana cilena, guide alle mostre e altri accessori. Quest’ultima categoria comprende borse, astucci, penne, matite e molti altri prodotti unici.

Prezzi dei biglietti

Per quanto riguarda i biglietti del museo, i turisti stranieri possono visitare il Museo Chileno de Arte Precolombino a 10 euro. Informazioni dettagliate sulle opzioni per i biglietti sono disponibili qui. Vale la pena notare che il museo offre visite gratuite ai turisti stranieri e cileni la prima domenica del mese, nonché in occasione di festeggiamenti di compleanno.

Orari di apertura

Il Museo Chileno de Arte Precolombino è aperto dal martedì alla domenica, dalle 10:00 alle 18:00. L’ultimo ingresso è possibile alle 17:15.

Dettagli di contatto

Per contattare il Museo Chileno de Arte Precolombino è possibile utilizzare i seguenti recapiti: numero di telefono: +56 2 29281500, indirizzo e-mail: informaciones@museoprecolombino.cl. Se invece siete interessati a organizzare una visita didattica, la registrazione è possibile visitando la pagina allegata o inviando una e-mail a: Visita@museoprecolombino.cl.

Terzo giorno

Centro culturale Gabriela Mistral

Come si arriva al Centro Cultural Gabriela Mistral?

Il terzo giorno del tour di Santiago, visiteremo il centro culturale intitolato a Gabriela Mistral, poetessa cilena e premio Nobel per la letteratura. Per arrivarci con i mezzi pubblici, è meglio usare la metropolitana. La stazione della linea 1 della metropolitana (Línea 1) si trova a soli 150 metri dal Centro Cultural Gabriela Mistral.

Indirizzo: Av Alameda Libertador Bernardo O’Higgins 227, 8320275 Santiago

Storia del centro culturale

Il Centro culturale intitolato a Gabriela Mistral è stato originariamente costruito come luogo di incontro per la Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo, un organo sussidiario delle Nazioni Unite, nel 1972. A questo proposito, vale la pena menzionare più in generale il contesto storico in cui il sito è stato costruito.

A causa dell’urgenza di creare un centro congressi sul sito, legato alla conferenza dell’UNCTAD, la costruzione di questo complesso avvenne a ritmo quasi accelerato. Grazie anche all’impegno di diverse migliaia di volontari, sono bastati 275 giorni per completarlo. Questa impresa unica nel suo genere era parte integrante dell’iniziativa di propaganda introdotta dal governo socialista di Salvador Allende, al potere in Cile dalla fine del 1970 al settembre 1973.

Dopo la conferenza, l’edificio è stato utilizzato come centro culturale fino al colpo di Stato della giunta militare nel 1973. Dopo il rovesciamento del regime di Pinochet, l’edificio è stato sede di numerosi congressi e la torre adiacente è diventata l’edificio centrale del Ministero della Difesa Nazionale. All’inizio del 2006, tuttavia, un incendio ha consumato parte del complesso, spingendo il governo di Michelle Bachelet a ripristinare lo scopo originario dell’edificio e a renderlo di uso pubblico come centro culturale.

Il Centro Cultural Gabriela Mistral è diventato operativo nel settembre 2010 e offre ai visitatori un’esperienza culturale unica.

Attrazioni disponibili presso il Centro Cultural Gabriela Mistral
Teatro, danza e musica

Il Centro Cultural Gabriela Mistral è anche un luogo di ritrovo che offre un’ampia varietà di attrazioni culturali. L’obiettivo principale del centro è quello di promuovere e favorire le arti dello spettacolo e la musica, creando un ambiente culturale dinamico.

Con eventi organizzati regolarmente, il Centro Cultural Gabriela Mistral punta sulla diversità e sulla profondità dell’espressione artistica. Gli spettacoli teatrali, che spesso toccano temi sociali universali e di attualità, sono parte integrante dell’offerta. Gli spettacoli del centro non sono solo una forma di intrattenimento, ma anche un mezzo di espressione che permette agli artisti di trasmettere messaggi importanti, spesso legati a questioni importanti che riguardano gli esseri umani in quanto membri di una comunità che affronta le sfide del mondo moderno.

Anche la danza contemporanea gioca un ruolo importante nel repertorio del centro culturale, dove le performance interdisciplinari dei danzatori trasmettono messaggi importanti. Le loro coreografie sono spesso intrise di messaggi che contengono profonde riflessioni sulla condizione umana nel XXI secolo.

Inoltre, al Centro Cultural Gabriela Mistral vengono regolarmente organizzati eventi musicali che arricchiscono il panorama culturale della sede. Gli spettacoli musicali arricchiscono la diversità dell’offerta del centro, attirando amanti della musica con interessi e preferenze diverse.

Attraverso questi testi culturali, il Centro Cultural Gabriela Mistral stimola la riflessione sulle sfide contemporanee e sui valori sociali.

Laboratori

Il centro coinvolge i visitatori anche attraverso l’organizzazione di una serie di workshop. Gran parte dell’offerta è costituita da laboratori rivolti ai bambini, che mirano a sviluppare le funzioni cognitive dei più piccoli promuovendo l’abitudine alla lettura. Questi incontri interattivi aiutano ad assimilare conoscenze importanti e interessanti in modo attraente e accessibile per i bambini di tutte le età.

Tuttavia, non sono solo i più piccoli ad avere la possibilità di beneficiare della ricca offerta di laboratori. Il Centro Cultural Gabriela Mistral organizza anche eventi di lettura dedicati agli adulti e agli anziani. Questi eventi letterari offrono l’opportunità di condividere letture, discutere di argomenti letterari e scoprire insieme l’affascinante mondo dei libri.

Inoltre, il centro organizza regolarmente workshop per migliorare le conoscenze e le competenze dei partecipanti nel campo della consapevolezza e della sensibilità sociale. Questi corsi forniscono ai partecipanti gli strumenti per comprendere le sfide sociali contemporanee e formare una visione più informata del mondo che li circonda.

Mostre

Il Centro Cultural Gabriela Mistral ospita anche mostre regolari che, come le attrazioni precedentemente descritte, hanno una dimensione temporale. Una delle mostre attuali presenta la vita quotidiana nell’arte popolare, evidenziando il valore culturale, materiale, simbolico ed estetico nascosto in oggetti apparentemente banali e nei processi della loro creazione. Un altro spazio espositivo riunisce una varietà di installazioni artistiche, creando una mostra collettiva che presenta tre diverse prospettive contemporanee sull’ambiente e sulla società. Si tratta quindi di un luogo che non solo offre intrattenimento, ma ispira ed educa, creando uno spazio aperto a diverse forme di arte e creatività.

Prezzi d’ingresso

L’ingresso all’affascinante mondo del Centro Cultural Gabriela Mistral è completamente gratuito, rendendo il luogo accessibile al pubblico e creando uno spazio aperto a tutti gli interessati.

Orari di apertura

Lo spazio principale del complesso, noto come Edificio GAM, accoglie i visitatori dal lunedì alla domenica, dalle 9.00 alle 22.00. Tuttavia, è bene notare che gli orari di apertura possono variare a seconda delle aree specifiche del complesso. Questo vale per aree come le sale espositive, l’ufficio informazioni, la biglietteria, gli spazi artistici (Espacio B Citylab e Espacio B Lira Arte Público), la caffetteria, la fiera dell’antiquariato, il parcheggio o il bookshop.

Il centro offre anche un’interessante possibilità di trascorrere del tempo in BiblioGAM, dove sono disponibili sale studio e riunioni che possono essere prenotate presso la reception della biblioteca. Queste sale sono disponibili per 2-4 persone e consentono ai visitatori di utilizzare comodamente lo spazio per un massimo di due ore.

Social media Centro culturale Gabriela Mistral

Chi desidera tenersi aggiornato sugli eventi del Centro Cultural Gabriela Mistral può seguire le attività del centro sui social media. I post di notizie regolari si trovano sotto il nome di @centrogam su Twitter, Instagram e Facebook.

Dettagli di contatto

Per contattare direttamente il Centro Cultural Gabriela Mistral, è possibile scrivere all’e-mail ufficiale del centro: info@gam.cl o chiamare i seguenti numeri di telefono +2 2566 5500 / +2 2566 5570.

Museo interattivo Mirador

Un’altra affascinante attrazione che possiamo scoprire nel nostro terzo giorno in Cile è il Museo Interattivo Mirador. Si tratta di un luogo straordinario che, grazie alla sua combinazione unica di apprendimento, divertimento e interazione, offre una straordinaria esperienza educativa che i visitatori di ogni età e interesse apprezzeranno sicuramente.

Come raggiungere il Museo Interattivo Mirador?

Una delle opzioni principali per raggiungere il museo è la metropolitana. Se decidete di raggiungere la destinazione con questo mezzo di trasporto, dovrete scendere alla stazione Pedrero della linea 5 e da lì prendere l’autobus E05, che vi porterà alla stazione Sebastopol – MIM, situata accanto al museo. In alternativa, è possibile prendere la linea di autobus 385 dalla stazione della metropolitana Mirador. Tutti i dettagli sulle diverse possibilità di accesso sono disponibili sul sito ufficiale del museo.

Indirizzo: Av. Punta Arenas 6711, La Granja, Región Metropolitana

Spazi all’interno del complesso
Il padiglione principale

Il Museo interattivo Mirador offre diversi spazi da esplorare. Il padiglione principale è il cuore del museo e funge da spazio espositivo centrale. Qui i visitatori hanno l’opportunità di scoprire straordinarie installazioni scientifiche disposte in sale tematiche. Questo spazio interattivo permette ai visitatori di conoscere una varietà di scienze, tra cui la biologia, la geologia, la matematica, la fisica e molti altri campi, offrendo un’esperienza indimenticabile. Vale la pena di esplorare le informazioni dettagliate sulle varie sale espositive disponibili qui.

Padiglione dell’astronomia

Un’altra parte affascinante del Museo Interattivo Mirador è il padiglione astronomico, la più grande esposizione dell’America Latina dedicata alle tematiche astronomiche. In questo spazio unico, i visitatori hanno l’opportunità di esplorare i segreti del cosmo, scoprendo informazioni dettagliate sulle galassie, le stelle, il sistema solare, la gravità, l’astrobiologia, oltre a conoscere l’affascinante storia dell’Universo. Inoltre, lo spazio permette di comprendere gli aspetti legati all’osservazione del cielo con un telescopio, offrendo un’esperienza interattiva ed educativa.

Il parco

Un altro spazio notevole all’interno del complesso museale è il Parco MIM (Museo Interattivo Mirador). Si estende su una superficie di dodici ettari, offrendo non solo pittoreschi spazi verdi ma anche settori che incoraggiano l’esplorazione e la conoscenza.

Uno degli elementi chiave di questo parco è il Jardín Musical, dove i visitatori hanno la possibilità di sperimentare una varietà di suoni interagendo con strumenti dal design creativo. Non si tratta solo di una piacevole esperienza musicale, ma anche di un viaggio educativo nel mondo del suono.

Un altro elemento affascinante del Parco MIM è lo spazio Plaza Solar, che offre un modo originale per comprendere le funzioni e il significato del sole.

Altre attrazioni

Le interessanti opzioni di intrattenimento e apprendimento non si esauriscono tuttavia con le mostre già descritte. Il Museo Interattivo Mirador offre infatti anche altre attrazioni che rendono la visita indimenticabile.

Un’opzione creativa per trascorrere il tempo al museo è sicuramente quella di partecipare a un’affascinante dimostrazione con il generatore elettrostatico di Van de Graaff. Inoltre, c’è la possibilità di osservare un pendolo elettromagnetico in movimento sul terreno del museo e di sperimentare un terremoto in condizioni controllate.

Notizie sul museo

Per tenersi aggiornati sulle ultime novità relative al museo, visitate il sito web per le ultime notizie e gli eventi relativi al Museo Interattivo Mirador.

Visita virtuale del museo

Inoltre, per coloro che desiderano visitare il museo senza uscire di casa, il sito web del museo offre la possibilità di fare un tour virtuale dei diversi spazi espositivi. Questo è perfetto per coloro che vogliono sperimentare l’atmosfera unica del museo e vedere le mostre, anche se non hanno l’opportunità di visitare il Museo Interattivo Mirador di persona.

Prezzi d’ingresso

I prezzi d’ingresso al Museo Interattivo Mirador coprono diverse categorie di età e gruppi sociali. L’ingresso per gli adulti (di età compresa tra i 18 e i 59 anni) costa 7 euro, mentre i bambini di età compresa tra i 2 e i 18 anni possono usufruire di un biglietto di 6 euro (i bambini sotto i 2 anni entrano gratuitamente). Le persone disabili accompagnate da un accompagnatore, gli anziani sopra i 60 anni e gli insegnanti hanno l’ingresso gratuito. Informazioni dettagliate sui prezzi dei biglietti sono disponibili sul sito ufficiale del museo. I biglietti possono essere acquistati online tramite una piattaforma di acquisto disponibile a questo indirizzo.

Orari di apertura

Il museo è aperto dal martedì alla domenica e accoglie i visitatori dalle 10.30 alle 18.30.

Contatti

Per contattare il Museo Interattivo Mirador è possibile chiamare i seguenti numeri di telefono: +56 228 288 000 e +56 228 288 020. Inoltre, il museo offre la possibilità di iscriversi alla sua newsletter, che consente di ricevere le ultime informazioni direttamente al proprio indirizzo e-mail. L’iscrizione alla newsletter può essere effettuata tramite il sito web del MIM. È un modo ideale per tenersi aggiornati sugli eventi e sulle novità del museo.

Quarto giorno

Viaggio nell’Isola di Pasqua

Sunrise at the Ahu Tongariki on Easter Island, Chile
Sunrise at the Ahu Tongariki on Easter Island, Chile, licencja: shutterstock/By Focus+Fusion

Il quarto giorno del nostro tour in Cile, ci imbarcheremo in un affascinante viaggio verso l’Isola di Pasqua. Ma prima di addentrarci nei dettagli pratici dell’organizzazione di questo viaggio e delle attrazioni che ci attendono, diamo un’occhiata al contesto storico di questa misteriosa isola. Conoscere la storia dell’Isola di Pasqua non solo arricchirà la nostra conoscenza del luogo, ma ci aiuterà anche a comprendere meglio le attrazioni che scopriremo durante il nostro viaggio.

La storia dell’Isola di Pasqua
Inizio dell’insediamento

L’Isola di Pasqua, conosciuta anche come Rapa Nui in polinesiano, risale all’insediamento dell’isola. Le stime delle date del primo insediamento nell’area variano dal 300 al 1200 d.C., anche se è ormai accettato che la migliore stima delle origini della colonizzazione dell’Isola di Pasqua si colloca nel XII secolo d.C.

Teorie sull’origine dei primi coloni dell’isola

L’Isola di Pasqua era abitata principalmente da polinesiani, che probabilmente la raggiunsero utilizzando canoe o catamarani. Si pensa che il loro viaggio sia avvenuto dalle Isole Gambier, principalmente dall’Isola Mangareva, a 2.600 km di distanza, o dalle Isole Marchesi, a 3.200 km di distanza (entrambi gli arcipelaghi fanno oggi parte della Polinesia francese). Sebbene questa sia la teoria più comune e plausibile sull’origine dei primi coloni dell’Isola di Pasqua, esistono altre ipotesi.

Una di queste suggerisce che i primi abitanti dell’isola potrebbero essere arrivati dal Sud America. Questa idea è stata sostenuta da prove archeologiche relative all’agricoltura, in particolare dalla presenza di patate dolci, note anche come ignami, provenienti dal Sud America. Ricerche più recenti, tuttavia, suggeriscono che le patate dolci potrebbero essersi diffuse in Polinesia prima dell’arrivo dei primi coloni sull’Isola di Pasqua.

La teoria attualmente più probabile è che l’insediamento di Rapa Nui sia legato a Mangareva e all’isola di Pitcairn. Le somiglianze linguistiche tra gli abitanti delle diverse isole, la costruzione di statue e gli strumenti caratteristici indicano uno stretto legame culturale tra le aree.

Va inoltre sottolineata la distanza relativamente breve tra l’Isola di Pasqua, Mangareva e Pitcairn. Le ricostruzioni dei viaggi in barca dei polinesiani, effettuate nel 1999, hanno dimostrato che era possibile viaggiare da Mangareva all’Isola di Pasqua in soli diciassette giorni e mezzo. Questa scoperta suggerisce chiaramente che i viaggi tra le isole erano possibili e accessibili ai coloni delle regioni polinesiane in questione.

Il patrimonio culturale dell’Isola di Pasqua

Secondo i resoconti dei missionari della metà del XIX secolo, l’Isola di Pasqua aveva un complesso sistema sociale basato su una gerarchia di classi. Al vertice c’era l’ariki, il capo che deteneva il potere assoluto sull’isola, nonché il potere divino. Più in basso nella gerarchia c’erano i sacerdoti, i guerrieri e il resto della popolazione. Un aspetto importante della cultura materiale della società Rapa Nui era la creazione di monumentali statue moai, che costituivano parte integrante del loro culto. Si ritiene che queste statue potessero rappresentare antenati divinizzati. Le leggende locali suggeriscono anche che i moai potrebbero aver rappresentato guerrieri che navigarono verso l’isola con il capo Hotu Matu’a.

Le prime sculture dell’Isola di Pasqua, datate tra il 400 e il 1100, erano relativamente piccole e venivano collocate su piattaforme di pietra chiamate ahu. Erano caratterizzate da un alto grado di realismo nella rappresentazione delle figure. Intorno al 1250 apparvero le prime statue monumentali, che si distinguevano per la loro esecuzione in tufo vulcanico estratto da una cava nel cratere Rano Raraku. Sulle loro teste di pietra venivano posti imponenti “cappelli” chiamati pukao. È interessante notare che questi pezzi non dovevano essere dei copricapi, ma delle acconciature originali.

Le credenze della comunità locale presupponevano un rapporto simbiotico tra i vivi e i morti. Secondo gli isolani, i morti provvedevano a tutti i bisogni dei vivi (salute, fertilità della terra, fortuna), che li ripagavano eseguendo rituali sacrificali e garantendo migliori condizioni di esistenza nel mondo degli spiriti. È possibile che queste credenze abbiano spinto a erigere i moai lungo la costa come forma di protezione dal mondo degli spiriti del mare. In questo modo, i monumenti possono essere interpretati non solo come attrazioni scultoree uniche, ma anche come monumenti che presentano un’affascinante prospettiva culturale sul rapporto tra vita e morte nella società indigena.

Un disastro ambientale sull’isola

L’Isola di Pasqua è anche associata a una teoria che suggerisce una catastrofe ecologica che sarebbe avvenuta prima che gli europei raggiungessero l’isola. Secondo lo scienziato americano Jared Diamond, all’epoca sull’isola si praticava il cannibalismo, che si pensava fosse legato al degrado ambientale, causato principalmente dalla costruzione delle monumentali statue moai. Tuttavia, questa ipotesi è oggetto di controversie e molti altri ricercatori hanno sollevato dubbi sulla sua plausibilità.

Il fattore principale che ha contribuito all’estinzione di molte specie vegetali sull’Isola di Pasqua è stato molto probabilmente l’importazione del ratto polinesiano. Studi paleobotanici hanno dimostrato che la presenza di questi roditori potrebbe aver avuto un effetto drammatico sui processi riproduttivi delle piante nell’ecosistema locale. I ratti arrivati sull’isola con i coloni rappresentavano una minaccia significativa per la flora locale, distruggendo i semi e interrompendo il ciclo naturale di sviluppo delle piante. Di conseguenza, l’introduzione di questa specie è stata uno dei fattori chiave nel modificare l’equilibrio ecologico dell’Isola di Pasqua, contribuendo alla perdita di molte specie vegetali.

Il contatto con gli europei nel XVIII secolo

Il primo contatto europeo con l’Isola di Pasqua risale al 5 aprile 1722, domenica di Pasqua, quando il navigatore olandese Jacob Roggeveen raggiunse l’isola.

Un altro incontro con gli europei avvenne il 15 novembre 1770, quando le navi spagnole San Lorenzo e Santa Rosalia, al comando del capitano Don Felipe Gonzalez de Ahedo, visitarono l’isola.

Quattro anni dopo, nel 1774, James Cook raggiunse l’Isola di Pasqua.

Un altro momento importante fu l’arrivo di Jean-François de Galaup, l’ammiraglio francese che realizzò la prima mappa dettagliata dell’area, il 10 aprile 1786.

L’estinzione

Nella seconda metà del XIX secolo, l’Isola di Pasqua fu colpita da una catastrofe che ridusse gravemente la popolazione dell’isola e privò i suoi abitanti della loro élite. L’anno 1862 può essere considerato l’inizio della Gehenna, quando l’isola fu invasa dai pirati peruviani che rapirono 1.500 uomini e donne, che rappresentavano la metà della popolazione dell’epoca. Un problema importante per l’isola era che tra i rapiti c’erano membri dell’alta gerarchia della società, tra cui il capo supremo, i suoi parenti e persone che sapevano leggere e scrivere nella scrittura rongorongo, l’unica scrittura polinesiana presente. Le proteste internazionali costrinsero i pirati a restituire gli abitanti rapiti, ma la maggior parte di loro non sopravvisse al rimpatrio e morì di malattie infettive; quelli che tornarono portarono con sé il vaiolo, che contribuì a un’ulteriore riduzione della popolazione dell’isola.

I decenni successivi del XIX secolo

Negli anni Sessanta del XIX secolo, l’Isola di Pasqua fu sottoposta a un intenso processo di cristianizzazione da parte dei missionari francesi. Purtroppo, nel 1867 un’epidemia di tubercolosi ridusse gravemente la popolazione dell’isola, portando allo sterminio di un quarto degli abitanti.

All’inizio degli anni Settanta del XIX secolo, sorse un conflitto tra i missionari e Jean-Baptiste Dutrou-Bornier, che aveva acquistato la maggior parte delle terre dell’isola e cercava di trasformare l’Isola di Pasqua in una zona di allevamento di pecore. Per realizzare i suoi piani, fece sfollare diverse centinaia di nativi, trasferendoli a Tahiti. Nel 1871, dopo un conflitto con Dutrou-Bornier, i missionari evacuarono la maggior parte della popolazione, lasciando sull’isola solo 171 Rapa Nui.

Nel 1878, Alexander Salmon Jr, fratello della regina di Tahiti, arrivò sull’isola con i Rapa Nui deportati. Ci fu poi un periodo di pace, di recupero della popolazione e di cambiamenti culturali, che si ripercossero anche sulla lingua locale (il dialetto tradizionale cominciò a essere influenzato dal tahitiano).

Alla fine degli anni Ottanta del XIX secolo, il Cile iniziò a compiere passi concreti per incorporare l’Isola di Pasqua nel proprio territorio. Il 9 settembre 1888, con un trattato di annessione firmato dal governo cileno e dagli abitanti di Rapa Nui, il capitano della marina cilena Policarpo Toro annesse ufficialmente l’isola al Cile.

L’Isola di Pasqua come parte del territorio cileno

Dopo l’annessione dell’Isola di Pasqua al Cile, il controllo dell’isola fu assunto da Williamson-Balfour, che vi allevava pecore. Questi cambiamenti portarono la popolazione dell’isola a limitarsi alla città di Hanga Roa. Nel 1953, il governo cileno rifiutò di rinnovare il contratto di locazione della compagnia, consegnando il controllo dell’isola alla marina cilena e interrompendo contemporaneamente l’allevamento di pecore.

Nel 1966, i Rapa Nui dell’Isola di Pasqua ottennero la piena cittadinanza cilena. Un passo importante verso l’apertura al mondo fu l’inaugurazione dell’aeroporto dell’isola nel 1967 e l’inizio di voli regolari per Santiago. Ciò ha cambiato radicalmente lo stile di vita degli indigeni, introducendoli ai costumi delle società consumistiche dei Paesi sviluppati. Con questo cambiamento, si sviluppò anche l’infrastruttura turistica dell’isola.

Dopo il colpo di Stato cileno del 1973, che portò al potere Augusto Pinochet, lo sviluppo del turismo sull’Isola di Pasqua subì un notevole rallentamento. Dopo il rovesciamento della giunta militare e il ripristino degli standard democratici in Cile, le autorità della terraferma hanno gradualmente iniziato ad adattare lo sviluppo dell’isola alle esigenze della popolazione locale. Nel 2007 l’Isola di Pasqua, insieme all’Arcipelago Juan Fernández, ha ottenuto uno status amministrativo speciale che ne ha aumentato l’autonomia.

Viaggio in aereo verso l’Isola di Pasqua
View from plane of Easter Island, Chile, in the Pacific Ocean. Rapa Nui
View from plane of Easter Island, Chile, in the Pacific Ocean. Rapa Nui, licencja: shutterstock/By ViviGutierrezB
Come arrivare dal Cile all’Isola di Pasqua?

L’Isola di Pasqua può essere raggiunta da Santiago, da dove ci sono voli passeggeri regolari operati dalla compagnia aerea cilena LATAM.

Prezzi dei voli

I prezzi dei biglietti partono da circa 290 euro per voli di andata e ritorno per una persona. Tuttavia, vale la pena notare che dicembre e gennaio sono i mesi più cari, durante i quali il costo dei biglietti può aumentare fino a diverse volte. È inoltre importante tenere presente che i prezzi possono subire delle fluttuazioni, per cui vale la pena di tenersi aggiornati sullo stato della disponibilità dei voli.

Consigli di viaggio

Quando si viaggia da Santiago, è consigliabile prenotare un posto sul lato sinistro dell’aereo. Sebbene l’aereo voli dal Cile (da est), è probabile che giri intorno alla parte settentrionale dell’isola e atterri da ovest. Sedersi sul lato sinistro sia in fase di atterraggio che di decollo da Rapa Nui permetterà ai viaggiatori di avere un’ottima vista sull’Isola di Pasqua.

Durata del viaggio aereo

In termini di durata del viaggio, il volo da Santiago all’Isola di Pasqua dura circa cinque ore.

Come muoversi sull’isola?

Per spostarsi sull’Isola di Pasqua, la soluzione più vantaggiosa è quella di noleggiare un’auto, preferibilmente un fuoristrada, che ci consentirà di muoverci liberamente sia sulle strade asfaltate di Hanga Roa che su quelle meno asfaltate, dandoci piena libertà di esplorare l’isola. Il noleggio di auto è disponibile nel centro di Hanga Roa e il costo varia da venti a quaranta dollari per otto ore, a seconda degli standard della compagnia e del tipo di veicolo.

Tuttavia, vale la pena notare che l’Isola di Pasqua è piuttosto piccola e molti luoghi sono facilmente accessibili anche a piedi. Per gli amanti del trekking e delle passeggiate, esplorare l’isola con i propri piedi può essere un’ottima alternativa, che permette di godere della fauna locale e del tempo libero allo stesso tempo. L’ampia gamma di opzioni di trasporto consente ai visitatori di viaggiare secondo le proprie preferenze e di godere appieno delle delizie di questa affascinante isola.

Cosa vale la pena mangiare sull’isola?
Prezzi dei ristoranti

Quando decidete di cenare in un ristorante dell’Isola di Pasqua, preparatevi a spendere una certa cifra. I prezzi più alti sono una conseguenza dell’isolamento dell’isola: molti ingredienti non sono disponibili in loco e devono essere importati da zone lontane. In termini di costi specifici, i prezzi degli spuntini nei ristoranti normali possono raggiungere i venti dollari.

Piatti popolari dell’Isola di Pasqua

La maggior parte dei ristoranti dell’isola si trova a Hanga Roa e offre piatti piuttosto simili.

Sull’Isola di Pasqua vale sicuramente la pena di provare i frutti di mare provenienti dalle acque locali, tra cui il polpo e la carne di aragosta, oltre al pesce, il più famoso dei quali è il tonno.

Esplorando la cucina dell’Isola di Pasqua, si nota subito che è estremamente varia, il che ci dice della ricchezza gastronomica del luogo. Tra i piatti più popolari troviamo il ceviche (pesce o crostacei crudi in una salsa di agrumi, cipolle, peperoncino e sale), il po’e (dolce di banane), le empanadas (fagottini di tonno), la cazuela (brodo di carne e verdure) o la sopaipilla (frittelle fritte), tra gli altri. Possiamo quindi constatare che la cucina di questa regione insulare è stata influenzata sia dalla cultura latinoamericana (il che si spiega con la popolarità di empanapas, sopaipilla, cazuela o ceviche) sia da quella polinesiana (po’e).

Umu pae

Come curiosità, vale la pena di menzionare un metodo tradizionale di preparazione del cibo sull’isola, chiamato umu pae nella lingua locale. Si tratta di riscaldare un mucchio di pietre in un fuoco e poi disporre carne e verdure sulle pietre riscaldate, coprendole con foglie di banano. L’umu pae non è solo una forma gustosa e originale di preparazione del cibo, ma anche un’affascinante esperienza culinaria e culturale.

I migliori ristoranti dell’Isola di Pasqua
Ristoranti a prezzi accessibili
La tía Berta

Indirizzo: Atamu Tekena, Hanga Roa

Cosa lo distingue:

  • le ottime empanadas di tonno
Easter Island Tuna empanadas on banana palm tree leaves. Top view.
Easter Island Tuna empanadas on banana palm tree leaves. Top view., licencja: shutterstock/By lblinova
Aringa Ora

Indirizzo: Av Hotu Matu’a s/n con Atamu Tekena s/n

Cosa lo distingue:

  • la presenza di un moai sulla porta d’ingresso
  • accesso a piatti semplici e sazianti a prezzi accessibili
Club Sandwich

Indirizzo: TE PITO OTE HENUA, 2700000

Cosa lo distingue:

  • succhi di frutta freschi (banana e arancia)
  • ottimi panini ed empanadas
Ristoranti di fascia media
Mamma Nui

Indirizzo: TANIERA TEAVE – FONO: 56-973955796, 2770000

Cosa lo distingue:

  • cucina tradizionale locale
  • è specializzato in piatti cucinati su pietre calde (tunu ahi)
Te Ra’ai

Indirizzo: Kai Tuoe, Rapa Nui S/N, Hanga Roa

Cosa lo rende speciale:

  • Dimostrazioni di danza polinesiana
  • ottimo posto per una cena in un’atmosfera originale
Ristorante Hetuu

Indirizzo: Atamu Tekena, Hanga Roa

Cosa lo distingue:

  • personale cordiale
  • ottimi gamberi, tonno e sopaipillas
Ristoranti esclusivi
Izakaya Kotaro / Kotaro bistrot

Indirizzo: Cam. Vaitea Anakena, Hanga Roa

Cosa lo distingue:

  • eccellente cucina giapponese
La Taverne du Pecheur

Indirizzo: Av Te Pito o Te Henua s/n, Hanga Roa

Cosa lo distingue:

  • piccolo ristorante nella zona portuale della città
  • frutti di mare di altissima qualità
La Kaleta

Indirizzo: Al Final de la Caleta Hanga Roa, Hanga Roa

Cosa lo distingue:

  • straordinaria vista sull’oceano
  • deliziosi piatti di pesce e frutti di mare
Fatti interessanti sull’Isola di Pasqua
Vari nomi dell’isola

L’Isola di Pasqua è un luogo con una ricca storia e molti nomi affascinanti che le sono stati dati sia dagli indigeni che dagli esploratori europei. Il nome originale dell’isola era “Te Pito O Te Henua”, che letteralmente significa “ombelico del mondo”. Un altro nome polinesiano era “Mata ki te rangi”, che può essere tradotto come “occhi che guardano il cielo”. L’attuale nome Rapa Nui (“Grande Rapa”) divenne popolare dopo le invasioni dei pirati peruviani all’inizio degli anni Sessanta del XIX secolo e si riferisce alla somiglianza topografica con l’isola di Rapa, situata nell’arcipelago delle Isole Australi (Polinesia francese).

Poiché il primo scopritore dell’isola, l’olandese Jacob Roggeveen, raggiunse l’isola la domenica di Pasqua, la chiamò Paasch-Eyland (Isola di Pasqua), rendendo così omaggio alla tradizione cristiana. Oggi, il nome dell’isola in riferimento alla festività sembra essere il più comune. Il nome ufficiale, in spagnolo moderno, dell’isola è Isla de Pascua.

Isolamento dell’isola

L’Isola di Pasqua è una delle più isolate al mondo. Si trova a 3.700 km a ovest della costa cilena e a 4.023 km a est di Tahiti.

Un parco nazionale insolito

Il Parco Nazionale di Rapa Nui è Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO dal 1995 e copre circa il 40% dell’isola.

Moai nascosti nel sottosuolo

Le statue Moai sono spesso associate a rappresentazioni scolpite di teste umane. Tuttavia, vale la pena di sapere che molte di esse si trovano in profondità nel sottosuolo. In molte immagini di scavi archeologici che circolano su Internet, queste impressionanti sculture possono essere viste in piena vista.

L’enigma del trasporto dei moai

La questione del trasporto dei moai è ancora irrisolta. La questione è estremamente interessante, soprattutto se si considera che nella cultura polinesiana non esistono animali utili e ruote. La cava di Rano Raraku, dove sono stati realizzati i moai, si trovava a distanze più o meno grandi dalle loro destinazioni, quindi spostarli potrebbe essere stata una sfida logistica non indifferente. I ricercatori sono per lo più propensi a concludere che gli isolani usavano una combinazione di rotoli di tronchi, corde e slitte di legno per trasportare queste intriganti statue. Link al video che mostra la verifica di una teoria sul trasporto dei moai con le corde: https://www.youtube.com/watch?v=YpNuh-J5IgE

Vandalismo sull’isola

Nel 2008, un bizzarro incidente si è verificato sulla spiaggia di Anakena, sull’Isola di Pasqua, quando un turista finlandese ha tagliato l’orecchio di un moai. Marko Kulju, finlandese di 26 anni, è stato catturato, messo agli arresti domiciliari e multato di 17.000 dollari. Poiché rischiava fino a sette anni di reclusione, la pena inflitta gli è sembrata esigua. Kulju si è subito scusato pubblicamente per il suo comportamento, pubblicandolo su un giornale cileno. L’incidente ha spinto le autorità a imporre controlli più severi sull’accesso dei turisti e una delle cave è stata isolata, lontano dall’attrazione principale.

Sicurezza sull’Isola di Pasqua

Per quanto riguarda la sicurezza sull’Isola di Pasqua, vale la pena ricordare che, sebbene i visitatori abbiano accesso alle cure mediche di base, offerte dalle farmacie e dall’ospedale di Hanga Roa, alcuni casi più gravi richiedono il trasporto nel Cile continentale. Evitare i rischi e seguire i consigli per le visite turistiche è fondamentale, soprattutto perché non tutti i siti potenzialmente pericolosi, come ad esempio alcune grotte, sono chiaramente segnalati.

Le opzioni alberghiere più interessanti sull’Isola di Pasqua
I migliori hotel dell’Isola di Pasqua a prezzi accessibili
Camping Hostal Tipanie Moana Aeropuerto Centro (prenota qui)

Indirizzo: Tu’u Koihu, S/N, Hanga Roa

Disponibilità camere: le suite con letti singoli o matrimoniali possono essere prenotate in hotel

Servizi:

  • Wi-Fi pubblico e gratuito
  • parcheggio privato gratuito
  • accesso a lettini e sedie da spiaggia
  • trasferimento gratuito dall’aeroporto
  • possibilità di noleggiare biciclette a pagamento

Prezzi a notte in luglio: da € 50

Prezzi a notte in febbraio: da € 50

Hostal y Cabañas Aorangi (prenota qui)

Indirizzo: Tuki Haka Havari, 2770000 Hanga Roa

Disponibilità camere: come per il Camping Hostal Tipanie Moana Aeropuerto Centro, anche qui è possibile soggiornare in camere doppie con due letti singoli o un letto matrimoniale. In aggiunta, però, ci sono anche bungalow che si affacciano sul giardino. Scegliendo questa opzione, si avrà accesso a case con un letto matrimoniale e due letti singoli. È anche possibile prenotare un soggiorno in un bungalow con una configurazione leggermente diversa, con quattro letti singoli e un letto a castello. Scegliendo l’opzione camera familiare, avremo accesso a cinque letti singoli.

Servizi:

  • accesso alle attrezzature per il barbecue, terrazza solarium, mobili da giardino e area picnic
  • la popolarità degli sport acquatici nella zona (snorkeling)
  • accesso a un’ampia gamma di servizi per famiglie con bambini (tra cui una sala giochi e giochi da tavolo)
  • internet gratuito
  • parcheggio privato gratuito

Prezzi a notte in luglio: da 61 €

Prezzi per notte a febbraio: da 61 €

Hostal Vaihere (prenota qui)

Indirizzo: Avareipua s/n, 277 0000 Hanga Roa

Disponibilità camere: all’Hostal Vaihere si può scegliere una camera con due letti singoli, oppure una camera tripla con un letto matrimoniale e un letto singolo. È anche possibile prenotare una camera singola con bagno in comune. Una suite coeducativa con più letti sarà sicuramente un’opzione economica.

Servizi:

  • presenza di un giardino
  • internet gratuito
  • parcheggio gratuito
  • accesso a un set per la preparazione di tè e caffè
  • accesso ai mobili da giardino

Prezzi a notte in luglio: da €53

Prezzi a notte in febbraio: da €53

I migliori hotel sull’Isola di Pasqua per famiglie con bambini
Hare Nua Hotel Boutique (prenota qui)

Indirizzo: Atamu Tekena, Hanga Roa

Disponibilità camere: sono disponibili suite con uno o due grandi letti matrimoniali. In base alla disponibilità, è possibile prenotare anche camere con letti singoli.

Servizi:

  • piscina esterna gratuita aperta tutto l’anno
  • centro benessere (vari massaggi per il corpo, bagno pubblico, vasca idromassaggio, bagno all’aperto)
  • strutture per disabili (istruzioni audio, accesso per sedie a rotelle)
  • trasferimento dall’aeroporto a pagamento
  • accesso al giardino e alla terrazza

Prezzi a notte in luglio: da 350 €

Prezzi a notte a febbraio: da 387 euro

Taha Tai (prenota qui)

Indirizzo: Apina Nui s/n, 2770000 Hanga Roa

Disponibilità camere: le camere doppie comprendono due letti singoli o un letto matrimoniale. Sono disponibili anche suite più grandi con tre letti singoli o un letto matrimoniale e uno singolo. L’opzione bungalow prevede un letto matrimoniale o due letti singoli.

Servizi:

  • presenza di un ristorante in loco che serve cucina locale per colazione, pranzo e cena
  • Wi-Fi gratuito
  • parcheggio pubblico gratuito disponibile in loco
  • piscina all’aperto gratuita
  • accesso al patio, al giardino e alla terrazza

Prezzi a notte in luglio: da 233 euro

Prezzi a notte in febbraio: da €263

Hotel & Appartamenti “CHEZ HIVA” (prenota qui)

Indirizzo: Petero Atamu S/N, 2700000 Hanga Roa

Disponibilità camere: sono disponibili appartamenti duplex con due letti singoli in camera e due divani letto in soggiorno. È anche possibile prenotare una suite familiare con due o un letto singolo e un grande letto matrimoniale.

Servizi:

  • parcheggio pubblico gratuito
  • Wi-Fi pubblico gratuito
  • trasferimento dall’aeroporto a pagamento
  • accesso al set per la preparazione di tè e caffè
  • presenza del ristorante AU BOUT DU MONDE, specializzato in cucina belga

Prezzi a notte in luglio: da 99 €

Prezzi a notte a febbraio: da 108 €

I migliori hotel di lusso dell’Isola di Pasqua
Nayara Hangaroa (prenota qui)

Indirizzo: Av. Pont s/n, 2770000 Hanga Roa

Disponibilità camere: al Nayara Hangaroa Hotel sono disponibili tre tipi di suite: con un letto matrimoniale, con due divani letto aggiuntivi nel soggiorno e con due letti singoli e un divano letto.

Servizi:

  • tre ristoranti con cucina locale e internazionale
  • piscina all’aperto aperta tutto l’anno e gratuita
  • centro benessere con un’ampia gamma di servizi (massaggi per diverse parti del corpo, jacuzzi, sala fitness, sauna, bagno turco)
  • Wi-Fi gratuito
  • parcheggio privato gratuito

Prezzi a notte in luglio: da € 532

Prezzi a notte in febbraio: da € 931

VILLA HOMITI (prenota qui)

Indirizzo: Av. Pont s/n, 2770000 Hanga Roa

Disponibilità camere: la villa dispone di quattro camere da letto (un grande letto matrimoniale in ognuna e un materasso futon in una di esse). C’è anche un divano letto nel soggiorno.

Servizi:

  • accettazione di animali domestici senza costi aggiuntivi
  • accesso alla terrazza e al giardino
  • accesso a internet gratuito e pubblico
  • parcheggio privato gratuito
  • vista mare

Prezzi a notte in luglio: da €498

Prezzi a notte in febbraio: da €498

Hotel Hare Uta (prenota qui)

Indirizzo: Av. Pont s/n, 2770000 Hanga Roa

Disponibilità camere: camere con un letto matrimoniale extra-large

Servizi:

  • accesso al ristorante Umanga, che serve pasti per tutte le ore del giorno
  • piscina all’aperto gratuita con vasca per bambini
  • Wi-Fi gratuito
  • parcheggio privato gratuito
  • ampie strutture per il tempo libero (serate a tema con cena, musica dal vivo, possibilità di organizzare escursioni alle attrazioni locali)

Prezzi a notte in luglio: a partire da 463 euro

Prezzi a notte a febbraio: da €540

Quinto giorno

Primo giorno di visita dell’isola

Orongo

Inizieremo il nostro tour dell’Isola di Pasqua pieni di energia dopo la prima notte sull’isola. La prima attrazione sarà il sito archeologico di Orongo, situato vicino a Hanga Roa, dove un tempo operava un villaggio e un centro di culto locale.

Come arrivare?

Orongo si raggiunge in un quarto d’ora guidando verso sud da Hanga Roa.

Capanne misteriose

Come già accennato, Orongo era un tempo un villaggio i cui resti, grazie al lavoro di ricercatori e restauratori, si sono conservati fino ad oggi. Il sito è costituito da edifici rotondi e bassi in pietra, coperti da tetti in erba. Ciò che incuriosisce molto del contesto architettonico di queste strutture è la mancanza di finestre e le piccole aperture, che creano ambiguità sulla risoluzione della loro funzione.

Brick houses at the ruins of Orongo Village at Rano Kau Volcano - Easter Island, Chile
Brick houses at the ruins of Orongo Village at Rano Kau Volcano – Easter Island, Chile, licencja: shutterstock/By diegograndi
La funzione rituale di Orongo

Il sito era un tempo anche un importante centro rituale, associato al culto dell’uomo-uccello (tangata manu), che partecipava a gare rituali per catturare il primo uovo di manu tara, o sterna nera, in un determinato anno riproduttivo.

Vale la pena sottolineare che, sebbene il titolo di tangata manu, assegnato al vincitore della gara, fosse estremamente prestigioso, la sua conquista comportava un altissimo grado di rischio. I partecipanti, infatti, non solo dovevano superare le difficoltà topografiche della terraferma, ma anche intraprendere una traversata in mare estremamente rischiosa, che avrebbe potuto essere fatale. La gara prevedeva una spedizione alla vicina isola di Motu Nui, che poteva concludersi con una caduta dalle ripide scogliere o con l’essere divorati dagli squali. Il vincitore della gara doveva quindi dimostrare un coraggio e una compostezza straordinari.

Nella zona di Orongo si trovano anche numerosi petroglifi, principalmente raffiguranti tangata manu, probabilmente scolpiti per commemorare alcuni dei vincitori di questa gara estrema.

Prezzi d’ingresso

Per visitare l’affascinante Orongo, situato all’interno del Parco Nazionale Rapa Nui, è necessario acquistare un biglietto d’ingresso. Sebbene il biglietto d’ingresso sia di 56 euro, esso garantisce anche l’accesso alle numerose altre attrazioni situate all’interno del parco. Ricordiamo che il pagamento di questa somma serve anche a sostenere la conservazione e la tutela del patrimonio mondiale dell’Isola di Pasqua.

Rano Kau

Dopo aver visitato Orongo, vale la pena di notare anche un altro sito nelle immediate vicinanze: Rano Kau. Si tratta di un impressionante cratere vulcanico che colpisce per le sue dimensioni imponenti (il fondo è occupato da un lago craterico di circa un chilometro di diametro) e per la sua ricchezza mineraria. Infatti, Rano Kau contiene una varietà di rocce magmatiche, tra cui basalto, pomice e ossidiana, la cui fonte qui era una delle più importanti per gli scalpellini che utilizzavano questa materia prima sull’isola. Per quanto riguarda la datazione di questo notevole cratere, le sue origini risalgono al Pleistocene (si è formato da colate di lava basaltica durante questo periodo). Le rocce più giovani al suo interno, invece, sono datate tra i 150.000 e i 210.000 anni fa.

Krater Rano Kau, Wyspa Wielkanocna, Chile
Krater Rano Kau, Wyspa Wielkanocna, Chile, licencja: shutterstock/By thomaslusth
Ahu Vinapu

Ahu Vinapu è un altro sito notevole all’interno del Parco Nazionale di Rapa Nui, a pochi chilometri a est di Orongo e Rano Kau. Si tratta di uno dei più grandi ahu dell’Isola di Pasqua, un impressionante complesso di piattaforme di pietra. L’ahu di questo sito è costituito da grandi lastre di basalto accuratamente incastrate, il che testimonia senza dubbio la maestria degli indigeni nella lavorazione della pietra.

Rapa Nui. The statue Moai in Ahu Vinapu on Easter Island, Chile
Rapa Nui. The statue Moai in Ahu Vinapu on Easter Island, Chile, licencja: shutterstock/By Sergey-73
Collegamenti con altre culture

È interessante notare che queste strutture presentano alcune somiglianze con alcune strutture situate in Perù, in particolare con le strutture Inca di Sacsayhuamán o Sillustani. Le lastre di basalto, che sono parte integrante di Ahu Vinapu, sembrano condividere alcune caratteristiche strutturali con le mura e le torri funerarie inca, note come chullpa.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Nature nel luglio 2020, ha anche dato un contributo specifico alla comprensione dei legami interculturali dell’Isola di Pasqua. Ha confermato la presenza di DNA andino nella popolazione di Rapa Nui, così come in diverse altre isole polinesiane. Le analisi genetiche suggeriscono la presenza di una percentuale compresa tra il 2% e il 5% di antenati amerindi tra la popolazione dell’isola. Questa scoperta getta nuova luce sulla complessa storia e sulle interazioni tra le diverse culture in questo remoto angolo del mondo.

Sesto giorno

Ahu Tahai

Come arrivare?

Il secondo giorno del nostro tour dell’Isola di Pasqua sarà altrettanto emozionante. Inizieremo il nostro tour con il sito archeologico di Ahu Tahai. Poiché il sito si trova a nord di Hanga Roa, proprio al confine con la città, è facilmente raggiungibile sia in auto che a piedi. La passeggiata dal centro città dura solo venti minuti.

Cosa si può trovare ad Ahu Tahai?

Ahu Tahai è sorprendentemente vario e ricco di storia. Qui si trovano tre ahu su cui sono collocati dei moai, a differenza di quelli di Ahu Vinapu. Ahu Ko Te Riku è una delle piattaforme più impressionanti, dove si trovano moai restaurati con occhi di corallo bianco e pukao di roccia vulcanica rossa. Il secondo ahu, chiamato Ahu Tahai, è uno dei più antichi dell’isola e presenta moai dell’impressionante altezza di 4,5 metri. Il terzo, Ahu Vai Ure, è a sua volta uno degli ahu più famosi, con ben cinque moai allineati lungo la costa. Il sito è molto frequentato dai turisti soprattutto per le ottime condizioni per ammirare il tramonto.

Ahu Tahai with Moai statues and Hanga Roa city with harbor, Easter Island (Rapa Nui), Chile.
Ahu Tahai with Moai statues and Hanga Roa city with harbor, Easter Island (Rapa Nui), Chile., licencja: shutterstock/By SL-Photography
Tapati ad Ahu Tahai

È interessante notare che Ahu Tahai, oltre a essere un sito archeologico, ospita regolarmente cerimonie insolite che fanno parte della tradizione dell’isola. Una di queste è il festival tapati, organizzato dalla comunità locale come tributo agli antenati. Il festival comprende una serie di competizioni e gare attraverso le quali viene alimentato il patrimonio culturale dell’Isola di Pasqua.

Ahu Akahanga

Come raggiungere Ahu Akahanga?

Dopo aver visitato Ahu Tahai, ci dirigeremo verso il sito archeologico di Ahu Akahanga. Il sito è facilmente raggiungibile in auto, scooter o bicicletta, a seconda delle preferenze e delle capacità individuali. La distanza tra il centro di Hanga Roa e Ahu Akahanga è di meno di dodici chilometri, il che rende il viaggio comodo e ricco di spunti di interesse sotto forma di paesaggi straordinari.

Hare paenga

Ahu Akahanga è un luogo insolito sulla mappa dell’isola, dove si trovano, tra l’altro, le fondamenta in pietra delle caratteristiche case di lepre paenga della regione. Queste affascinanti costruzioni, con la loro forma ellittica che ricorda le barche girate di 180 gradi, sono tra gli elementi unici del patrimonio materiale dell’isola. Davanti all’ingresso di ognuna di esse si trovano anche aree quadrate fiancheggiate da piccoli massi, che contribuiscono certamente all’originalità del luogo.

Umu pae ad Ahu Akahanga

Oltre alle case, nell’area di Ahu Akahanga si trovano anche i resti degli umu pae, i tradizionali fornelli che abbiamo già visto nel contesto della cucina dell’Isola di Pasqua. È interessante notare che la parola “pae” nella lingua degli isolani significa cinque, che si riferisce al numero di pietre solitamente utilizzate per costruire il fornello.

Grotta

Ad Ahu Akahanga, oltre alle affascinanti case di lepre paenga, si trova anche una piccola grotta che aveva un’importante funzione di riparo per i pescatori. Essi utilizzavano questo luogo per ripararsi dalle forti piogge e trascorrere la notte in condizioni di sicurezza.

Ahu e moai

Ciò che conferisce a questo stand il suo carattere unico, tuttavia, è l’ahu che già conosciamo. Come nel caso dell’Ahu Vinapu, questa piattaforma non contiene moai verticali. Nelle sue immediate vicinanze, tuttavia, si possono vedere i resti rovesciati di queste notevoli statue.

Nell’ahu, che è lungo diciotto metri, si possono vedere ben tredici moai, alti dai cinque ai sette metri, disposti a faccia in su. Questa configurazione insolita, raramente vista altrove sull’isola, permette di osservare meglio i dettagli scolpiti delle statue, il che può essere un’esperienza interessante e unica per i visitatori. Purtroppo l’erosione ha avuto un effetto estremamente devastante sullo stato di conservazione di questi reperti, come si può vedere nelle fotografie dei moai del sito. Le iniziative per il restauro di questi monumenti di Ahu Akahanga potrebbero contribuire a preservare il patrimonio unico di questa misteriosa isola.

Fallen Moai Statues at Ahu Akahanga - Easter Island, Chile
Fallen Moai Statues at Ahu Akahanga – Easter Island, Chile, licencja: shutterstock/By diegograndi
La leggenda della sepoltura di Hotu Matuʻy

Nella tradizione di Ahu Akahanga esiste una trasmissione che parla della sepoltura del leggendario Hotu Matuʻi, considerato il primo re dell’isola. Secondo questa leggenda, il suo corpo fu sepolto dopo la morte sotto un tumulo di pietre nella zona. Secondo la storia, il figlio maggiore di Tuʻu Maheke decise di tagliare la testa di Hotu Matuʻi e di nasconderla tra le pietre. Qualcuno lo scoprì poco dopo e un altro sovrano, Tu’u Ko Ihu, rubò il teschio e lo nascose nella sua casa di Ahu Te Peu. Solo i discendenti del re riuscirono a recuperare la preziosa reliquia. Da quel momento in poi, essi poterono beneficiare del potere spirituale (noto come mana) emanato da questa preziosa reliquia.

Nonostante gli scavi in corso, non sono ancora state trovate tracce concrete dell’antico sovrano Hotu Matuʻi. Anche la possibilità che l’ariki sia stato sepolto sotto l’ahu è stata esclusa, poiché la datazione della costruzione di questo sito è di diversi secoli successiva alla morte del leggendario sovrano. Esiste l’ipotesi che la camera funeraria di Hotu Matuʻi possa trovarsi sotto un vicino cumulo di pietre, ma questa teoria non è stata ancora confermata.

Interpretazione del luogo della presunta sepoltura

Ahu Akahanga, situato al centro della costa meridionale dell’Isola di Pasqua, è un sito estremamente interessante per quanto riguarda la scelta di quest’area come luogo di sepoltura del leggendario Hotu Matu’i. Secondo alcuni ricercatori, questa decisione potrebbe derivare dalla convinzione che il presunto potere spirituale emanato dall’ariki avrebbe coperto uniformemente entrambi i lati dell’isola, portando abbondanti raccolti e successo nella pesca alla comunità.

È interessante notare che la sorella di Hotu Matu’i, Ava Rei Pua, e la moglie dell’ariki, Tu’u Ko Ihu, sono state sepolte all’altra estremità dell’isola, ad Ahu Te Peu. Studi recenti hanno dimostrato che esiste una correlazione astronomica e geometrica tra Ahu Akahanga e Ahu Te Peu. Le analisi indicano che osservando il tramonto durante il solstizio d’inverno da Akahanga, situato sulla costa sud-orientale, gli ultimi raggi del sole sono diretti verso Te Peu, dove si trova la tomba di Ava Rei Pua. Allo stesso modo, da Te Peu, situato nella parte nord-occidentale dell’isola, al sorgere del sole durante il solstizio d’estate, è possibile vedere Akahanga, il luogo di sepoltura simbolico di Hotu Matu’i. Sebbene questa correlazione possa essere il risultato di coincidenze geografiche, osservarla da un punto di vista mistico può confermare la capacità di Rapa Nui di utilizzare la conoscenza della geometria e dell’astronomia per collegare i luoghi di sepoltura simbolici di due figure trascendenti nella storia dell’isola.

Ahu Tongariki

Come arrivare?

Ahu Tongariki, l’ahu più grande dell’Isola di Pasqua, è l’attrazione da visitare dopo aver lasciato Ahu Akahanga. Per arrivarci da Ahu Akahanga, si percorre un itinerario lungo la costa meridionale dell’isola, per circa otto chilometri.

Ahu Tongariki - największy ahu na Wyspie Wielkanocnej.
Ahu Tongariki – największy ahu na Wyspie Wielkanocnej., licencja: shutterstock/By tank_bmb
La turbolenta storia di Ahu Tongariki

L’Ahu Tongariki ha una storia estremamente interessante che evidenzia sia l’unicità del patrimonio culturale che gli sforzi per proteggerlo e curarlo. I moai situati ad Ahu Tongariki furono abbattuti dalla comunità locale tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo per motivi poco chiari, probabilmente legati a guerre intertribali o a una perdita di fiducia della popolazione locale nel potere protettivo degli antenati identificati con i moai. L’opera di devastazione è stata completata dalle onde dello tsunami che hanno travolto i monumenti nell’entroterra nel secolo scorso. Tuttavia, grazie ai lavori di restauro, oggi possiamo ammirare quindici moai che si ergono orgogliosi sull’ahu.

Posizione

L’Ahu Tongariki si trova in un contesto unico, vicino a due vulcani spenti – Poike e Rano Raraku – che un tempo fungevano da cava da cui si estraeva il tufo vulcanico per scolpire i moai.

Settimo giorno

Puna Pau

Inizieremo il settimo giorno del nostro tour del Cile con una gita da Hanga Roa a Puna Pau, situata alla periferia della città. Qui, in un piccolo cratere o cono di cenere, si trovava una cava dove un tempo veniva estratta la scoria rossa. Questa roccia specifica veniva utilizzata per formare i pukao, o “cappelli” rossi, posti sulla testa di alcuni moai. La suddetta materia prima veniva estratta a Puna Pau anche per realizzare le sculture moai stesse, tra cui il più antico conosciuto sull’isola, il Moai Tukuturi. Anche i petroglifi si trovano talvolta sulle rocce del Puna Pau.

Puna Pau Volcano, Easter Island (Isla de Pascua - Rapa Nui), Chile
Puna Pau Volcano, Easter Island (Isla de Pascua – Rapa Nui), Chile, licencja: shutterstock/By Focus+Fusion

Ahu Akivi

Un’altra tappa fondamentale della giornata sarà Ahu Akivi, a cinque chilometri a nord di Puna Pau. Questo sito archeologico è caratterizzato dalla presenza di sette moai, disposti sull’asse est-ovest dell’ahu. Ciò che rende unico questo sito è, tra l’altro, la precisione nel posizionamento delle statue. Durante l’equinozio di primavera, i moai sono rivolti esattamente verso il tramonto, mentre durante l’equinozio d’autunno sono rivolti all’indietro verso l’alba. Questa precisione astronomica fa di Ahu Akivi l’unico luogo dell’isola in cui si possono osservare relazioni così precise con i fenomeni in questione. Il sito è quindi ovviamente un altro affascinante esempio delle avanzate conoscenze astronomiche degli antichi abitanti dell’Isola di Pasqua.

Widok siedmiu Ahu Akivi Moai, które są jedynym Moai, aby zmierzyć się z morzem, Rapa Nui, Wyspa Wielkanocna, Chile.
Widok siedmiu Ahu Akivi Moai, które są jedynym Moai, aby zmierzyć się z morzem, Rapa Nui, Wyspa Wielkanocna, Chile., licencja: shutterstock/By Lisa+Strachan
La leggenda di Ahu Akivi

A differenza delle altre statue dell’isola, che sono rivolte verso il villaggio, i sette moai di Ahu Akivi sono rivolti verso il mare, cosa insolita secondo le credenze locali, secondo le quali le statue emanano mana protettivo verso il villaggio e i suoi abitanti. Oggi si ipotizza che gli abitanti di Rapa Nui abbiano scelto questo orientamento per siglare un patto con il mare e ottenere il suo favore per i navigatori.

Tuttavia, esiste anche una leggenda legata all’orientamento specifico del moai di Ahu Akivi. Secondo questa leggenda, il leggendario sacerdote Hotu Matu avrebbe avuto un sogno in cui l’anima del re attraversava l’oceano e gli mostrava l’isola di Rapa Nui. Commosso, il sacerdote inviò degli esploratori che attraversarono il mare per individuare l’isola e trovare potenziali coloni. Sette coraggiosi esploratori rimasero sull’isola in attesa dell’arrivo del re. Come tributo alla loro lealtà e al loro sacrificio, su Ahu Akivi dovevano essere costruite sette imponenti statue di pietra. Secondo la storia, le statue monumentali sono rappresentazioni simboliche di questi sette marinai.

Ahu Nau Nau

Come arrivarci?

La prossima affascinante tappa dopo la visita ad Ahu Akivi sarà Ahu Nau Nau, raggiungibile dopo un breve viaggio in auto di circa venti minuti. Il sito archeologico si trova al centro della costa nord-orientale dell’isola, a soli 150 metri dall’entroterra della tranquilla e pittoresca spiaggia di Anakena.

L’importanza del sito nel mito delle origini dell’insediamento sull’Isola di Pasqua

Ahu Nau Nau ha un significato speciale per l’Isola di Pasqua, poiché secondo la tradizione orale è qui che i capi del potente clan Miru stabilirono la loro residenza. Inoltre, è in questa zona che l’ariki Hotu Matu’a, il leggendario leader e primo re dell’isola come la conosciamo, sarebbe sbarcato con il suo popolo, fondando così la prima colonia da cui nacque la cultura Rapa Nui.

Storia dell’insediamento di Ahu Nau Nau

Le ricerche archeologiche indicano almeno tre fasi nella costruzione (tra il 1100 e il 1400 d.C.) e nel funzionamento dell’insediamento di Ahu Nau Nau. Tuttavia, si ipotizza che l’insediamento possa essere stato fondato diversi secoli prima, il che lo renderebbe uno dei più antichi dell’isola.

Etimologia del nome Ahu Nau Nau

Per quanto riguarda il nome del sito, la seconda parte di “naunau” è probabilmente legata a una specie estinta di pianta nota come nau opata o naunau. Sebbene questa pianta, che era una palma o un legno di sandalo, si sia estinta nel 1890, il suo ricordo è ancora vivo. In passato, il suo legno aromatico veniva usato per produrre profumi e le noci erano i suoi frutti nutrienti. Naunau è persino menzionato in una leggenda, secondo la quale Hotu Matu’a e il suo popolo portarono le sue noci dalla loro terra d’origine per procurarsi il sostentamento durante i primi mesi di permanenza sull’isola.

Lo stato di conservazione dei moai

È degno di nota il fatto che le statue moai di Ahu Nau Nau si siano conservate fino ad oggi in condizioni eccellenti, a testimonianza della straordinaria cura prestata loro nel corso degli anni. È notevole che già diversi secoli fa gli indigeni dell’isola, in tempi di violente lotte tra clan, decisero di seppellire i moai rovesciati sotto uno strato di sabbia su una spiaggia vicina, proteggendoli dagli effetti dell’erosione e di altri pericoli.

Grazie a queste attente misure e ai lavori di restauro effettuati tra il 1978 e il 1980, Ahu Nau Nau è diventato uno dei siti archeologici più interessanti dell’isola. Oggi qui si può ammirare una ricostruzione corrispondente all’ultima fase storica, nota come Nau Nau III. Questo complesso è costituito da un’imponente piattaforma lunga circa sessanta metri e larga dodici, sulla quale si ergono orgogliose sette statue. Le prime quattro statue da sinistra sono praticamente intatte e decorate con il caratteristico pukao sulla testa.

Moai from Ahu Nau Nau at Easter Island
Moai from Ahu Nau Nau at Easter Island, licencja: shutterstock/By saraporn
Dettagli dell’intaglio ad Ahu Nau Nau

Osservando i moai di Ahu Nau Nau, è impossibile ignorare l’eccezionale grado di precisione e cura con cui sono stati realizzati. Esaminando queste statue con i nostri occhi, siamo in grado di notare i tratti distinti del viso, il naso, le orecchie e le mani, che le distinguono da altri monumenti del genere presenti sull’isola. Anche la forma conica del pukao del primo moai, uno dei meglio conservati, attira l’attenzione.

Anche i motivi geometrici a spirale in rilievo, visibili sulle natiche dei moai (forse destinati a rappresentare tatuaggi o pitture sul loro corpo), sono un dettaglio insolito. È presente anche un rilievo che probabilmente raffigura una cintura all’altezza dei fianchi. Inoltre, sui blocchi di pietra dell’ahu si possono vedere petroglifi che raffigurano uccelli in volo e forse figure mitiche, il che aggiunge un fascino ancora più misterioso al sito.

Scoperta rivoluzionaria nel 1978

Nel 1978, durante i lavori di restauro dell’Ahu Nau Nau, è stata fatta una scoperta straordinaria che ha cambiato in modo significativo il precedente concetto di moai. Furono scoperti frammenti di corallo bianco, che un tempo veniva utilizzato per formare gli occhi delle statue, e un disco rosso, che rappresentava le pupille. Questa scoperta ha rappresentato una svolta, poiché in precedenza era opinione comune che le orbite dei moai fossero vuote.

Ahu Ature Huki

All’interno del complesso Ahu Nau Nau si trova anche il moai Ahu Ature Huki, una parte importante della storia del restauro e della conservazione del patrimonio dell’Isola di Pasqua. Questa statua incagliata ed erosa è stata la prima a essere riedificata sull’isola in tempi moderni.

Moai at Ahu Ature Huki at Anakena Beach on Easter Island
Moai at Ahu Ature Huki at Anakena Beach on Easter Island, licencja: shutterstock/By NYCKellyWilliams

Seconda settimana di visite turistiche

Ottavo giorno

Museo Antropológico Padre Sebastián Englert

Come raggiungere il museo?

L’ottavo giorno del nostro tour del Cile concluderemo la nostra straordinaria visita dell’Isola di Pasqua, dedicando l’ultimo giorno alla scoperta di altre affascinanti attrazioni dell’isola. Inizieremo il nostro viaggio con una visita al Museo Antropológico Padre Sebastián Englert, che si trova a Hanga Roa, vicino ad Ahu Tahai.

Il museo dista meno di due chilometri e mezzo dal centro della città.

Collezioni del museo

Le collezioni di questo museo sono un vero tesoro per gli amanti della storia e della cultura dell’Isola di Pasqua. La collezione del museo contiene un numero impressionante di circa 15.000 manufatti. Queste collezioni comprendono, tra l’altro, oggetti raccolti dal francescano Sebastian Englert, pioniere dello studio della cultura e della lingua dell’isola, e da altri ricercatori. In effetti, gran parte dei manufatti presenti nel sito sono anche reperti, come resti umani scoperti in scavi archeologici.

Tra i monumenti più caratteristici del Museo Antropológico Padre Sebastián Englert ci sono i moai kavakava, figure in legno che rappresentano solitamente un uomo in piedi, leggermente chinato e dal corpo emaciato.

Il museo contiene anche preziosi reperti che hanno una funzione utilitaria. Un buon esempio di tali manufatti sono, ad esempio, i ”matā”, strumenti realizzati in ossidiana, utilizzati dagli abitanti dell’Isola di Pasqua per tagliare, sminuzzare o come punte di lancia. La vasta collezione del museo comprende anche antichi ami da pesca.

Il museo vanta anche una collezione di storia naturale, che comprende ossa di cetacei.

La William Mulloy Library, che è parte integrante del museo, ospita a sua volta una vasta collezione di letteratura scientifica sull’isola.

Monumenti in collezioni museali straniere

Grazie al passato coloniale di Rapa Nui e alle attività di ricerca intraprese da gruppi internazionali di scienziati sull’isola, numerosi oggetti di importanza culturale provenienti dall’Isola di Pasqua sono finiti nei musei di tutto il mondo. Le collezioni dei musei di vari continenti comprendono oggetti utilitari, sculture moai o statuette di legno, che costituiscono parte integrante del patrimonio materiale dell’isola.

Da più di una dozzina d’anni sono in corso campagne per ripristinare i monumenti della cultura locale nell’Isola di Pasqua. Questa iniziativa comprende molti manufatti unici, tra cui, ma non solo, le sculture moai, che sono forse gli elementi più caratteristici del paesaggio culturale dell’isola. Uno dei manufatti inclusi nella proposta di restauro dell’isola è Hoa Hakananai’a, spesso considerato il più bel moai dell’Isola di Pasqua. Questa statua è particolarmente apprezzata per i suoi rilievi legati al culto dell’uomo uccello, che svolge un ruolo importante nella mitologia locale. Hoa Hakananai’a è attualmente conservato al British Museum di Londra.

Sito web ufficiale del museo

Prima di visitare il Museo Antropológico Padre Sebastián Englert, vale sicuramente la pena di visitare il sito web ufficiale del museo, dove sono disponibili preziose informazioni relative a varie questioni riguardanti l’istituzione. Tra le altre cose, ci sono notizie dedicate agli eventi in corso al museo, come festival, laboratori o l’inaugurazione di nuove mostre.

Il sito web del museo contiene anche risorse digitali relative ad aspetti specifici della cultura dell’Isola di Pasqua. Ad esempio, è disponibile un ampio thread dedicato alle sculture in legno artisticamente uniche.

Anche il rimpatrio del patrimonio materiale di Rapa Nui è un argomento importante trattato sul sito. In un articolo pubblicato, è possibile conoscere il problema dell’appartenenza dei reperti e l’importanza di riportare sull’isola i manufatti culturali materiali.

Immersioni sull’Isola di Pasqua

Condizioni di immersione sull’Isola di Pasqua

Dopo la visita al museo, il prossimo punto dell’itinerario sarà una straordinaria esperienza acquatica sotto forma di snorkeling o immersioni, a seconda delle vostre capacità o preferenze.

Le acque dell’Isola di Pasqua offrono ottime condizioni per questa attività.

Uno dei maggiori vantaggi delle immersioni o dello snorkeling nelle acque dell’isola è la limpidezza cristallina dell’acqua, dovuta alla mancanza di plancton e all’isolamento geografico dell’Isola di Pasqua e alla conseguente mancanza di industrie sviluppate che potrebbero inquinare l’ambiente locale. L’acqua è inoltre estremamente limpida e la visibilità può raggiungere i sessanta metri.

Un altro vantaggio è la piacevole temperatura dell’acqua, che oscilla tra i 18 e i 26 gradi Celsius.

Flora e fauna delle acque circostanti

Sebbene le acque dell’Isola di Pasqua non siano note per l’ampia varietà di pesci tropicali o di barriere coralline, durante l’esplorazione si possono incontrare molte specie affascinanti. La regione ospita circa centosessanta specie di animali marini, un quarto dei quali sono endemici, presenti solo nell’ecosistema locale. Decidere di immergersi nell’oceano o fare snorkeling ci darà quindi sicuramente l’opportunità di ammirare un mondo di flora e fauna bellissimo e unico.

Tra gli animali marini più comuni della zona ci sono le tartarughe marine verdi, che spesso possono essere avvistate nella zona della baia della città di Hanga Roa. È interessante notare che si può contare su un incontro sorprendente con loro senza nemmeno entrare in acqua, poiché le tartarughe possono essere viste nuotare appena al largo a basse profondità.

Dove immergersi sull’Isola di Pasqua
Moai sommersi

Quando si parla di siti degni di attenzione per gli appassionati di immersioni, uno dei più originali è il santuario sottomarino dei moai. La statua sommersa di cui si parla, che risale ai tempi moderni, è un tributo e un’espressione di gratitudine espressa dagli indigeni nei confronti delle generazioni precedenti che hanno trasmesso loro le abilità necessarie per la vita in mare. Il moai sommerso è anche un simbolo di rispetto per l’acqua e per tutto ciò che offre all’uomo.

Motu Nui

Motu Nui, un isolotto poco a sud dell’Isola di Pasqua, vicino a Orongo, è un luogo affascinante per l’esplorazione subacquea. Infatti, nelle acque che circondano Motu Nui si possono incontrare diverse forme di vita, oltre alle caratteristiche rocce grigie e lisce. Questo luogo straordinario nasconde anche segreti dell’antichità. Nella zona di Moto Nui si svolgevano gare legate al culto dell’uomo-uccello. Immergendosi nelle acque di Moto Nui, quindi, si potranno sperimentare anche insoliti echi di storia.

La cattedrale

Un altro sito affascinante per gli appassionati di immersioni è l’area conosciuta come “La Cattedrale”. Qui si trovano labirinti particolari e grotte con formazioni rocciose insolite, situate in canali di lava sottomarini. Si tenga presente, tuttavia, che le correnti in questo sito di immersione possono essere a volte relativamente forti, quindi vale la pena di andarci se si ha sufficiente esperienza di immersione.

La scogliera

Un altro sito di immersione estremamente interessante nelle acque dell’Isola di Pasqua è “La scogliera”, nota anche come “Acantilado”. Il caratteristico paesaggio subacqueo si concentra principalmente sul robusto substrato calcareo vulcanico, popolato da colonie di coralli giovani. È un luogo eccellente per chi inizia la propria avventura subacquea.

Centro immersioni dell’Isola di Pasqua
Centro immersioni Orca

Tra i rinomati centri di immersione dell’Isola di Pasqua spicca l’Orca Diving Centre, che è stato il primo del suo genere ad aprire sull’isola, iniziando le attività nel 1980. Il complesso comprende il negozio Hare Orca e il Diving Centre, situato a Caleta Hanga Roa e organizzato in stile polinesiano. Offrono un’infrastruttura completa che comprende un ufficio, un’officina, una sala per le attrezzature, bagni, docce, un salone, un’area per il risciacquo dell’attrezzatura subacquea e una terrazza, ideale per il relax.

L’Orca Diving Centre garantisce inoltre a tutti i visitatori attrezzature subacquee professionali, tra cui barche, compressori elettrici, bombole di ossigeno, mute, maschere, boccagli e pinne. È quindi il luogo perfetto per gli appassionati di immersioni, in quanto offre strutture complete e attrezzature di alta qualità.

L’Orca Diving Centre offre un’ampia gamma di attività per soddisfare le diverse preferenze e capacità degli appassionati di avventure subacquee, indipendentemente dalla loro esperienza e dalle loro abilità.

Battesimo subacqueo (Iniciación al buceo)

Una delle esperienze più insolite è il “battesimo subacqueo”, pensato per chi inizia la propria avventura subacquea. Questo viaggio subacqueo della durata di 30-35 minuti si svolge a basse profondità, consentendo ai subacquei di raggiungere un massimo di dieci metri sotto la superficie del mare. Circondati da barriere coralline e pesci colorati, i partecipanti beneficiano di un approccio personalizzato (un istruttore per persona). Inoltre, per garantire che i partecipanti siano introdotti all’affascinante mondo sottomarino, prima dell’immersione si tiene una lezione dettagliata per istruire i futuri subacquei.

Inoltre, con un piccolo supplemento (10 euro), è possibile immortalare questa straordinaria esperienza con foto o filmati subacquei. L’intera attrazione, invece, costa 60 € nella versione base.

Gita in barca e snorkeling (Paseo en bote y snorkeling)

L’Orca Diving Centre offre anche altre affascinanti attrazioni, tra cui una crociera in barca verso le isole Motu Nui, Motu Iti e Kao Kao, che un tempo erano l’arena della gara di Tangata Manu. Il percorso da Caleta Hanga Roa dura solo quindici minuti. Una volta arrivati, i partecipanti possono immergersi nelle acque limpidissime dell’Oceano Pacifico, nuotando o facendo snorkeling. Durante l’esplorazione subacquea, si può scoprire un pittoresco paesaggio vulcanico, con barriere coralline che coprono pareti di formazioni rocciose. Minuscoli pesci tropicali aggiungono fascino al luogo.

Il prezzo di questa affascinante attrazione è di trenta euro (i bambini sotto i dodici anni pagano la metà), il che la rende abbastanza accessibile sotto questo aspetto. L’intera escursione, invece, dura da un’ora e mezza a due ore e include nel prezzo l’attrezzatura per lo snorkeling per tutti i partecipanti interessati a scoprire le ricchezze del mondo sottomarino.

Opzioni per subacquei esperti

L’Orca Diving Centre è anche il luogo ideale per i subacquei esperti certificati che desiderano esplorare i misteri sottomarini dell’Isola di Pasqua. Un’opzione affascinante per i subacquei esperti è il Buceo Aventura, che offre l’opportunità di esplorare colossali sculture vulcaniche sott’acqua, costituite da barriere coralline, grotte, secche e ponti di lava. Vale la pena notare, tuttavia, che la possibilità di andare dipende dalle condizioni del mare del giorno. Il prezzo per questa attrazione è di cinquanta euro e comprende un’immersione. Durante ogni immersione si ha accesso a un’attrezzatura professionale completa.

Per i subacquei esperti che desiderano esplorare le delizie sottomarine in condizioni più estreme, l’Orca Diving Centre offre l’opzione di un’immersione notturna a settanta euro. Inoltre, il centro consente di frequentare corsi di immersione che, tuttavia, a causa del rigido itinerario, difficilmente verranno effettuati. Chi è interessato a questa offerta può trovare informazioni dettagliate sul sito ufficiale dell’Orca Diving Center.

Nono giorno

Il nono giorno del viaggio lasciamo l’Isola di Pasqua e torniamo a Santiago. A causa del lungo viaggio, non sono previste attività in questo giorno.

Decimo giorno

Centro Culturale La Moneda

Come si arriva?

Il decimo giorno del nostro tour di esplorazione del Cile ci dirigiamo verso il Centro Cultural La Moneda. Il modo più semplice per arrivarci è in metropolitana, scendendo alla stazione La Moneda (Línea 1). La distanza tra la stazione della metropolitana e il centro culturale è di circa trecentocinquanta metri. La localizzazione del sito è facilitata dalla presenza nelle vicinanze del Palacio de La Moneda, sede del Presidente della Repubblica del Cile.

Sale espositive e gallerie

Il Centro Cultural La Moneda dispone di diversi spazi espositivi. Tra questi, meritano di essere citati la Sala Andes e la Sala Pacífico. È interessante notare che si tratta di sale che ospitano diverse esposizioni e che di solito presentano mostre in parallelo per soddisfare i diversi interessi dei visitatori. La diversificazione dell’offerta culturale e il raggiungimento di un pubblico diverso sono tra gli obiettivi principali del CCLM, che rende la sede un centro dinamico per le arti e la cultura di Santiago.

Il Centro Cultural La Moneda offre anche altri spazi espositivi che vale la pena esplorare. La Galería del Diseño è il luogo in cui vengono presentate mostre dedicate al design e all’architettura locali e internazionali. In questo spazio si ha spesso l’opportunità di vedere installazioni artistiche che mostrano gli aspetti meno evidenti di mobili, tessuti o altri oggetti. Qui i creatori cercano di trasmettere allo spettatore il significato più profondo e la funzione di cose apparentemente banali.

Un altro spazio affascinante è la Galería del Patrimonio. Le mostre allestite in questa sala sottolineano spesso la necessità di proteggere e coltivare il nostro patrimonio comune. Attualmente è in corso una mostra dal titolo “Ecologías Híbridas”, che illustra il rapporto tra intelligenza artificiale ed ecologia.

Il Centro Cultural La Moneda si rivolge a una varietà di interessi, come dimostra la presenza di diverse gallerie e iniziative. La Galería Cero, impegnata a favorire il legame con la cultura e l’arte fin dai primi anni dell’infanzia, offre programmi su misura per i bambini. La Galería de Fotografía, invece, permette di esplorare l’affascinante mondo della fotografia.

Laboratori

Inoltre, il centro organizza laboratori che comprendono una varietà di attività, tra cui progetti creativi per bambini. Sebbene molte di queste attività siano rivolte ai più giovani, non mancano laboratori aperti a un pubblico più ampio. Nel gennaio 2024, ad esempio, si terrà una lezione di Tai Chi, che offrirà ai partecipanti un’esperienza unica.

Cineteca Nazionale del Cile

Tra le altre attrazioni del Centro Cultural La Moneda, vale la pena menzionare la Cineteca Nacional de Chile, poiché una delle funzioni chiave del centro culturale è anche la conservazione e la diffusione del patrimonio audiovisivo. Sul sito ufficiale è possibile consultare i festival cinematografici e le anteprime nazionali e internazionali in programma, un’interessante aggiunta all’offerta culturale del centro.

Prezzi d’ingresso

I prezzi dei biglietti del Centro Cultural La Moneda dipendono dalle mostre in corso, per cui si consiglia di seguire le mostre in corso sul sito web del centro. Vale la pena ricordare che il centro organizza spesso mostre a ingresso gratuito.

Ristoranti, caffè e negozi

Al livello -1, il Centro Cultural La Moneda offre uno spazio culturale e gastronomico moderno e vario. Tra gli altri, la Fundación Artesanías de Chile, una fondazione certificata con un negozio che offre prodotti artigianali in questo spazio. Questo spazio comprende anche il Café Cívico, il Café Torres e la cioccolateria Entre Lagos. Nel Centro Cultural La Moneda è possibile recarsi anche al ristorante Muno Rural, che offre una cucina eccellente, presentando combinazioni culinarie diverse e innovative in sintonia con la natura. Ogni negozio e caffetteria ha una storia, uno stile e un servizio unici, che lo rendono un luogo d’incontro ideale per gli abitanti di Santiago.

Altre strutture

Il Centro Cultural La Moneda di Santiago non offre solo una ricca gamma di sale espositive e spazi culturali, ma anche una serie di strutture aggiuntive da apprezzare. Tra le altre cose, c’è uno spazio unico, l’Espacio Whipala, creato per il relax o il coworking. Inoltre, il centro offre i servizi tipici di questo tipo di strutture, come servizi igienici, banco informazioni, armadietti e connessione Wi-Fi gratuita.

Cerro Santa Lucía

Come arrivare?

Lo stesso giorno si può visitare anche la collina del Cerro Santa Lucía, situata nel centro di Santiago. Per quanto riguarda il trasporto, come per molte altre attrazioni della capitale cilena di cui si parla qui, è facile arrivarci in metropolitana. Proprio in fondo alla collina si trovano le stazioni della metropolitana di Santa Lucía e Universidad Católica (Línea 1).

Monumental Fountain of Neptune in Cerro de Santa Lucía, in the downtown of Santiago de Chile, next to the Alameda, the main avenue of the city. Chile.
Monumental Fountain of Neptune in Cerro de Santa Lucía, in the downtown of Santiago de Chile, next to the Alameda, the main avenue of the city. Chile., licencja: shutterstock/By toniflap
Storia del Cerro Santa Lucía
Periodo precolombiano e conquista spagnola

Il Cerro Santa Lucía ha una ricca storia che risale all’epoca precolombiana, quando la zona collinare era abitata dagli Inca. A quel tempo era chiamata “huelén”, che tradotto significava disgrazia. Tuttavia, dopo la conquista della zona da parte del conquistador spagnolo e primo governatore del Cile, Pedro de Valdivia, il 13 dicembre 1540, giorno in cui ricorreva la memoria di Santa Lucia, il nome fu cambiato in Santa Lucía, o Santa Lucia.

Nei primi anni dopo la conquista, sulla collina e nelle zone circostanti furono costruiti manieri, mulini e vigneti che portarono notevoli profitti all’aristocrazia spagnola. Tuttavia, con l’eccezione di alcuni eremi e case sui fianchi della collina, durante il periodo coloniale non vi furono molti edifici significativi in funzione sulla collina.

Prima metà del XIX secolo

La svolta avvenne all’inizio del XIX secolo, durante la nascita del Cile indipendente. Nel 1816, sul sito furono costruiti due forti, che potevano essere armati con un numero di cannoni compreso tra otto e dodici.

Nel 1847, con l’arrivo di una spedizione della Marina statunitense al comando del tenente James T. Gilliss, ebbe inizio la storia della ricerca astronomica sulla collina di Santa Lucía. L’Observatorio Astronómico Nacional (Osservatorio Astronomico Nazionale) fu inaugurato ufficialmente nel 1852, diventando uno dei primi del suo genere in America e uno dei più attivi del XIX secolo.

La ricostruzione

Nel 1872, Benjamín Vicuña Mackenna, dopo aver progettato un’importante trasformazione dello spazio urbano di Santiago, intraprese un ambizioso progetto di riqualificazione della collina di Santa Lucía. In un ampio sforzo per migliorare l’estetica e la funzionalità della città, Mackenna avviò cambiamenti radicali in questa zona storica. Nel 1872 introdusse una serie di soluzioni innovative che influenzarono significativamente l’aspetto e la funzione attuali del Cerro Santa Lucía.

Il fulcro di quest’opera era una strada che attraversava la collina e che conduceva a una cappella costruita da Mackenna in cima alla collina. Un’iniziativa innovativa fu l’installazione di una lampada a gas, moderna per l’epoca, per illuminare la cappella e i suoi dintorni. Il resto dell’area della collina fu trasformato in un parco con fontane e punti panoramici, che ebbe un impatto positivo sulla sua attrattiva e attirò l’interesse di molti residenti locali e turisti. L’area sistematicamente irrigata della collina è diventata un luogo di relax e un sistema di irrigazione avanzato ha fornito le condizioni giuste per la vegetazione. Anche l’iconica facciata gialla e bianca, che è un elemento distintivo della collina, è il risultato della riqualificazione effettuata da Mackenna.

Tradizione del Cerro Santa Lucía

Dal 1825, secondo la tradizione, dalla cima del Cerro Santa Lucía viene sparato un colpo di cannone che annuncia il mezzogiorno. Nonostante il rituale sia consolidato da molti anni, in molte occasioni la cerimonia è stata interrotta per vari motivi. Le lamentele per i rumori molesti hanno portato alla sospensione dell’usanza nel 1996 per quattro mesi. Inoltre, dopo il terremoto del 2010, il saluto è stato sospeso per paura della sicurezza del Castillo Hidalgo, il castello in cima alla collina.

Undicesimo giorno

Viña Cousiño Macul

SANTIAGO, CHILE - AUGUST 2015: A view of the Viña Cousiño Macul vineyards
SANTIAGO, CHILE – AUGUST 2015: A view of the Viña Cousiño Macul vineyards, licencja: shutterstock/By Cristian+Silva+Villalobos
Come arrivare?

L’undicesimo giorno del viaggio è prevista la visita al vigneto Viña Cousiño Macul, situato a Macul, nella zona sud-est della città. Per raggiungerlo dal centro città, utilizzeremo la linea di autobus 418, in direzione di Av. Tobalaba. Anche se il viaggio durerà circa quaranta minuti, ne vale sicuramente la pena.

Storia della cantina

La storia della cantina Viña Cousiño Macul è indissolubilmente legata alla famiglia Cousiño e risale alla metà del XIX secolo. Fu allora che Luis Cousiño, il pioniere dell’azienda vinicola di famiglia, acquistò mille ettari a Macul e, insieme alla moglie Isidora Goyenechea, imprenditrice cilena, intraprese la missione unica di portare le prime viti in Cile. Durante il loro soggiorno in Europa, la coppia importò le prime varietà, tra cui il Cabernet Sauvignon e il Merlot, da varie regioni della Francia.

L’influenza europea ha permeato anche l’architettura della cantina, progettata sotto la supervisione di ingegneri francesi. Luis Cousiño e Isidora Goyenechea si assicurarono che la struttura del complesso rispecchiasse fedelmente lo stile francese dell’epoca, fornendo al contempo le condizioni ottimali per la produzione del vino.

Dopo la morte di Luis Cousiño nel 1873, Isidora Goyenechea assunse la direzione dell’azienda di famiglia. Diventando una delle prime imprenditrici del suo tempo, si distinse non solo negli affari ma anche nell’attivismo sociale. Dopo la sua morte, avvenuta nel 1898, la famiglia Cousiño continuò a gestire l’azienda vinicola; oggi, la settima generazione di Cousiño porta avanti la tradizione di famiglia. Viña Cousiño Macul è un’azienda leader nel settore vinicolo, che conserva l’eredità e la passione dei suoi antenati.

Offerta turistica

Viña Cousiño Macul offre un’ampia gamma di pacchetti turistici, che consentono ai visitatori di vivere diverse esperienze alla scoperta della cantina. Un’opzione è un tour personalizzato e su misura con una guida privata, durante il quale i partecipanti hanno l’opportunità di degustare una varietà di vini (prezzo: tra 28 e 38 euro, a seconda del pacchetto scelto). Sono disponibili anche tour più creativi, che possono includere un giro in bicicletta tra i vigneti o un picnic. Questo approccio innovativo per conoscere i segreti della viticoltura e la storia del luogo è sicuramente un’attrazione affascinante e varia.

tasting wine in chile winter with snow
tasting wine in chile winter with snow, licencja: shutterstock/By pamelastasczak
Collezione di vini

Il sito ufficiale della cantina offre anche un’esclusiva collezione di vini e le loro caratteristiche dettagliate.

Inoltre, Viña Cousiño Macul permette di acquistare i suoi vini online, consentendo di approfondire i loro diversi sapori a proprio piacimento.

Contatti

Per ulteriori informazioni o per effettuare una prenotazione, è possibile contattare la cantina via e-mail: info@cousinomacul.cl o chiamando il numero +56223514135.

Catedral de la Asunción de la Santísima Virgen

Come arrivare?

Lo stesso giorno visiteremo la cattedrale più famosa della capitale cilena, la Catedral de la Asunción de la Santísima Virgen. Il tempio si trova nelle immediate vicinanze del Museo Chileno de Arte Precolombino, di cui abbiamo parlato in precedenza nella guida.

The Metropolitan Cathedral in Santiago de Chile at night
The Metropolitan Cathedral in Santiago de Chile at night, licencja: shutterstock/By tifonimages
Storia della cattedrale

Le origini della storia del sito sono legate alla figura di Pedro de Valdivia, che destinò il terreno sul lato ovest della Plaza de Armas alla costruzione del tempio. È interessante notare che in origine il tempio doveva essere costituito solo da una cappella fatta di materiali leggeri come paglia e fango. Si sa anche che inizialmente qui si celebravano le messe all’aperto, quindi la pressione per erigere un edificio adatto a ospitare le pratiche cattoliche deve essere stata piuttosto forte. Tuttavia, non fu un compito facile. Sebbene la prima chiesa cattedrale sia stata costruita tra il 1566 e il 1600, nel corso degli anni dovette essere ricostruita più volte a causa dei numerosi danni causati da incendi e terremoti. Un terremoto particolarmente grave si verificò nel 1647, le cui ripercussioni si fecero sentire in tutta la provincia coloniale spagnola che comprende l’odierno Cile.

La nuova cattedrale

Il successivo terremoto che colpì Valparaíso nel 1730 danneggiò nuovamente la struttura della cattedrale, rovinando gli sforzi dei costruttori e compromettendo la sua qualità architettonica. Di conseguenza, nel 1746 si decise di ricostruire completamente il tempio. Alla costruzione del nuovo luogo di culto parteciparono diversi architetti, tra cui i gesuiti bavaresi Pedro Vogl e Juan Hagen. Il 1° luglio 1748 ebbe luogo la cerimonia di posa della prima pietra del nuovo edificio. La notte del 22 dicembre 1769 scoppiò un incendio che distrusse completamente la vecchia cattedrale, probabilmente a causa dell’accensione di una lampada a oliva. Questo tragico evento accelerò i lavori di costruzione della nuova cattedrale. Nel dicembre 1775 fu inaugurata una parte della nuova cattedrale, spostandovi la celebrazione delle funzioni.

Joaquín Toesca

Nel 1780, Joaquín Toesca, un architetto italiano impegnato in progetti edilizi in Cile, fu incaricato di realizzare la facciata della cattedrale. Diventando una figura chiave nella direzione dei lavori di costruzione della cattedrale, Toesca effettuò una profonda revisione dei piani di costruzione, dai lavori nel settore fatiscente adiacente alla piazza alle modifiche alle aree già esistenti. Grazie al suo intervento, la cattedrale assunse un nuovo stile architettonico neoclassico.

Ulteriori modifiche alla chiesa

Nel 1840, Papa Gregorio XVI concesse al tempio lo status di cattedrale metropolitana, elevando così Santiago al rango di arcivescovado. Nel 1846 iniziò la costruzione di una nuova cappella e un anno dopo si decise di acquistare un nuovo organo per la chiesa. Alla fine del XIX secolo, l’arcivescovo Mariano Casanova avviò una serie di progetti che trasformarono la cattedrale nell’edificio che conosciamo oggi. Il progetto di completamento della cattedrale fu affidato all’architetto italiano Ignacio Cremonessi.

Descrizione della cattedrale – caratteristiche generali, navate e altare maggiore

L’architettura contemporanea della cattedrale è caratterizzata da uno stile eclettico, frutto del coinvolgimento di diversi architetti in un processo di costruzione durato oltre centocinquant’anni. Lunga quasi novantotto metri e larga trenta, la chiesa è divisa in tre navate da massicce colonne decorate con statue di santi: una centrale e due laterali, unite dietro l’altare maggiore.

Elementi architettonici unici sono il soffitto decorato con dipinti ispirati a scene bibliche e l’altare in marmo bianco, rifinito con numerose dorature. Le piastrelle del pavimento, invece, sono disposte a motivi geometrici, aggiungendo un carattere unico a questo luogo sacro.

Cappella

Al centro della navata sinistra della cattedrale si trova la cappella del Santissimo Sacramento con un altare coperto da un ciborio di marmo, decorato con un ostensorio, angeli, lampade e un frontone d’argento. Qui ha pregato Papa Giovanni Paolo II durante la sua visita del 1° aprile 1987 e Papa Francesco il 16 gennaio 2018.

Cripta

Sotto la lastra del presbiterio si trova la cripta, luogo di sepoltura degli arcivescovi di Santiago. Dopo un’importante ristrutturazione nel 2005, ha acquisito un aspetto moderno e sobrio, con un Cristo in posizione crocifissa di epoca coloniale e un piccolo altare in granito.

Sito web della cattedrale

La cattedrale dispone anche di un ampio sito web, che fornisce informazioni sugli orari di apertura e sugli orari delle messe e delle confessioni. Inoltre, il sito consente di accedere a un tour virtuale degli interni della cattedrale, un’opzione affascinante per gli appassionati di architettura sacra. Il sito web della cattedrale consente anche di effettuare donazioni online.

Dodicesimo giorno

Il dodicesimo giorno del nostro viaggio in Cile sarà estremamente affascinante perché, dopo un breve soggiorno a Santiago, partiremo in aereo alla volta di Calama per esplorare il deserto di Atacama, uno dei più aridi del mondo.

sunset - Calama - Blue hour
sunset – Calama – Blue hour, licencja: shutterstock/By cbenapres

Viaggio in aereo da Santiago a Calama

I biglietti aerei tra Santiago e Calama sono solitamente disponibili a prezzi accessibili durante la maggior parte dell’anno. Da marzo a giugno si possono trovare offerte particolarmente vantaggiose; i biglietti aerei più economici partono da soli 20 euro a persona, andata e ritorno. I vettori che offrono voli economici su questa rotta sono principalmente LATAM Airlines e JetSmart. Il volo da Santiago a Calama dura solo due ore.

Come si arriva dall’aeroporto a Calama?

Una volta arrivati all’aeroporto El Loa, a soli sei chilometri dal centro di Calama, è necessario trovare un mezzo di trasporto per la città. A questo proposito, vale la pena notare che, al momento della stesura di questa guida, i servizi di autobus diretti che collegano El Loa alla città di Calama non sono disponibili.

Per questo motivo, dovrete essere pronti a trovare altri mezzi di trasporto. L’opzione più comoda sembra essere quella di viaggiare in taxi, per il quale si può prevedere una spesa compresa tra i quattro e i nove euro. Uber opera anche all’aeroporto di El Loa, come in molti altri luoghi del Cile.

Anche il noleggio di un’auto sembra essere un’opzione interessante, soprattutto perché ci sono molte compagnie internazionali e affidabili disponibili in loco. Vale la pena ricordare che il noleggio di un’auto in questa fase del viaggio sarà un’opzione molto gradita. Se viaggiate in un gruppo più numeroso di 3-5 persone, noleggiate un’auto a trazione integrale a causa del terreno accidentato. Sebbene esistano tour organizzati in autobus dalla città di San Pedro de Atacama ai geyser di El Tatio e ad altre attrazioni della zona, spesso non sono economicamente sostenibili e limitano la nostra libertà di pianificare il viaggio.

La storia di Calama

I dintorni della città nascondono molti preziosi monumenti del passato, risalenti all’epoca precolombiana. All’epoca, un esteso sistema stradale dell’ex Impero Inca attraversava l’area intorno all’attuale città. Funzionando come il principale tambo del deserto di Atacama, cioè un complesso che svolgeva il ruolo di una locanda estesa, Calama era logisticamente molto importante.

La dominazione spagnola durante il periodo coloniale comportò solo alcuni cambiamenti, poiché il clima ostile non permise ai conquistadores di stabilire un’egemonia più forte nella zona. I colonizzatori erano interessati soprattutto a mantenere il controllo tra le rotte economicamente strategiche. In questo senso, Calama divenne un importante punto di approvvigionamento.

Dopo la dichiarazione di indipendenza della Bolivia (6 agosto 1825), Calama fu incorporata nei confini del nuovo Stato. Fin dall’inizio dell’indipendenza della Bolivia, c’era stato un conflitto di confine tra questo Paese e il Cile per la fascia costiera boliviana e il deserto di Atacama. L’area che comprende Calama passò infine al Cile nel 1904 e da allora è rimasta all’interno dei confini del Paese.

Dove vale la pena mangiare a Calama?

Ristorante Patagonia

Indirizzo: Avenida Granaderos 2549, Calama 1394009

Cosa lo distingue:

  • ottime bistecche di controfiletto
  • ampia selezione di vini
Rustico

Indirizzo: Avenida Huaytiquina 2091, Calam

Cosa lo distingue:

  • pollo saporito
  • porzioni generose
Nan-King

Indirizzo: Prat esquina Balmaceda, Calama

Cosa lo rende speciale:

  • Cucina cinese
Ristorante Las Parinas

Indirizzo: Park Hotel Calama Alcalde Jose Lira 1392, Calama

Cosa si distingue:

  • cucina internazionale
osumi sushi

Indirizzo: Avenida Parque Oriente 2553 Plaza Sol del Loa / Calama – Cile, Calama

Cosa si distingue:

  • Cucina giapponese
  • il miglior sushi di Calama
Bavaria

Indirizzo: Sotomayor 2093, Calama

Cosa lo distingue:

  • cibo nutriente per tutti i momenti della giornata in un’atmosfera familiare
Lucertole

Indirizzo: Avenida La Paz 203, Calama 1392442

Cosa lo distingue:

  • deliziosa cucina italiana
Hotel Borde Loa

Indirizzo: Av. La Paz 247 Calama, Calama

Cosa si distingue:

  • cucina locale
  • ottimo posto per cenare fuori dall’hotel
Pasion Peruana

Indirizzo: Eduardo Abaroa 1694, Calama 1390829

Cosa lo distingue:

  • il locale serve una deliziosa cucina peruviana

Le opzioni alberghiere più interessanti di Calama

I migliori hotel di Calama a prezzi accessibili
Atankalama (prenota qui)

Indirizzo: Uno Sur 872, 1390000 Calama

Disponibilità camere: singole con letto singolo, doppie con letto matrimoniale e triple con tre letti singoli. Sono disponibili anche suite familiari con due o quattro letti singoli e un grande letto matrimoniale.

Servizi:

  • ristorante AtanKalama aperto a tutte le ore del giorno
  • centro benessere con sauna, jacuzzi e sala massaggi
  • parcheggio pubblico gratuito
  • accesso pubblico a Internet gratuito
  • accesso alla terrazza con giardino e attrezzature per il barbecue

Prezzi a notte in luglio: da 45 €

Prezzi per notte a febbraio: da 45 €

Hotel Aymara (prenota qui)

Indirizzo: Abaroa 2120, 1390000 Calama

Disponibilità camere: camere con uno o due letti singoli e suite con un letto matrimoniale.

Servizi:

  • parcheggio privato gratuito
  • Wi-Fi gratuito
  • deliziosa colazione continentale

Prezzi a notte in luglio: da 36 €

Prezzi per notte a febbraio: da €36

ibis Calama (prenota qui)

Indirizzo: Calle Nueva 2 1857 Parque Poniente, 1390000 Calama

Disponibilità camere: camere con un letto matrimoniale, o con un letto matrimoniale e un divano letto

Servizi:

  • accesso a mobili da giardino, attrezzature per barbecue, giardino e area picnic
  • ristorante aperto per la prima colazione
  • parcheggio privato gratuito

Prezzi a notte in luglio: da 61 €

Prezzi a notte in febbraio: da €62

I migliori hotel di Calama per famiglie con bambini
Geotel Calama (prenota qui)

Indirizzo: Cobija 2273, 1700000 Calama

Disponibilità camere: appartamenti con uno o due letti matrimoniali in camere separate

Servizi:

  • terrazza e mobili da giardino
  • Wi-Fi pubblico e gratuito
  • parcheggio privato gratuito

Prezzi a notte in luglio: da 73 €

Prezzi a notte in febbraio: da €73

Ayelen Apart Hotel (prenota qui)

Indirizzo: Sotomayor 2397 – 2369, 1390000 Calama

Disponibilità camere: suite con uno o due letti singoli e camere con un letto matrimoniale. È inoltre possibile prenotare una suite con due o tre camere da letto e cinque letti singoli.

Servizi:

  • internet gratuito
  • parcheggio privato gratuito
  • centro fitness
  • bar e caffetteria in loco

Prezzi a notte in luglio: da €74

Prezzi a notte in febbraio: da €74

Hotel Agua del Desierto (prenota qui)

Indirizzo: La Paz 922, 1392424 Calama

Disponibilità camere: suite con un letto matrimoniale o due letti singoli

Servizi:

  • presenza del ristorante OASIS RESTAURANTE, aperto per colazione, pranzo e cena
  • piscina esterna gratuita aperta tutto l’anno
  • centro benessere con sala fitness, sala massaggi e bagno pubblico
  • internet gratuito
  • parcheggio privato gratuito

Prezzi a notte in luglio: da 85 €

Prezzi per notte a febbraio: da €85

I migliori hotel di lusso di Calama
Hermoso departamento en el centro de la ciudad (prenota qui)

Indirizzo: 1536 Pasaje Vivar, Calama

Disponibilità camere: suite con tre camere da letto (due con letto matrimoniale, la terza con due letti singoli)

Servizi:

  • centro benessere con sauna e jacuzzi
  • parcheggio privato gratuito
  • connessione Wi-Fi pubblica gratuita
  • splendida vista sulle montagne

Prezzi a notte in luglio: da €154

Prezzi per notte a febbraio: da €154

Alto del Sol Calama (prenota qui)

Indirizzo: Balmaceda 2634, 1390000 Calama

Disponibilità camere: camere con uno e due letti matrimoniali

Servizi:

  • accesso in loco al ristorante Rafaella, che serve cucina peruviana e internazionale a tutte le ore del giorno
  • piscina coperta, gratuita, aperta tutto l’anno
  • Wi-Fi pubblico e gratuito
  • centro fitness e bagno pubblico

Prezzi a notte in luglio: da 93 €

Prezzi per notte a febbraio: da 93 €

Hotel Diego De Almagro Calama (prenota qui)

Indirizzo: Pedro Leon Gallo 1840, 1390000 Calama

Disponibilità camere: suite con uno o due letti matrimoniali

Servizi:

  • Ristorante Chuquicamata, con cucina locale e internazionale per colazione, pranzo e cena.
  • piscina all’aperto, aperta tutto l’anno
  • centro benessere con sauna e sala fitness
  • parcheggio privato gratuito

Prezzi a notte in luglio: da 118 euro

Prezzi a notte a febbraio: da 96 €

Chuquicamata

Chuquicamata, world's biggest open pit copper mine, Calama, Chile
Chuquicamata, world’s biggest open pit copper mine, Calama, Chile, licencja: shutterstock/By sunsinger
Come arrivare?

Se il tempo a disposizione lo consente, all’arrivo da Santiago si può considerare di visitare Chuquicamata, una delle miniere di rame a cielo aperto più grandi del mondo in termini di produzione, nella stessa giornata.

In auto da Calama si arriva a Chuquicamata in venti minuti. Dopo aver lasciato la città, si segue la strada numero 24 verso nord.

Fatti interessanti su Chuquicamata
Gli inizi

Chuquicamata era un tempo sfruttata dagli indigeni della zona. Il nome della miniera deriva dalla lingua aymara utilizzata da alcuni indigeni. Durante il periodo precolombiano, gli indiani estraevano qui il rame, che utilizzavano per fabbricare utensili e armi.

La Fiebre del Oro Rojo

L’attività mineraria a Chuquicamata era inizialmente relativamente poco sviluppata. Tutto cambiò nella seconda metà del XIX secolo, quando il Cile, a seguito di una lunga guerra con i Paesi confinanti, annesse parte del territorio del Perù e della Bolivia, compresa l’area in cui si trovava la miniera di Chuquicamata. A seguito del fenomeno comunemente noto come “corsa all’oro rosso” (da La Fiebre del Oro Rojo in spagnolo) nella seconda metà del XIX secolo, la zona conobbe un afflusso di numerosi minatori.

In breve tempo, Chuquicamata divenne uno dei principali siti di estrazione del rame, con siti minerari sviluppati. Tuttavia, l’area intorno alla miniera era anche il luogo di un accampamento selvaggio e disorganizzato all’epoca, e le attività minerarie qui erano spesso non regolamentate. I problemi legati alle rivendicazioni minerarie per l’estrazione del rame e lo scoppio della guerra civile cilena nel 1891 complicarono ulteriormente la situazione. Molti minatori si stabilirono illegalmente in baraccopoli di fortuna intorno alle miniere, dove l’alcol, il gioco d’azzardo e la prostituzione regnavano sovrani e gli omicidi erano all’ordine del giorno. Per ristabilire l’ordine, fu necessario inviare l’esercito nella zona delle miniere, cosa che avvenne solo nel 1918.

Che Guevara a Chuquicamata

Nel 1951, il giovane Che Guevara documentò la sua visita alla miniera di Chuquicamata durante un viaggio con Alberto Granado. Le sue memorie, intitolate “Diarios de motocicleta”, descrivono la miniera come “[…] la scena di un dramma contemporaneo. Non si può dire che manchi di bellezza, ma è una bellezza senza grazia, imponente e gelida”.

L’ascesa del rame

Vale la pena notare che solo nel XX secolo il rame ha raggiunto la stessa importanza di altri prodotti esportati dal Cile, come l’argento e il salnitro. L’industria del salnitro perse la sua importanza dopo che in Germania furono sviluppati sostituti più economici ottenuti per sintesi chimica. Di conseguenza, l’economia cilena divenne dipendente dall’industria del rame, che divenne un pilastro fondamentale dell’economia del Paese.

Anaconda

Nel 1971, il neoeletto presidente cileno Salvador Allende decise di nazionalizzare la miniera di Chuquicamata. La direttiva delle autorità ebbe conseguenze negative per la società mineraria statunitense Anaconda, che all’epoca perse due terzi della produzione di rame nella zona. Dopo che Allende fu rovesciato da un colpo di stato sostenuto dalla CIA nel 1973, il nuovo governo militare cileno pagò ad Anaconda un risarcimento di 250 milioni di dollari.

Tredicesimo giorno

San Francisco de Chiu Chiu

Come arrivare?

Il tredicesimo giorno del nostro viaggio in Cile sarà dedicato alla visita di tre località della zona di Calama. Inizieremo con una visita a San Francisco de Chiu Chiu, noto anche come Chiu Chiu. Il villaggio si trova a trentacinque chilometri a nord-est del centro di Calama. Per arrivarci, dopo aver attraversato i confini della città, seguiamo la strada numero 21.

La chiesa di Chiu Chiu

Nel villaggio di Chiu Chiu, l’attrazione principale è la chiesa di San Francisco de Chiu Chiu, costruita nel XVII secolo. Costruita intorno al 1650, è la chiesa più antica del Cile.

San Francisco de Chiu Chiu church at the Chiu Chiu village, Chile. It was built in 16th century. The village is 30 km from Calama, in the calama province in Northern Chile, in the Antofagasta Region.
San Francisco de Chiu Chiu church at the Chiu Chiu village, Chile. It was built in 16th century. The village is 30 km from Calama, in the calama province in Northern Chile, in the Antofagasta Region., licencja: shutterstock/By Maurizio+Bersanelli

Lasana

Come arrivare?

Dopo aver visitato lo storico tempio, ci dirigiamo verso Lasana, un villaggio a undici chilometri a nord di Chiu Chiu, proseguendo lungo la strada numero 21. A Lasana intendiamo vedere le rovine della fortezza Pucará de Lasana, risalente al XII secolo.

Storia delle popolazioni indigene di Lasana

Le prime tracce di comunità indigene nella regione risalgono al VI secolo d.C.. A quell’epoca, gli indios Atacamas che vivevano nella zona si dedicavano all’agricoltura (coltivazione di patate, mais, quinoa), all’allevamento (lama) e all’artigianato (ceramica, tessitura, lavorazione del rame). Nel XV secolo, tuttavia, furono conquistati dagli Inca, che imposero loro nuove tradizioni.

Caratteristiche della fortezza di Pucará de Lasana

Le fortezze di questo tipo, come quella di Pucará de Lasana, erano un elemento caratteristico della cultura materiale delle Atacamas, con funzione protettiva. Costruite in pietra e fango, erano costituite da mura con divisioni interne per abitazioni, magazzini e altre strutture architettoniche. Erano inoltre caratterizzati dalla mancanza di monumentalità e di motivi scultorei. Roberto Montandón Paillard, uno studioso svizzero che lavora in Cile, considera l’architettura presente in questo luogo come primitiva, in cui il razionalismo predomina sull’esaltazione decorativa.

Ayquina

Come arrivare?

Concludiamo il nostro tredicesimo giorno di viaggio in Cile con una visita alla città di Ayquina. Ci sono due strade principali che portano ad Ayquina da Lasana. Il primo consiste nel percorrere la strada B-155 attraverso Divisoco. Sebbene questo percorso sia più breve in termini di lunghezza, le infrastrutture di questo tratto lasciano molto a desiderare, poiché la strada per Ayquina è sterrata.

La seconda opzione consiste nel passare per San Francisco de Chiu Chiu (che richiede un percorso a ritroso) e poi proseguire lungo le strade B-169 e B-165 fino alla nostra destinazione. Scegliendo questa seconda opzione, avremo accesso a condizioni stradali migliori e a ulteriori attrazioni lungo il percorso. Infatti, durante il tragitto possiamo fermarci a vedere la laguna Inka Coya, situata a sei chilometri a est di Chiu Chiu.

Caratteristiche del villaggio

Ayquina è un altro villaggio insolito del nostro itinerario, situato sul versante settentrionale del canyon del fiume Salado, che colpisce non solo per la sua bellezza naturale ma anche per la sua caratteristica architettura. In questo luogo si possono osservare le numerose case in stile precolombiano, dove i tetti di paglia e le pareti di pietra calcarea creano un paesaggio unico. Inoltre, intorno al villaggio sono disseminate incantevoli terrazze agricole, disposte in modo pittoresco lungo il canyon del fiume Salado.

Pueblo de Ayquina, Is a town located in the altiplano at 3000 msnm in a ravine that ends at the Salado river.
Pueblo de Ayquina, Is a town located in the altiplano at 3000 msnm in a ravine that ends at the Salado river., licencja: shutterstock/By Andres+Araya+S
Festival

Ma Ayquina non ha solo questo da offrire. A settembre, infatti, si tiene una festa religiosa in onore di Maria di Nazareth, chiamata Nostra Signora di Guadalupe. Questa cerimonia, che si svolge il 7 e l’8 settembre, attira un gran numero di pellegrini, facendo aumentare la popolazione della città da circa 50 persone a circa 70.000. Alcuni ringraziano i miracoli della Madonna con danze, mentre altri lo fanno in modo più convenzionale attraverso la preghiera o il pellegrinaggio. L’intera celebrazione dura quasi ventiquattro ore, iniziando a Calama e terminando ad Ayquin. Anche i fuochi d’artificio sono estremamente spettacolari e aggiungono un ulteriore scintillio e colore a questa celebrazione religiosa.

Quattordicesimo giorno

El Tatio

Come arrivare?

Il quattordicesimo giorno del nostro viaggio in Cile lo dedicheremo alla visita di El Tatio, uno dei più grandi campi geotermici del mondo. Per arrivarci da Calama, ci dirigiamo verso est sulla Route 21, poi giriamo dopo Chiu Chiu sulla B-169, proseguendo sulla B-165, B-159 e B-245 in direzione nord.

I geyser

El Tatio è un sito straordinario con quasi ottanta geyser attivi, che si erge con orgoglio a capo del più grande campo geotermico dell’emisfero meridionale. In termini di dimensioni, è secondo solo al Parco Nazionale di Yellowstone negli Stati Uniti e alla Geyser Valley in Russia. È anche il sito più alto al mondo nel suo genere, poiché si trova a ben 4.000 metri sul livello del mare.

Sebbene El Tatio vanti un numero impressionante di geyser, le loro eruzioni non sono molto spettacolari, con una media di circa 76 centimetri. Tuttavia, la presenza di geyser attivi e i dintorni pittoreschi rendono la visita a El Tatio un’esperienza indimenticabile per tutti gli amanti della natura e dei fenomeni geotermici unici.

hot springs, El Tatio geysers in the Atacama desert in Chile, South America
hot springs, El Tatio geysers in the Atacama desert in Chile, South America, licencja: shutterstock/By mike7
Flora e fauna

El Tatio è un’area situata in un’ecoregione denominata puna secca delle Ande centrali, dove domina la vegetazione di alta quota. In questo luogo unico si trovano erbe, macchie, arbusti, zone desertiche e spesso endemismi vegetali tipici di questa formazione. La pianta caratteristica è l’azorella, che forma densi cuscini verdi che contrastano con il paesaggio monocromatico e roccioso del deserto.

El Tatio geyser field in the Andes Mountains of northern Chile at 4,200 meters above mean sea level. The best time to see them is at sunrise when each geyser is surmounted by a column of steam.
El Tatio geyser field in the Andes Mountains of northern Chile at 4,200 meters above mean sea level. The best time to see them is at sunrise when each geyser is surmounted by a column of steam., licencja: shutterstock/By steveallenphoto
Altre attrazioni

Un’ulteriore attrazione del sito sono le piscine termali, che offrono ai visitatori bagni rilassanti nelle sorgenti calde, consentendo loro di godere dei magnifici paesaggi.

Woman taking a bath at El Tatio Geysers hot springs at Atacama desert, amazing thermal spring waters at 4500 masl inside Andes mountains scenic a place with an awe geothermal activity below the ground
Woman taking a bath at El Tatio Geysers hot springs at Atacama desert, amazing thermal spring waters at 4500 masl inside Andes mountains scenic a place with an awe geothermal activity below the ground, licencja: shutterstock/By abriendomundo
Quando andare a El Tatio?

Il momento migliore per visitare El Tatio è la mattina, prima dell’alba, quando le differenze di temperatura rendono i fumi dei geyser più impressionanti. Ricordate di vestirvi in modo caldo.

Prezzi d’ingresso

L’ingresso a El Tatio costa 15 euro.

Terza settimana del tour

Quindicesimo giorno

Ritorno a Santiago

Il quindicesimo giorno del nostro viaggio in Cile, da Calama torniamo in aereo a Santiago, dove concluderemo il nostro tour di questo affascinante Paese. Tuttavia, se il nostro viaggio copre il periodo da giugno a ottobre, vale la pena di considerare un’escursione aggiuntiva a Valle Nevado, una rinomata stazione sciistica situata a una cinquantina di chilometri a est della capitale.

Valle Nevado – opzione facoltativa

Aerial view of Los 3 Valles (La Parva, Farellones, and Valle Nevado) in Santiago, Chile captured with a drone.
Aerial view of Los 3 Valles (La Parva, Farellones, and Valle Nevado) in Santiago, Chile captured with a drone., licencja: shutterstock/By pz_photo
Come arrivare da Santiago?

Il modo migliore per raggiungere la Valle Nevado è l’auto, che si può noleggiare, tra l’altro, all’aeroporto di Santiago. Nel quartiere di Sanhattan e nella zona orientale della città in generale si trovano anche molte società di noleggio. Potremmo anche essere tentati di essere più stravaganti, prendendo un elicottero per Valle Nevado. Per organizzare questo tipo di trasporto si può contattare Valle Nevado chiamando il numero (56) 2 2477 7705 o inviando un’e-mail al seguente indirizzo: reservas@vallenevado.com.

Descrizione del comprensorio

La stazione sciistica offre un numero impressionante di piste – 34 in totale, di cui 4 per principianti, 11 per intermedi, 14 per avanzati e 5 per esperti. L’accesso alle piste è facilitato da 16 impianti meccanici, tra cui 7 skilift, 3 tappeti magici, 5 seggiovie e una funivia.

Mountains of Valle Nevado Chile
Mountains of Valle Nevado Chile, licencja: shutterstock/By rcheles
Servizi disponibili

Valle Nevado non solo offre eccellenti condizioni sciistiche, ma offre anche una serie di servizi. In loco sono disponibili una scuola di sci e snowboard, il noleggio di attrezzature, un centro medico e diversi negozi. Nei pressi delle piste si trova anche un’ampia scelta di ristoranti e hotel. Per informazioni più dettagliate su pass, prezzi dei biglietti e altri servizi disponibili, si consiglia di visitare il sito ufficiale di Valle Nevado.

Santigo, Chile - August 2011 - Amazing view of the andes mountain in Vale Nevado
Santigo, Chile – August 2011 – Amazing view of the andes mountain in Vale Nevado, licencja: shutterstock/By thiagoneves

Sintesi

L’unicità del Cile risiede nella sua diversità culturale e, soprattutto, geografica e di ecosistema. Anche se la nostra guida ha incluso solo una piccola parte delle destinazioni turistiche accessibili e popolari del Cile, omettendo tra l’altro il notevole Parco Nazionale Torres del Paine, situato nella parte meridionale del Paese, ci auguriamo che permetta ai visitatori del Paese di scoprire attrazioni precedentemente sconosciute di natura diversa. Tenete inoltre presente che, sebbene la guida qui presentata fornisca un itinerario completo per il Cile, potrete modificare il vostro tour del Paese in base alle vostre preferenze o capacità. La flessibilità del programma è evidenziata anche dalle opzioni facoltative qui incluse.